Resta sintonizzato

Caserta

Omicidio nel casertano. Uomo uccide la moglie e si costituisce

Pubblicato

il

Michele Marotta, 34enne originario di San Felice al Cancello, ha ucciso la moglie, Maria Tedesco.

La donna, originaria di Maddaloni, ma residente nella frazione di Botteghino, è stata colpita con un letale colpo di pistola al cuore che non le ha lasciato scampo.

Maria è stata portata dal marito sulla collina del Mattinale, per poi essere uccisa. Tra i due ci sarebbe stato un violento litigio sfociato nell’omicidio della donna. Il movente è probabilmente quello passionale.

Secondo alcuni testimoni i due avrebbero litigato già nel pomeriggio di ieri, in strada e davanti agli occhi di alcuni familiari.

L’uomo dopo essersi costituito, è ora in caserma mentre i carabinieri della stazione locale coordinati dal capitano della Compagnia di Maddaloni, Stefano Scollato, sono sul posto per effettuare le indagini del caso.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caserta

Scene di folle violenza nel casertano: ragazza presa a morsi dal fidanzato

Pubblicato

il

Ancora un episodio di violenza sulle donne. Questa volta a Santa Maria a Vico, in provincia di Caserta.

Ieri mattina una giovane di 23 anni è stata presa a morsi e cazzotti dal suo fidanzato al culmine di una lite.

La vittima proviene dalle Borgate alte di Santa Maria a Vico, zona Mandre.

Nella giornata di ieri si è recata al Psaut di San Felice a Cancello  per essere medicata. L’aggressione fisica si è consumata al culmine di una lite tra i due.

Lei aveva deciso di lasciarlo, ma lui non avrebbe accettato la decisione di buon grado e l’ennesima discussione tra i due sarebbe degenerata.

L’ha così aggredita prendendole a morsi l’avambraccio sinistro e sferrandole un pugno alla mandibola.

La ragazza è stata medicata con diversi giorni di prognosi. Non è chiaro se le forze dell’ordine abbiamo acquisito informazioni sull’episodio per procedere contro il giovane aggressore. Non sarebbe stata la prima volta che il ragazzo si rende protagonista di simili episodio di violenza.

Continua a leggere

Caserta

L’ennesima vittima del Covid-19: morto un finanziere del casertano

Pubblicato

il

La città di Caiazzo, in provincia di Caserta, piange un’altra vittima del Covid-19: un finanziere di 57 anni.

Antonio Franco è morto a Torino, dove viveva con la famiglia, a causa delle complicanze legate al Coronavirus.

A tutta la sua famiglia, ai fratelli, al papà, desidero esprimere il mio affetto e la mia vicinanza, unitamente a tutta l’Amministrazione Comunale e all’intera cittadinanza. Non ci sono parole per esprimere ciò che si prova in questi momenti, anche se non si è direttamente coinvolti” ha scritto il Sindaco Stefano Giaquinto.

Continuando “Un anno di pandemia ci ha posto di fronte a scene terribili e il pensiero va a chi è rimasto qui con il suo dolore ma anche a chi, è finito, da solo, in un letto d’ospedale. E’ doveroso ricordare Antonio Franco figlio di questa terra e stringerci alla sua famiglia, prima di fare il punto sulla situazione dei contagi da Covid-19 nel nostro territorio”. 

Continua a leggere

Caserta

Terrificante scoperta nel casertano: 40enne ritrovato in casa privo di vita

Pubblicato

il

Trarik Cayvarli è stato trovato ieri pomeriggio privo di vita all’interno della sua abitazione nel casertano.

Il 40enne viveva da diversi anni in zona, turco di origine tedesca, precisamente di Braunschweig e aveva sposato Rosa, originaria di San Felice a Cancello, con la quale aveva deciso di stabilirsi proprio a San Felice.

Era diventato padre per la seconda volta da pochi giorni e proprio per questo era solo in casa. La moglie, infatti, reduce dalla gravidanza stava dalla madre per essere assistita.

Faceva piccoli lavori e non si tirava mai indietro, aveva lavorato anche nel settore dell’abbigliamento. 

L’ultimo contatto nella serata di venerdì, poi ore di buio che hanno indotto il cognato ad andare a vedere cosa stesse facendo. 

Sul corpo non sono stati trovati segni di violenza, il che fa supporre che Tarik sia morto per cause naturali, probabilmente stroncato da un infarto o un aneurisma.

Sarà adesso il medico legale a effettuare l’esame autoptico sul corpo del 40enne per ricostruire le eventuali cause del decesso.

Inutile l’arrivo dei sanitari del 118 sul luogo della tragedia.

Indagano i carabinieri.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante