Resta sintonizzato

Attualità

Casoria. Il Sindaco Raffaele Bene firma la nuova ordinanza con divieti e restrizioni

Pubblicato

il

Il Sindaco di Casoria, Raffaele Bene, ha appena annunciato sulla sua pagina Facebook le Nuove misure anti-covid per la città.
Il virus corre sempre di più e quindi abbiamo deciso di adottare una nuova ordinanza, a firma del vicesindaco. Dott.ssa Paola Ambrosio, con provvedimenti più restrittivi a Casoria” ha esordito.
Continuando con la spiegazione dei nuovi provvedimenti: “Da domani e fino al 30 novembre:
– saranno sospese le attività didattiche di tutte le scuole di ogni ordine e grado;
– non sarà possibile fumare e consumare cibi e bevande all’aperto;
– i minori, dalle h. 18, potranno uscire solo se accompagnati da un maggiorenne;
– gli ultrasettantenni, sempre dalle h. 18.00, sono invitati a rimanere a casa;
– dalle h. 18.00 sarà possibile solo il delivery per bar, ristoranti, pizzerie, pub, etc;
– è interdetto o limitato l’accesso in alcune strade e piazze cittadine tutti i giorni, dalle h. 18.00 alle h. 22 e sabato e domenica dalle h. 10.00 alle h. 22.00;
– è vietata ogni forma di commercio itinerante;
– è ribadito l’obbligo dell’utilizzo di mascherina h. 24 anche all’aperto ed il divieto assoluto di assembramenti”.
Concludendo: “Il mancato rispetto di queste disposizioni comporterà sanzioni pecuniarie e penali. Ognuno deve fare la propria parte. I primi controllori della nostra salute dobbiamo essere noi stessi e per questo faccio un forte appello alla responsabilità ed al senso civico di ognuno”.
Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

Picchia la moglie incinta e poi la chiude in casa: 35enne in manette

Pubblicato

il

Episodio di violenza di genere a Pedara, in provincia di Catania, dove un uomo di 35 anni ha picchiato la moglie incinta, per poi chiudere il cancello di casa per impedirle la fuga.

Secondo le prime informazioni, i carabinieri accorsi sul posto, hanno trovato nel cortile di casa la donna, di 37 anni, evidentemente dolorante e con vistose tracce di sangue sul viso. A quel punto, la stessa ha riferito agli agenti, di essere stata prima picchiata e poi rinchiusa in cortile dal marito, il quale si era rifugiato in mansarda all’arrivo dei militari.

Inoltre, la vittima ha aggiunto che già in altre occasioni, l’uomo si era reso protagonista di simili comportamenti. Pertanto, il 35enne è stato raggiunto al piano superiore ed è stato arrestato e condotto in carcere, dove dovrà rispondere all’accusa di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.

Continua a leggere

Attualità

Florida, l’Fbi irrompe nel resort di Trump: portati via alcuni documenti

Pubblicato

il

Blitz degli agenti dell’Fbi presso il resort di Donald Trump a Mar-a-Lago, in Florida, dove nel corso di una perquisizione hanno portato via scatole piene di documenti.

In particolare, gli agenti hanno mostrato un mandato di perquisizione al giudice, nell’ambito di un’indagine sul trattamento dei documenti presidenziali, compresi alcuni riservati che Trump, avrebbe potuto conservare nella sua casa in Florida. L’ipotesi più probabile, è che si tratterebbe di una nuova probabile causa di violazione della legge federale, sulla gestione dei documenti della Casa Bianca da parte di Trump.

Ecco le dichiarazioni di Trump, che al momento della perquisizione, si trovava alla Trump Tower di New York:

“La mia bella casa, Mar-A-Lago a Palm Beach, in Florida, è attualmente sotto assedio, perquisita e occupata da un folto gruppo di agenti dell’Fbi”. Inoltre, secondo l’ex presidente, si tratterebbe di un “attacco dei Democratici della sinistra radicale, che disperatamente non vogliono che mi candidi alla presidenza nel 2024”.

Poi, ha aggiunto: “Niente di simile è mai successo prima a un presidente degli Stati Uniti. Dopo aver lavorato e collaborato con le agenzie governative competenti, questo raid senza preavviso nella mia casa, non era necessario né appropriato. Hanno persino fatto irruzione nella mia cassaforte”!

Continua a leggere

Attualità

Blitz della GdF, maxi sequestro di beni per due aziende di rifiuti: la situazione

Pubblicato

il

Blitz della Guardia di Finanza di Napoli e della Compagnia di Torre del Greco, che nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Torre Annunziata, hanno eseguito perquisizioni e sequestri presso alcune abitazioni. In particolare, tre persone, amministratrici di fatto e di diritto di due società operanti nel settore della raccolta dei rifiuti, si sono viste sequestrare preventivamente 13 automezzi per la raccolta rifiuti, oltre a somme del valore di 1,5 milioni di euro.

Pertanto, i tre indagati avrebbero letteralmente prosciugato il patrimonio aziendale di beni di pregio, tra cui quadri e altre opere d’arte, di soldi e automezzi, portando due società alla bancarotta. Inoltre, nel corso delle perquisizioni, i finanzieri hanno rinvenuto somme di denaro e beni per un valore di 441 mila euro.

Le indagini effettuate, hanno messo nel mirino due società oggetto di fallimento, ovvero la ‘Sagi Service Srl di Torre del Greco e la ‘Melito Multiservizi S.p.a.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante