Resta sintonizzato

Cronaca

Malati di Covid, marito e moglie muoiono lo stesso giorno

Pubblicato

il

Malati di Covid entrambi, a distanza di un’ora l’una dall’altro sono scomparsi. E’ questa la triste storia della coppia d’anziani di Sesto San Giovanni: lei Olga (82 anni) e lui Vincenzo (83 anni).

I fatti sono accaduti domenica pomeriggio: dopo solo 4 giorni di ricovero, alle 14 è morta Olga e un’ora dopo Vincenzo. Ecco il racconto della nipote Katia. “Non uscivano, erano molto prudenti, solo il nonno andava a far la spesa e in farmacia, purtroppo si sono ammalati. Avevano festeggiato i 63 anni di matrimonio il 26 settembre ed erano sempre insieme. Porterò con me il ricordo della nonna, pugliese, mentre preparava a mano le orecchiette e il nonno accanto a lei che le prendeva una ad una per aiutarla”.

La coppia anziana era stata ricoverata all’ospedale San Gerardo di Monza l’11 novembre.  “È stato il nonno a manifestare i primi sintomi – prosegue nel racconto Katia – e poi anche la nonna. Nonostante la febbre alta, per oltre una settimana il medico non è mai uscito a visitarli, gli ha dato un antibiotico dicendo che era influenza e invece era Covid-19. L’11 mattina avevano 68 di saturazione lui e 86 lei, così gli zii hanno chiamato il 112 e sono stati portati via insieme“.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Tutela ambientale, controlli in diverse aziende tra Napoli e Caserta: scattano sanzioni e sequestri

Pubblicato

il

Nel corso degli ultimi mesi è stata intrapresa dai Carabinieri per la Tutela Ambientale e la Transizione Ecologica una complessa campagna di controlli tesi a reprimere fenomeni di abbandono e combustione illecita di rifiuti nei territori tristemente noti come “Terra dei Fuochi”.

In una prima fase è stato effettuato uno studio di analisi, finalizzato a censire le aree maggiormente utilizzate per l’abbandono e la combustione dei rifiuti e, successivamente, si è proceduto ad analizzare la particolare tipologia di rifiuti, oggetto di combustione. Da tale quadro, si è poi risaliti alle filiere produttive, da cui scaturisco particolari tipologie di scarti di produzione, pianificandone controlli “a tappeto”.

La prima attenzione è stata dedicata alla filiera del pellame e del tessile, i cui primi iniziali controlli hanno consentito non solo di ravvisare numerose violazioni in materia di smaltimento degli scarti di lavorazione, ma soprattutto hanno condotto ad individuare ulteriori aziende operanti in modo illegale e abusivo nella stessa filiera.

Proprio in virtù di tali primi positivi riscontri, nelle mese di settembre e di ottobre dello scorso anno e, da ultimo, alcuni giorni orsono, nei Comuni di Napoli, Casavatore (NA), Giugliano in Campania (NA), san Tammaro (CE) e Solofra (AV), Ottaviano (NA), San Giuseppe Vesuviano (NA), San Gennaro Vesuviano (NA) e Palma Campania (NA), i Carabinieri del Gruppo per la Tutela Ambientale di Napoli – Nuclei Operativi Ecologici di Napoli, Caserta, Salerno, Bari e Potenza –, collaborati da personale del Gruppo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Napoli – NIL di Napoli – e dai militari dei Comandi Provinciali di Napoli e Caserta hanno effettuato una serie di controlli finalizzati ad accertare le modalità di smaltimento degli scarti di lavorazione delle industrie tessili, avendo appurato che proprio gli scarti tessili rappresentano una delle tipologie di rifiuti più spesso dati alle fiamme nelle aree maggiormente interessate dalla combustione illecita di rifiuti. Nello specifico, circa 60 militari, hanno sottoposto a verifica numerosi opifici industriali nella Provincia di Napoli e Caserta.

All’esito delle operazioni compiute i Carabinieri del N.O.E. hanno deferito all’Autorità Giudiziaria nr. 29 persone, titolari di altrettante ditte, ritenuti responsabili di smaltimento illecito di rifiuti e scarico illecito di acque reflue industriali in corpo idrico superficiale, sottoponendo a sequestro impianti e macchinari utilizzati per l’esercizio delle illecite attività di concia e lavorazione del pellame e dei tessuti.

Nello stesso contesto, i Carabinieri del NOE di Napoli e del Nucleo Ispettorato del Lavoro dello stesso capoluogo hanno disposto la sospensione dell’attività produttiva di nr. 5 opifici della provincia di Napoli, in quanto, al momento del sopralluogo, verificavano l’abusivo stoccaggio di ingenti quantitativi di scarti di lavorazione, nessuno dei quali riportato sui registri previsti per legge e la presenza di nr. 39 operai “in nero”, su un totale di nr. 60 occupati.

Nel corso dei controlli veniva acquisita cospicua documentazione, al vaglio degli investigatori, che consenta di risalire ad ulteriori filiere illegali. I riscontri ottenuti hanno permesso di confermare come la problematica dello smaltimento illecito di rifiuti, a mezzo di combustione degli stessi, sia dovuta principalmente:

– agli elevati oneri da sostenere per il regolare smaltimento dei rifiuti;

– all’esistenza di attività che operano con manodopera “in nero”;

– alla tendenza di talune aziende di nascondere al fisco la reale operatività, limitando la fatturazione attraverso la produzione “in nero” ed evitando dunque i previsti oneri di tassazione.

Nel complesso, nel corso degli ultimi mesi, sono stati conseguiti i seguenti risultati:

– controllati nr. 54 opifici industriali operanti nella lavorazione e commercializzazione del pellame;

– denunciate nr. 29 persone;

– sequestrate nr. 11 aziende e numerosi impianti e macchinari utilizzati per le illecite attività, nonché numerosi sacchi contenenti scarti di lavorazione, destinati all’abbandono su strada;

– irrogate nr. 90 sanzioni amministrative per 285.000,00 (duecentottantacinquemila) euro complessivi.

I controlli dei Carabinieri del N.O.E. proseguiranno anche nei confronti delle altre filiere produttive, individuate quale responsabili dei fenomeni di abbandono e combustione degli scarti di lavorazione.

Continua a leggere

Cronaca

Dramma nel Casertano. Precipita dal terzo piano: muore 36enne

Pubblicato

il

Questa notte, alle 2 circa, a Sant’Arpino, in provincia di Caserta, si è verificata una tragedia.

Un ragazzo di 36 anni è precipitato dal terzo piano di una palazzina in Via Risorgimento ed è deceduto sul colpo per i forti traumi riportati nell’impatto: i soccorsi intervenuti sul posto non hanno potuto far altro che constare il decesso del 36enne.

Sul posto sono arrivati anche i Carabinieri della locale stazione, che indagano sull’accaduto. Sul corpo del giovane verrà effettuato l’esame autoptico.

Continua a leggere

Cronaca

Da Casoria a Sorrento con coltelli e bastoni: due minori bloccati dai Carabinieri

Pubblicato

il

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Sorrento, ieri pomeriggio, hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Napoli due minori provenienti da Casoria (Na), ritenuti responsabili di porto illegale di armi bianche.

Componendo il 112 un cittadino ha segnalato al Pronto Intervento dell’Arma la presenza di due giovani armati di coltelli e bastoni sul treno EAV diretto a Sorrento. Ottenuta la descrizione sommaria dei due sospetti, un Equipaggio del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Sorrento è intervenuto presso la centralissima Stazione Ferroviaria, riuscendo a fermare i due segnalati appena scesi dal treno.

A seguito di perquisizione personale gli operanti hanno trovato addosso ai minori due micidiali coltelli con manici rotanti, cd. butterfly, e due manganelli sfollagente telescopici. “Volevamo fare una passeggiata a Sorrento e avevamo paura di essere aggrediti” è stata la giustificazione addotta ai carabinieri dai ragazzini.

Le armi rinvenute sono state sottoposte a sequestro, mentre i due giovanissimi, esperite le formalità di rito, sono stati affidati ai rispettivi genitori.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante