Resta sintonizzato
morto lite morto lite

Campania

L’Asl Napoli 1 compra nuove ambulanze: quasi 30 oltre le 17 già in dotazione

Pubblicato

il

A causa del Coronavirus l’emergenza sanitaria in Campania si fa sentire sempre più e così tra i provvedimenti presi dall’Asl Napoli 1 c’è l’acquisto di quasi 30 nuove ambulanze.

Già 4 sono quelle che l’Asl ha acquistato per far fronte alla crisi sanitaria ma altre 24 sono le pratiche in atto per arrivare ad un totale di 28 nuovi mezzi oltre ai 17 già in dotazione.

In questo modo migliorerà anche il servizio del 118 poichè attualmente le ambulanze disponibili sono solo 17 di cui 10 con medico e 7 col solo infermiere.

La Prefettura di Napoli, al termine di un incontro tra il prefetto Marco Valentini e il Direttore della Centrale Operativa Territoriale 118 di Napoli, Giuseppe Galano, incentrato sul funzionamento del 118 in questi mesi di emergenza, ha comunicato che l’obiettivo è quello di arrivare a 45 nuove ambulanze complessive da usare principalmente per i servizi di soccorso

Dal vertice è emerso che le criticità del soccorso sono dovute principalmente a tre fattori: Il primo è l’esigenza di sanificare l’ambulanza dopo ogni intervento e la vestizione dei sanitari secondo i protocolli, operazioni che inevitabilmente tengono bloccato il mezzo e causano rallentamenti, tenendo in considerazione anche il numero esiguo di ambulanze a disposizione; il secondo è il problema del personale poichè molti degli operatori sono risultati positivi al Covid-19 e di conseguenza ci sono difficoltà di organico per la copertura dei turni nelle 24 ore; il terzo è quello dell’intasamento dei centralini, il direttore del 118 ha spiegato che la Centrale Operativa, deputata esclusivamente al soccorso, è spesso contattata per richieste di informazioni, e ciò comporta una enorme mole di chiamate che gli addetti non possono smaltire in tempi brevi.

 

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Covid-19 in Campania: il bollettino delle vaccinazioni

Pubblicato

il

Anche quest’oggi, lunedì 17 maggio, l’Unità di Crisi della Regione Campania ha reso noti i dati relativi alla situazione del Coronavirus, aggiornati alle 12 di oggi.

Complessivamente sono stati vaccinati con la prima dose 1.812.256 cittadini. Di questi 702.599 hanno ricevuto la seconda dose.

Le somministrazioni effettuate sono state, in totale, 2.514.855.

La categoria che ha ricevuto più vaccini è quella dei Fragili con 585.716 vaccinazioni, seguita degli Over 60 con 550.088 vaccinazioni.

Continua a leggere

Campania

Nicola Caprio (Presidente CSVnet CAMPANIA): ” Faccio un appello alla Regione Campania per ripartire dalle politiche welfare”

Pubblicato

il

Oggi Nicola Caprio Presidente “CSVnet CAMPANIA”, è stato intervistato ai microfoni di “Radio Punto Nuovo”, per parlare delle politiche sociali e welfare, che negli ultimi tempi, sia a livello locale e regionale, sia su base Nazionale, il volontariato non riesce ad essere efficiente, per causa delle mancanze Istituzionali e Amministrative.

Nicola Caprio ha ribadito il mal funzionamento delle politiche sociali da parte dei Comuni e della Regione Campania. Come ha proprio dichiarato il Presidente nel programma radiofonico: “In realtà la riforma prevede una organizzazione o progettazione tra i Comuni e il Terzo Settore, ma capita spesso che ci troviamo ad affrontare delle inefficienze da parte dei Comuni e dalla Regione nel progettare politiche sociali. Adesso le Amministrazioni, si nascondono dietro alla pandemia. Faccio una appello ai Comuni e alla Regione Campania per ripartire dalle politiche di welfare”.

Poi Nicola Caprio ha sollecitato il Governo dichiarando:” Il Governo sta perdendo tempo, i cittadini hanno bisogno di risposte rapide. Si discute ancora troppo. Il Governo deve dare priorità come, la creazione di nuovi posti di lavoro, aiuto agli imprenditori per ripartire a pieno regime”.

Continua a leggere

Bacoli

I tesori nascosti di Baia: cinque absidi romani sul percorso della Cumana

Pubblicato

il

Cinque absidi in opera reticolata romana sono stati riportati alla luce nel corso delle attività di pulizia lungo l’ex percorso ferroviario della Cumana a Baia da parte dei tecnici del Parco Archeologico dei Campi Flegrei.

In settimana, infatti, sono state avviate le indagini per il completamento della progettazione del nuovo percorso pedonale attraverso la galleria dismessa della ferrovia Cumana, nei pressi delle Terme di Baia.

«I cinque absidi scoperti fanno parte di un antico prospetto del complesso di Mercurio o delle sostruzioni per una villa che doveva occupare la parte sommitale della collina di Baia», ha dichiarato il Parco Archeologico dei Campi Flegrei con una nota. 

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante