Resta sintonizzato

Cultura e spettacolo

Ripartono le riprese di Gomorra 5 a Napoli: ecco quando andrà in onda

Pubblicato

il

Al Centro Direzionale di Napoli sono ripartite le riprese per la quinta stagione di Gomorra.

Ad annunciarlo è stato Salvatore Esposito con un video pubblicato sui social: “STAMM TURNANN … forse“.

Per effettuare le riprese il Comune di Napoli ha previsto un apposito piano di traffico, con la chiusura dei varchi di accesso ai sottopassi del Centro Direzionale e la deviazione delle linee bus dalle ore 19 del 26 Novembre alle ore 5 del 27 Novembre.

Le riprese sarebbero dovute partire la scorsa primavera, tra marzo e aprile, come programmato dall’Ufficio Cinema del Comune di Napoli, ma sono slittate a causa del lockdown, che ha fermato anche le riprese di altre serie, come L’Amica Geniale 3 o I Bastardi di Pizzofalcone 3.

Le prime scene di Gomorra 5 sono state girate all’inizio di settembre a Riga, in Lettonia. Poi sono ripartite a inizio novembre sul Lungomare di Napoli, tra la Rotonda Diaz e viale Dohrn.

Le riprese dovrebbero terminare nel mese di aprile 2021: potremmo quindi aspettarci l’arrivo dei nuovi episodi su Sky Atlantic e NOW TV verso la fine del 2021.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura e spettacolo

Napoli: The Spark riapre tra libri ed eventi con Mondadori

Pubblicato

il

“Oggi riapriamo per la terza volta, è una riapertura diversa da tutte, con un tassello in più, la partnership con Mondadori ma anche un messaggio di resistenza e crescita del progetto. Abbiamo cercato in quest’anno di resistere, proporre nuove iniziative di arte, formazione e anche legate al libro e siamo sicuri che riapriamo più forti”.

Così Michela Musto, direttrice della libreria, illustra la riapertura di The Spark Hub Napoli, il locale in Piazza Bovio dove accanto agli scaffali dei libri c’è anche uno spazio di coworking e uno per gli eventi culturali che in questo periodo di pandemia può essere usato da 15 persone al massimo e gli altri potranno seguire online. La libreria apre dopo un accordo con Mondadori: “Abbiamo fortemente voluto questa partnership – spiega Marco Leggiero, area manager centrosud di Mondadori per il franchising – ci siamo un po’ inseguiti perché questa libreria è davvero atipica e ci piace molto per l’accoglienza e le opportunità. Noi abbiamo 530 punti vendita ma con le specificità di The Spark no.


“Siamo un’azienda che ha cento anni di storia ma ama lavorare con professionisti giovani e in gamba. In più questa libreria è nel centro di Napoli e in un momento di pandemia e di difficoltà in Italia credere nelle librerie come presidio culturale ma anche simbolo di resilienza alla pandemia ci aiutata a pensare al futuro con un po’ di serenità”.


La riapertura avviene oggi con un’intera giornata dedicata a eventi e incontri, sia dal vivo che online.”Noi – spiega Musto – abbiamo provato a essere non solo libreria ma anche a offrire servizi che i luoghi deputati alla cultura non sono stati in grado di garantire in pandemia. Quini pensiamo a noi stessi anche come luogo espositivo, museo, luogo di musica, e abbiamo anche proseguito con il coworking che ha avuto più clienti in questo periodo perché le persone non ce la fanno più a stare da soli a casa a lavorare”.

Continua a leggere

Attualità

Pompei. Antichi resti ritrovati durante i lavori Enel: la scoperta

Pubblicato

il

Durante i lavori di scavo per la messa in opera di cavi Enel in via Plinio, incrocio via Tenente Ravellese, nel comune di Pompei, il Parco archeologico di Pompei ha effettuato un intervento di archeologia d’emergenza a seguito del rinvenimento fortuito di alcuni blocchi in calcare pertinenti a strutture antiche.

Molto probabilmente si trattava del portale di accesso di un edificio situato sulla antica strada che da Porta Nocera conduceva in direzione della collina di Sant’Abbondio.

Ritrovamenti risalenti agli inizi del ‘900 suggeriscono che lungo la strada sorgevano altri edifici, come attestato anche su altri assi viari extraurbani.

Sono state rinvenute anche tracce carbonizzate del portone ligneo, dell’alloggiamento dei cardini, oltre a chiodi e borchie decorative in ferro.

Tra i reperti anche alcune tegole di grosse dimensioni pertinenti alla copertura del portale, di cui tre recanti un bollo, trasportate nei depositi del Parco. Il Parco Archeologico di Pompei, dopo aver assicurato la documentazione dei resti archeologici rinvenuti, ha avviato la procedura per la verifica di interesse culturale.

Continua a leggere

Campania

A Napoli si riparte dal San Carlo: a giugno tutti in piazza a vedere la “Carmen”

Pubblicato

il

La prima rappresentazione della “Carmen” in Italia fu a Napoli, al Teatro Bellini, il 15 novembre 1879. Ed è proprio da qui che si riparte: da un’opera di passione, di sentimento, d’amore e di tormento, sentimenti vivi, reali che oggi, in un’epoca in cui il Covid-19 ci ha addirittura privati di un candido e spontaneo abbraccio, sembrano assai lontani e quasi evanescenti.

Eppure si deve ricominciare e a Napoli la ripartenza sarà a giugno nella Piazza simbolo della città, Piazza del Plebiscito dove la magia del San Carlo riecheggerà sotto un cielo stellato di una notte d’estate.

Grazie al sostegno della Regione Campania, dal 25 giugno al 17 luglio torna così “Regione Lirica”, festival che vedrà protagoniste tutte le compagini artistiche del Lirico e grandi nomi della scena internazionale: Elina Garanča sarà Carmen nello spettacolo all’apertura (in forma di concerto), sul podio Dan Ettinger, e ancora sono attesi Anna Netrebko, Yusif Eyvazov, Anita Rachvelishvili, Luca Salsi, Marco Armiliato e Juraj Valčuha tra i direttori.

Il 4 luglio ci sarà il balletto con Da Petipa a Nureyev, a cura della nuova direttrice del Corpo di Ballo Clotilde Vayer, il 7 luglio Valčuha dirigerà l’Orchestra e il Coro con musiche di Khachaturian e Prokof’ev.

Il 15 luglio chiuderà Il Trovatore di Verdi, in forma di concerto con Salsi, Netrebko, Eyvazov e Rachvelishvili, sul podio Armiliato.

Se la riapertura dei teatri sarà possibile, dal 25 al 31 luglio andrà in scena, al San Carlo, L’elisir d’amore di Donizetti in una produzione nuova con la regia di Damiano Michieletto, sul podio Riccardo Frizza. Nel cast Rosa Feola e Xabier Anduaga.

La stagione estiva ovviamente prenderà il via in tutta la Campania: il 29 giugno a Summonte e il 1 luglio nelle Ville Vesuviane dove Josè Luis Basso dirigerà il Coro del Teatro nei Carmina burana di Carl Orff. L’11 luglio alla Reggia di Carditello e il 17 all’Aperia della Reggia di Caserta (per Un’estate da Re ) “Da Petipa a Nurayev”, e ancora il 18 Valčuha.

L’Orchestra del Teatro di San Carlo, diretta da Maurizio Agostini, proporrà musiche da film il 16 luglio al Teatro Romano di Benevento; il 24 luglio all’Abbazia del Goleto a Sant’Angelo dei Lombardi; il 28 luglio a Carditello; il 30 luglio nel Parco Archeologico dei Campi Flegrei; il 16 settembre all’Anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere.

In autunno concerti nei “luoghi del sacro”: il 19 settembre al San Carlo Francesco Meli, Javier Camarena e Francesco Demuro renderanno omaggio a Enrico Caruso per i 100 anni dalla morte, sul podio Armiliato.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante