Il Sindaco di Melito, Antonio Amente, è morto a causa del Coronavirus.

Il Primo Cittadino era ricoverato presso l’Ospedale San Giuliano di Giugliano, dopo essere risultato positivo.

Molti problemi respiratori sono subentrati proprio a causa del virus che l’ha stroncato.

A 69 anni, Amente aveva continuato a lavorare anche dall’ospedale. Ma ieri le sue condizioni saono peggiorate fino alla terribile notizia di questa mattina.

Il primo cittadino di Melito, a causa delle difficoltà respiratorie, aveva il supporto del casco, ma purtroppo non è bastato.

Lo scorso 11 novembre aveva avvisato i suoi concittadini su Facebook di essere risultato positivo e del suo ricovero: “Mi preme informare la cittadinanza che da la lunedì sono ricoverato presso l’ospedale San Giuliano di Giugliano a causa di una crisi respiratoria, dovuta alla positività al Covid-19″.

Continuando “Le mie condizioni sono stabili e sono monitorato costantemente dal personale medico, che mi sta assicurando tutte le cure del caso. Vi invito ancora una volta ad attenervi minuziosamente alle ordinanze e alle disposizioni in materia di Covid-19; di limitare le uscite al minimo indispensabile ed in ogni caso indossare sempre la mascherina e mantenere la distanza di sicurezza”.
Infine vi esorto ad isolarvi ed a contattare immediatamente il vostro medico curante nel caso dovreste accusare sintomi simil influenzali. Con l’aiuto del Signore ne verremo fuori”.
Amente è stato sindaco ben quattro volte della sua città e oltre ad investire la carica di Primo Cittadino era prima di tutto un medico di famiglia, riferimento affidabile per tutti i cittadini della città.
La città di Melito vive un momento drammatico della sua storia cittadina. Da diverse settimane si era sviluppato un focolaio di covid al Comune, che aveva colpito diversi consiglieri comunali ed esponenti della giunta. L’ultimo ad essere colpito è stato proprio il sindaco Antonio Amente, che era rimasto a casa fino al peggioramento improvviso delle sue condizioni.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.