Resta sintonizzato

Cronaca

Tentata estorsione e sparatoria: il blitz dei Carabinieri ai due clan napoletani

Pubblicato

il

NAPOLI, MERCATO E PONTICELLI: soggetti vicini al clan “De Luca Bossa-Minichini-Rinaldi” tentano estorsione in una piazza di spaccio in zona Mercato. Vengono messi in fuga a colpi di pistola dal clan “Mazzarella”. Tutti finiscono in manette, arrestati dai Carabinieri

Questa mattina, i Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 3 indagati, appartenenti a due contrapposti sodalizi camorristici, ritenuti responsabili a vario titolo dei reati di estorsione, porto e detenzione illegale di armi,tutti aggravati dalla circostanza del metodo mafioso.

Le indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, hanno consentito di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico di due persone che, agendo per conto del clan “De Luca Bossa – Minichini – Rinaldi”, organizzazione criminale riconducibile alla cd. “Alleanza di Secondigliano”, si rendevano responsabili di un tentativo di estorsione commesso, il 12 gennaio 2018, ai danni del titolare di una “piazza di spaccio”, attiva nel quartiere “Mercato”; tali individui, nel momento in cui si recavano dalla vittima per riscuotere la tangente, erano affrontati dall’indagato appartenente, invece, al contrapposto cartello mafioso dei “Mazzarella”, che esplodeva nei loro confronti numerosi colpi di arma da fuoco, mettendoli in fuga.

Gli eventi si inquadrano nell’ambito della violenta contrapposizione tra il sodalizio dei “Mazzarella” e quello dei “Minichini – Rinaldi – De Luca Bossa”, quest’ultimo interessato, tuttora, ad estendere la propria sfera di influenza dall’area di San Giovanni a Teduccio – Ponticelli a quella centrale del capoluogo.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Vomero. Custodia cautelare per un percettore del reddito di cittadinanza

Pubblicato

il

13 Aprile. Nella odierna mattinata, all’esito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Napoli, carabinieri della compagnia di Napoli Vomero hanno dato esecuzione ad un’ordinanza emessa dal Gip del Tribunale di Napoli, applicativa della custodia cautelare nei confronti di 2 soggetti, gravemente indiziati del furto aggravato di uno scooter, avvenuto il 29 set 2020 sulla pubblica via nel quartiere Vomero, mediante l’effrazione del bloccasterzo.


L’episodio delittuoso è stato ricostruito incrociando l’analisi delle immagini di videosorveglianza con la conoscenza dei soggetti d’interesse operativo del territorio in possesso dei militari della Stazione Carabinieri Vomero Arenella.


Uno dei rei, percettore di reddito di cittadinanza di cui verrà richiesta la revoca, ha inoltre agito in violazione del regime di Sorveglianza Speciale di P.S. con obbligo di soggiorno.

Continua a leggere

Cronaca

Tenta di scappare con l’auto sequestrata e la patente ritirata: 41 enne in manette

Pubblicato

il

Notte movimentata per gli agenti del Commissariato di Nola, che durante un servizio di controllo sul territorio, hanno notato un uomo a bordo di un’auto che, alla loro vista, si è dato alla fuga per eludere il controllo nonostante gli fosse stato intimato l’alt. Il veicolo, ha proseguito la sua corsa effettuando manovre pericolose per la circolazione stradale e innescando un inseguimento terminato in via Parrocchia, dove il conducente, una volta abbandonato il mezzo, ha tentato di scappare a piedi, per poi essere prontamente bloccato dopo una colluttazione. I poliziotti, hanno accertato che l’uomo, fosse alla guida di un’auto sottoposta a sequestro amministrativo, privo anche della patente di guida poiché revocata.

Luciano Tafuri, 41 enne di San Giuseppe Vesuviano con precedenti di polizia,  è stato arrestato per resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale e denunciato per aver violato la misura dell’avviso orale, aggravato dal divieto di possedere o utilizzare apparati di comunicazione radiotrasmittente, cui è sottoposto, perché trovato in possesso di un cellulare.

Continua a leggere

Cronaca

Tragedia a Napoli. Donna precipita da un edificio del Centro Direzionale e muore

Pubblicato

il

Un episodio drammatico, si è verificato nelle scorse ore al Centro Direzionale di Napoli. Una donna infatti, è precipitata improvvisamente da uno degli edifici della zona ed è morta. Panico tra i presenti, che hanno subito allertato i soccorsi, che non hanno potuto far altro che constatare il decesso.

Sul posto la Polizia, ha prontamente transennato la zona e provveduto ad effettuare i rilievi. Aperte le indagini, non si esclude si sia trattato di un gesto volontario.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante