Resta sintonizzato

Cronaca

QUALIANO. Lavoratori in nero e furto di energia elettrica: chiuso il negozio di alimentari

Pubblicato

il

QUALIANO: 4 lavoratori in nero, 80 chili di alimenti sequestrati e furto di energia elettrica. Carabinieri denunciano e sanzionano negoziante del centro

I carabinieri della Stazione di Qualiano insieme a quelli del NAS e del NIL di Napoli e a personale dell’ASL di Pozzuoli hanno denunciato il proprietario di un alimentari di Via Giuseppe Di Vittorio per furto di energia elettrica. Manomettendo il contatore, il negoziante aveva falsato la rilevazione dei consumi per oltre 2mila euro.

Notificate, inoltre, sanzioni amministrative per oltre 18mila euro poiché all’interno del negozio sono stati trovati 4 lavoratori “in nero” e sono state riscontrate gravi carenze igienico sanitarie.

Sequestrati circa 80 kg di alimenti: carni e salumi privi di indicazioni sulla tracciabilità. L’attività è stata temporaneamente chiusa per permettere alla proprietà di adempiere alle prescrizioni imposte dall’Autorità.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Trasformano una struttura d’accoglienza in un centro medico: nei guai 22 amministratori comunali

Pubblicato

il

Su disposizione della Procura Regionale della Corte dei Conti, la Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Salerno ha notificato “l’invito a dedurre” a 22 funzionari del Comune di Eboli, chiamati a rendere giustificazioni in ordine ad una gestione di finanziamenti pubblici che avrebbe determinato un danno di oltre un milione e 700 mila euro.

Gli accertamenti sono stati avviati sulla scorta di una segnalazione dell’Autorità Nazionale Anticorruzione (A.N.A.C.), concernente presunte irregolarità nell’impiego di un fondo assegnato al Comune dalla Regione Campania nel 2014, per la costruzione di una struttura di accoglienza e di inclusione sociale, a favore delle classi più emarginate, nonché di anziani, minori e ragazze-madri in difficoltà.

Nel corso degli approfondimenti, svolti sotto il coordinamento della Corte dei Conti di Napoli, è
stata vagliata la posizione degli amministratori comunali pro tempore, facendo emergere che il
denaro era stato impiegato per realizzare un complesso con natura e finalità diverse da quelle
previste dal bando per la concessione dei contributi.

Già nel dicembre 2019, la Procura della Repubblica di Salerno, sulla base delle risultanze investigative raccolte dalla Guardia di Finanza e dai Carabinieri di Eboli, aveva ipotizzato, nei loro confronti, il reato di “abuso d’ufficio”, fattispecie per la quale, nel frattempo, sono stati anche rinviati a giudizio.

Con i recenti sviluppi, le Fiamme Gialle hanno ricostruito come, nel dicembre 2016, al termine dei lavori di costruzione dell’edificio, l’Ente locale aveva disposto con un’ordinanza “urgente” l’affidamento della struttura ad una cooperativa esercente prestazioni sanitarie, così adibendolo, di fatto, a centro medico polifunzionale.

Alla luce degli elementi acquisiti in fase istruttoria, la Procura contabile campana ha ravvisato
una deliberata malversazione dei contributi regionali, in relazione alla quale ha contestato ai
funzionari coinvolti un danno alla finanza pubblica quantificato in oltre 1,7 milioni di euro (pari
all’intero ammontare delle somme utilizzate).

Il contraddittorio è ancora aperto e, in attesa delle determinazioni conclusive della Corte dei conti, gli indagati sono stati intanto invitati a produrre le proprie argomentazioni difensive.

Continua a leggere

Cronaca

Napoli. La rabbia di un suocero: dà fuoco al materasso e aggredisce moglie e nuora

Pubblicato

il

Ieri mattina gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in vico Canale ai Cristallini per una segnalazione di lite familiare.

I poliziotti, giunti sul posto, hanno trovato un uomo in evidente stato di agitazione che stava incendiando il materasso della camera da letto e, dopo aver spento le fiamme, l’hanno bloccato accertando che, poco prima,  aveva aggredito la moglie e la nuora.

G.C., 42enne napoletano con precedenti di polizia, è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate nonché denunciato per danneggiamento seguito da incendio e lesioni personali.

Continua a leggere

Cronaca

Impatto fatale. Auto urta contro le pareti di una galleria e prende fuoco: carbonizzate due persone

Pubblicato

il

Incidente mortale avvenuto questa mattina sulla A29 Palermo-Trapani. Il drammatico impatto, ha provocato la morte di due persone. Secondo una prima ricostruzione, l’automobilista, ha perso il controllo dell’auto, mentre viaggiava da Palermo in direzione Trapani. Il veicolo, dopo aver impattato contro le pareti di una galleria, si è incendiato.

Le due persone a bordo, nonostante il disperato tentativo di uscire dalla vettura e salvarsi, non ce l’hanno fatta. Sul posto, sono giunti immediatamente i soccorsi per prelevare i resti delle due persone, insieme al medico legale. Pertanto, non sono ancora noti i nomi delle vittime, dovrebbe trattarsi di un padre e un figlio.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante