Il piccolo Massimo si era visto negare il sacramento dell’Eucarestia solo perchè disabile.

Era stato un parroco nel quartiere di Poggioreale a negargliela ma i genitori hanno iniziato una lunga battaglia e hanno vinto: la Comunione è stata celebrata dal Cardinale Crescenzio Sepe.

Quello di Massimo non era il primo episodio di discriminazione ed esclusione per i bimbi autistici e disabili che in realtà non sono altro che bimbi speciali che avrebbero bisogno di più cura e attenzione da parte della società e che invece si trovano troppo spesso messi ai “margini” proprio da chi invece dovrebbe includerli più di chiunque altro.

Dopo le proteste da parte dei genitori a celebrare la cerimonia domenica scorsa è stato il Cardinale Crescenzio Sepe.

L’emozione é stata grande, abbiamo combattuto per ottenere un diritto di mio figlio, sono felice, é una grande vittoria per noi, ma una sconfitta per la società. Tutto questo ha fatto capire che viene fatto ancora poco o niente per i bambini disabili. Abbiamo combattuto insieme all’Osservatorio La Battaglia di Andrea ed abbiamo avuto giustizia, tutto questo ci ha forgiato ancora di piú e da oggi episodi del genere non dovranno piú succedere, nè a Massimo, nè agli altri bambini disabili d’Italia” ha dichiarato Mary, la mamma di Massimo.

Siamo stanchi della discriminazione e dell’esclusione dalla società dei bambini affetti da queste patologie“, ha commentato Asia Maraucci, presidente de ‘La Battaglia di Andrea‘, associazione che da qualche anno si batte per i bambini autistici e invalidi che si sono trovati a dover fronteggiare circostanze analoghe a quelle davanti alla quale si è trovato il piccolo Massimo e i suoi genitori.

Il cardinale Sepe ha dimostrato il suo essere un grande uomo oltre che un buon sacerdote, speriamo di non doverci trovare piú di fronte a situazioni come queste, peraltro innescate da chi ha il compito di diffondere la parola di Dio” ha concluso Asia Maraucci.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.