AFRAGOLA – Una notizia già nota è degna di approfondimento per l’anno appena iniziato e per i problemi ancora irrisolti nella maggioranza del Sindaco Grillo. Sto parlando del mancato finanziamento metropolitano per costruzione e/o adeguamento strutturale e tecnologico di sale da destinare ad attività di spettacolo. Tutti ricordiamo nell’ultimo Consiglio Comunale quanto il Consigliere comunale e metropolitano Antonio Caiazzo ha accusato l’amministrazione di cui ne fa parte, nonostante le numerose distanze prese, di aver perso tale finanziamento ma quasi nessuno ha approfondito la questione o si è preso la briga di domandare al Consigliere Caiazzo cosa avesse fatto per evitare tale debacle del Comune di Afragola. Lo dico io. Un bel niente!

E quello che è peggio è che alla stregua dell’Amministrazione Comunale, i suoi ex compagni di viaggio e il Sindaco stesso, anche la politica e funzionari di Città Metropolitana non prendono in seria considerazione la presenza e quel poco lavoro fatto dall’ex Consigliere azzurro. La dimostrazione di quello che asserisco va ricercata nelle motivazioni date dallo stesso consigliere alle sue innumerevoli prese di distanze dall’Amministrazione Comunale perché le principali decisioni non vengono mai prese in sua presenza. Ma veniamo ai fatti.

All’interno della determinazione metropolitana n°09117 del 31 Dicembre 2020 si legge per esteso la motivazione per la quale il Comune di Afragola è stata esclusa dal finanziamento che poteva permettere all’ente normanno di dotarsi di un nuovo Teatro Comunale, ed è la seguente: la non ammissibilità della domanda del Comune di Afragola è stata determinata “in quanto carente dell’istanza di partecipazione a firma del Sindaco richiesta a pena di non ammissibilità dall’art. 6 comma 2 dell’Avviso”. Capito? Afragola ha perso il finanziamento perché alla domanda mancava una semplice richiesta scritta e firmata dal Sindaco in persona.

Al di là dell’incapacità di chi ha redatto l’istanza ma il controllo della politica dove sta? Cosa ha fatto il Consigliere Caiazzo, da Consigliere metropolitano, nel frattempo? Non ha seguito l’iter procedurale ma quello che è peggio. Nessuno, in Città Metropolitana, ha fatto presente al Consigliere Caiazzo che mancava un semplice documento firmato dal Sindaco alla domanda inoltrata? Eppure l’ex Consigliere Caiazzo in Città Metropolitana fa parte della maggioranza di De Magistris. Questa è la considerazione che hanno del consigliere afragolese a Piazza Matteotti? Ma soprattutto: Cosa ha fatto il Consigliere Caiazzo quando ha saputo che sul suo territorio non sono arrivati i soldi per un nuovo Teatro per una sciocchezza del genere? Niente! L’unica cosa che ha fatto, quella più facile, ha accusato gli altri, dirigenti comunali e Sindaco.

Questa è la politica che intende fare il Consigliere Caiazzo? Si rende conto del fatto che se si è abbastanza svegli da non farsi ridicolizzare all’interno dei settori, bisogna sempre stare all’erta!? Figuriamoci se vogliamo delegare gli altri, in piena fiducia, scrollandoci di dosso anche il lavoro che ci spetta perché eletti dal popolo. Poi non bisogna meravigliarsi se sui territori si perdono fondi e servizi. La politica è sempre colpevole.

Leggi la Determinazione di Città Metropolitana

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.