Resta sintonizzato

Attualità

“Con una settimana di spese belliche si sfama il mondo per un anno”: l’intervista a Papa Francesco

Pubblicato

il

L’intervista al Tg5 al Papa Francesco si apre con una parola importante, semplice ma fondamentale: “Grazie a te!”

E’ così che l’intervista inizia, con un grazie da parte del papa che come sempre si mostra umile, come quando venne eletto e si presentò dicendo “Arrivo dalla fine del mondo!“.

“Come si fa a trovare fiducia per ripartire?” gli viene chiesto.  “La pandemia è stata una crisi di un ben lungo anno da una crisi mai si esce come prima, il problema è come uscire migliori e non peggiori. Se noi vogliamo uscire migliori sarà una strada se vogliamo uscire come prima sarà negativo. Come si esce migliori? I grandi valori ci sono sempre nella vita ma vanno tradotti nei momenti storici, nelle situazioni che si vivono”.

Continuando poi “Pensa ai bambini senza scuola e con fame. Ci sono delle statistiche spaventose, pensa ai bambini nati in guerra e cresciuti in guerra, non sanno cosa sia l’odore della pace. La domanda che ci dovremmo fare è come fare perché i bambini abbiano da mangiare e vadano a scuola. Noi siamo già nella III guerra mondiale, come si fa la strada della pace? Se noi vorremmo uscirne senza vedere queste cose sarà una sconfitta, sono dei problemi gravi: i bambini e le guerre. Dobbiamo uscirne sulle cose concrete. Nelle statistiche si dice che togliendo un mese di spese di guerra si darebbe da mangiare per un anno a tutta l’umanità. Per uscire migliori dalla crisi ci vuole realismo”.

“Anche lei farà il vaccino?” gli viene poi chiesto “Io credo che eticamente tutti dovremmo prendere il vaccino. È un’opzione etica, anche di ciò che è la vita degli altri. Si deve fare. Quando ero bambino c’era la poliomielite, poi siamo cresciuti all’ombra dei vaccini: se lo presentano i medici perché non dovrebbe andare bene? C’è un negazionismo suicida. Lo scandalo è non pensare agli altri, è un suicidio. Io capisco bene la gente, è un periodo difficile: o ci salviamo tutti o non si salva nessuno. Nessuno si salva da solo”.

Affermando poi “La fraternità è una parola importante, si deve pensare alla vicinanza, farsi vicino alla situazione, ai problemi delle persone. C’è questa cultura dell’indifferenza che distrugge perché allontana”.

Fa poi riferimento ad una foto nelle elemosinerie, di una donna che chiede l’elemosina ad una ricca che non la guarda neanche e spiega: “E’ l’indifferenza che ci uccide perché ci allontana. La parola chiave è la parola vicinanza, io mi avvicino alla gente che soffre, alla gente che è in difficoltà, pensiamo ai gesti di vicinanza, è questo che ci può aiutare”.

Si passa poi a parlare di politica “La classe dirigenziale ha il diritto di avere punti di vista diversi ma in questo tempo si deve giocare sull’unità, sempre. La lotta politica è nobile, i partiti sono strumenti, ciò che vale è l’intenzione di far crescere il paese ma se i politici sottolineano l’interesse personale e non l’interesse di tutti allora non sono all’altezza della situazione. Questo si chiama egoismo, è un modo diverso. E’ sempre l’unità ad essere superiore al conflitto: in questo momento i conflitti devono fare vacanze e bisogna sottolineare l’unità. Non è il momento della raccolta, è il momento di pace, è il momento di semina: io dico a tutti i dirigenti di cancellare per un tempo la parola io e dire la parola noi. Perdo l’opportunità ma la storia te ne darà un’altra. Davanti alla crisi tutti insieme”.

“Domandargli i suoi bisogni e risolverli. La vicinanza aiuta a risolvere i problemi. Gli usurai non si avvicinano per risolvere i problemi ma per trarne vantaggio. La speranza si semina con la vicinanza. Dobbiamo essere inventivi, audaci ed inventare strade di vicinanza. Se tu non ti avvicini non ti salverai, è così la vita: nessuno si salva da solo. Noi possiamo dire che questa è la cultura dello scarto, si scartano bambini non volendoli o mandandoli al mittente quando hanno malattie, prima della nascita si cancellano dalla vita” afferma poi riferendosi alla situazione di crisi economica che stiamo vivendo e che ha spinto tanti al suicidio.

Affrontando anche un tema molto delicato qual è quello dell’aborto “Io non volevo atterrare su questo tema, ma mi hai tirato la lingua. Il problema dell’aborto non è religioso è un problema d’etica umana. Io faccio due domande: io ho il diritto di fare questo? E’ una vita umana: è giusto cancellare una vita umana per risolvere un problema? E’ giusto affittare un sicario per risolvere il problema? E’ questo scartare i bambini, i bambini non vanno scartati. Scartare gli anziani, gli ammalati, i bambini perché non producono, i migranti, sulla nostra coscienza pesa. Lasciare affogare gli immigrati per risolvere un problema dopo non va. In questa cultura dello scarto ci vuole la cultura dell’accoglienza: è questa la strada per salvarci”.

Cos’è la fede per il Papa?gli viene poi chiesto. “Per me la fede è un dono, è il dono che ti dà il signore. La fede è un dono gratuito. La fede non si può comprare. In situazioni difficili tante volte c’è gente che si apre e riceve il dono, c’è poi gente che si chiude di più, che non trova speranza e va verso il suicidio“.

Infine parla di come è stato difficile anche per lui questo periodo, di essersi sentito anche lui in gabbia: “Ho dovuto cancellare viaggi, perché non posso provocare assembramenti ma Dio aiuta sempre tutti”.

E l’intervista si conclude con un importante augurio e ringraziando sempre con la sua semplicità e l’umiltà che lo hanno contraddistinto dal primo momento: “Il mio augurio è che possiamo uscire dalla crisi migliori, che ognuno prende coraggio e pensi agli altri, è la cultura della fratellanza, come farsi vicino per aiutare, che non ci siano scarti o atteggiamenti egoistici dell’io, mai fare una questione dell’io, l’unità è più grande del conflitto. Grazie!“.

Attualità

Allerta Meteo in Campania: chiusi tutti i parchi

Pubblicato

il

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un avviso di allerta meteo con criticità idrogeologica di livello Giallo, valevole sull’intero territorio cittadino a partire dalle 20 di oggi, venerdì 14 maggio, e fino alla ore 12 di domani. 

Il primo cittadino di Napoli, Luigi De Magistris, ha così deciso che in città i parchi pubblici resteranno chiusi.

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un avviso di allerta meteo con criticità idrogeologica di colore Giallo per piogge e temporali valevole dalle 20 di stasera e fino alle 12 di domani sabato 15 maggio.

Nell’avviso si legge “I fenomeni temporaleschi saranno caratterizzati da rapidità di evoluzione e potranno essere accompagnati da grandine e fulmini. Tra le conseguenze derivanti dal quadro meteo previsto, la protezione civile regionale evidenzia, tra l’altro, possibili fenomeni franosi soprattutto in territori fragili anche in assenza di precipitazioni. Possibili anche caduta massi, allagamenti, innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua, fenomeni di rigurgito dei sistemi urbani di smaltimento delle acque meteoriche, scorrimento superficiale delle acque sulla sede stradale”.

Continua a leggere

Attualità

Vaccini “last minute” all’hub di Porta Nolana: anche senza prenotazione

Pubblicato

il

Troppe defezioni tra i convocati per le vaccinazioni al centro vaccinale dell’Eav di Porta Nolana oggi, venerdì 14 maggio 2021.

Il presidente della società regionale dei trasporti Umberto De Gregorio ha così lanciato l’appello: “Ci sono 50 dosi inutilizzate, venite a ricevere la somministrazione“. C’è tempo fino alle ore 20. Somministrazioni senza prenotazione, solo con tessera sanitaria e tesserino aziendale.

Attenzione! Appello Last minute! Centro vaccinale EAV – Porta Nolana – abbiamo 50 vaccini disponibili per gli operatori del trasporto over 50 . Il centro è aperto sino alle 20, facciamo un appello per tutti i lavoratori del TPL per un open day last minute over 50. Chi vuole vaccinarsi si presenti con tessera sanitaria e tesserino aziendale di riconoscimento. Abbiamo avuto molte defezioni tra le convocazioni! Non vogliamo sprecare neanche un vaccino! NB. anche sotto i 50 se di EAV o di altre aziende che hanno aderito ed iscritto i loro dipendenti nella piattaforma TPL” ha scritto De Gregorio sul suo profilo social.

Al centro vaccinale Eav, intanto, da martedì 18 maggio partiranno anche le vaccinazioni anti-Covid19 per i tassisti napoletani.

Coinvolti nelle operazioni anche i consorzi delle cooperative radiotaxi che potranno dare supporto ai propri soci eventualmente per capire la procedura. L’iniziativa nasce per completare le vaccinazioni nel comparto dei trasporti, a contatto stretto con il pubblico, anche in funzione di rilancio del turismo in vista della stagione estiva. Per la stessa giornata è prevista anche la partenza delle somministrazioni di vaccino per i dipendenti dell’Anm.

Continua a leggere

Attualità

Italia in giallo. I colori delle Regioni secondo la nuova ordinanza di Speranza

Pubblicato

il

Dalla prossima settimana tutta Italia entrerà in zona gialla, a eccezione della Valle d’Aosta che resterà in zona arancione.

Come ogni venerdì, sulla base del report dell’Istituto Superiore di Sanità e del ministero della Salute relativo all’andamento epidemiologico della pandemia di Coronavirus, il ministro della Salute Roberto Speranza firmerà in giornata la nuova ordinanza, che entrerà in vigore a partire da lunedì 17 maggio e che definirà i nuovi colori delle regioni.

Un passaggio in attesa delle nuove “linee guida” e della ridefinizione dei parametri che il governo discuterà a margine della riunione della cabina di regia convocata per lunedì 17 dal presidente del Consiglio Mario Draghi. Il premier ha già fatto capire che la linea rimarrà la stessa: massima prudenza e nessuno spostamento del coprifuoco, che forse subirà lo slittamento di un’ora a partire dal 24 maggio.

Lunedì verrà definita la data della ripartenza del settore dei matrimoni (verso il 15 giugno) e dei centri commerciali nel fine settimana.

La Valle d’Aosta, da lunedì 17 maggio, sarà l’unica regione italiana a essere in zona arancione, mentre tutte le altre aree si tingeranno di giallo.

Le uniche regioni che, a ieri, avevano un’incidenza superiore ai 150 casi per 100mila abitanti (che probabilmente con i prossimi criteri sarà la soglia per finire in arancione) sono la Valle d’Aosta (165) e la Campania (sul filo a 153).  Il resto delle regioni ha indicatori da zona gialla.

Nel prossimo provvedimento del governo potrebbero esserci novità per quanto riguarda il monitoraggio dei contagi e il calcolo del rischio.

L’indice Rt verrà infatti sostituito con quello ospedaliero: come spiega l’agenzia Ansa, l’esecutivo punta a renderlo operativo già per il monitoraggio di venerdì 21 maggio, nonostante resti attivo il calcolo basato sull’Rt che sarà utile a rendere tempestive misure di contenimento locali.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante