Resta sintonizzato

Cronaca

Azzolina: “Gli studenti hanno ragione, la didattica a distanza non funziona”

Pubblicato

il

La ministra all’Istruzione, Lucia Azzolina, nel corso di un’intervista a Radio Rai 1, ha dato ragione agli studenti che si sono lamentati della didattica a distanza. “Sono molto preoccupata, oggi la didattica a distanza non può più funzionare, c’è un black out della socialità, i ragazzi sono arrabbiati, disorientati”.

Poi ha proseguito. “Capisco i ragazzi: il diritto all’istruzione è essenziale, sarei anch’io arrabbiata”.

Solo 3 regioni (Toscana, Abruzzo e Valle d’Aosta) hanno dato il via libera alla riapertura delle Scuole Superiori, tutte le altre hanno scelto di rinviare il ritorno sui banchi. E’ difficile per gli studenti comprendere perché non rientrano a scuola, capisco le loro frustrazione: la scuola è un diritto costituzionale se a me avessero tolto la scuola non sarei probabilmente qui”.

Poi ha aggiunto. “Nelle regioni a fascia gialla tutto è aperto tranne la scuola superiore e questo creerà profonde cicatrici, i ragazzi hanno bisogno di sfogare la loro socialità. Si fa l’errore di credere che la scuola non produca incassi: se io chiudo un negozio so purtroppo quanto ho perso, sulla scuola questo discorso non si fa ma i costi sono altissimi. Sono molto preoccupata, oggi la dad non può più funzionare, c’è un black out della socialità, i ragazzi sono arrabbiati, disorientati ed sono preoccupata per il deflagrare della dispersione scolastica”.

La ministra ha spiegato. “Da parte mia non vuole esserci polemica con le Regioni. Ma bisogna dire quelli che sono i fatti: volevamo riaprire le scuole il 9 dicembre, qualcuno ci disse no, ma le attività produttive sono partite. Il 23 dicembre si è stipulata un’intesa all’unanimità con le Regioni che hanno garantito che al 50% le scuole superiori sarebbero rientrate. E’ partito un lavoro immane nei tavoli con i prefetti e sono stati previsti molti bus in più. A inizio gennaio molti presidenti di Regione hanno detto che erano addirittura pronti a far rientrare il 75% dei ragazzi in aula. Ci sono regioni che hanno lavorato bene come la Toscana, noi al ministero abbiamo monitorato tutto, abbiamo fatto informative; il lavoro fatto dai dirigenti scolastici è stato encomiabile. E’ difficile per gli studenti comprendere perché oggi non si riapre: hanno ragione, capisco le loro frustrazioni, la scuola è un diritto costituzionale se a me avessero tolto la scuola non sarei probabilmente qui”.

Il ministro, intanto, sta anche lavorando in vista della maturità: “Abbiamo chiesto agli studenti di farci delle proposte: lo scorso anno ci hanno presentato proposte ragionevoli; una decisione la prenderemo a breve, i ragazzi a causa dell’incertezza assoluta per le date che slittano come la tela di Penelope, hanno bisogno di avere certezze che il ministero deve dare”.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Incidente stradale a Giugliano: un morto e due feriti gravi

Pubblicato

il

Paura a Giugliano, in via Arco Sant’Antonio, dove pochi minuti fa, si è verificato un pericoloso incidente che ha coinvolto una Lancia Delta di colore nero e una moto. Stando alle prime informazioni, il giovane centauro è morto sul colpo e l’altro ragazzo, a bordo della Yamaha, è gravemente ferito. In gravi condizioni, anche la persona a bordo dell’auto.

Continua a leggere

Cronaca

Follia post-parto: dà alla luce una bambina ma poi tenta di ucciderla

Pubblicato

il

Dramma sfiorato nel leccese, dove una 34enne pugliese, è stata arrestata dai carabinieri per tentato omicidio. In particolare, la donna, che aveva partorito in maniera clandestina nella sua abitazione, lo scorso 23 luglio, aveva dapprima tentato di uccidere la neonata, per poi abbandonarla nel giardino di casa, non riuscendo comunque a toglierle la vita. Al momento, la 34enne, è agli arresti domiciliari in una comunità riabilitativa assistenziale.

Tuttavia, stando alle prime informazioni, sarebbe stato il marito ad avvertire i sanitari, ma al loro arrivo, hanno trovato la piccola con alcuni tagli che la madre le aveva inferto. Poi, la stessa, aveva riferito agli agenti di non sapere di essere incinta e il marito, aveva confermato questa versione. Pertanto, la bimba, è stata subito condotta presso l’ospedale Vito Fazzi di Lecce, dove è attualmente ricoverata in buone condizioni: infatti, dopo la nascita, era stata trovata in un forte stato di ipotermia.

Continua a leggere

Cronaca

Uomo sottoposto ai domiciliari trovato morto nel suo appartamento: aveva 76 anni

Pubblicato

il

Choc a Piombino, in provincia di Livorno, dove un 76enne ex commerciante, è stato trovato morto nel suo appartamento. L’uomo, era originario di Napoli, ma si trovava agli arresti domiciliari in Toscana, per una vicenda di droga. Il corpo, era riverso sul pavimento. Sono stati i familiari a lanciare l’allarme, ma i sanitari del 118, al loro arrivo, hanno soltanto potuto dichiararne il decesso. Sul posto, anche i carabinieri i quali, in attesa del riscontro medico legale, non escludono alcuna ipotesi.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante