Resta sintonizzato

Napoli

NAPOLI. Fallimento CTP. Parla l’Amministratore Unico della Compagnia Augusto Cracco

Pubblicato

il

NAPOLI – Dopo la notizia diramata in esclusiva dalla nostra testata in merito alla Richiesta da parte della Procura per il fallimento della CTP – Compagnia Trasporto Pubblico S.p.A. – azienda partecipata di Città Metropolitana, abbiamo voluto vederci più chiaro e capire quali erano le contromosse adottate dall’azienda ma soprattutto se la politica, in questo caso il Sindaco De Magistris avesse messo in atto qualche azione che potesse scongiurare la chiusura della storica azienda metropolitana.

A tal riguardo abbiamo raccolto le dichiarazioni dell’Amministratore della CTP Augusto Cracco: “Nella mattinata di oggi ,all’udienza dinanzi al GD del Tribunale di Napoli Nord, fissata a seguito delle istanze di fallimento presentate dalla Procura e da un privato, la Società ha anticipato i punti principali del progetto di rilancio in ambito concordatario, a garanzia del servizio pubblico, della conservazione dei posti di lavoro e a tutela dei creditori, con il sostegno della Città Metropolitana di Napoli, il tutto sotto la vigilanza ed il controllo da parte degli Organi della Procedura pre-concordataria per la quale CTP ha presentato istanza e che auspica venga aperta dal Tribunale di Napoli Nord (la decisione e’ prevista nelle prossime settimane).
È questo il percorso individuato dalla Società per la protezione della continuità aziendale che dovrà necessariamente contemplare, da un lato, il riequilibrio strutturale del conto economico anche con l’incremento della produzione chilometrica e, dall’altro, la valorizzazione degli asset e del patrimonio della Società per la migliore soddisfazione dei creditori”.

Adesso la palla passa al Tribunale Napoli Nord che dovrà decidere se le misure attuate dalla Compagnia siano utili a scongiurare il peggio. Vi terremo informati.

Brusciano

Brusciano: Carabinieri arrestano 3 pusher nella 219

Pubblicato

il

Questa notte i Carabinieri della sezione operativa della compagnia di Castello di Cisterna hanno arrestato per detenzione di droga a fini di spaccio Angelo Scherma, Giovanni Rega e Gaetano Dell’Ermo. Hanno 33, 35 anni e 38 anni; il primo è di Scampia mentre gli altri due sono di Castello di Cisterna. Sono tutti già noti alle forze dell’ordine.

I carabinieri li hanno notati all’interno del complesso di edilizia popolare ex Legge 219 di Brusciano e li hanno fermati. Perquisiti, sono stati trovati in possesso di droga e soldi per un totale di 78 dosi di crack, 35 dosi di cocaina e della somma in contanti di 1.150 euro. E’ stato tutto sequestrato e i tre sono stati trasferiti in carcere in attesa di giudizio.

Continua a leggere

Aversa

Aversa. Bomba ecologica la polizia locale sequestra un area adibita a discarica abusiva di 18000 mq circa

Pubblicato

il

La Polizia Locale di Aversa diretta dal Comandante Colonnello Antonio Piricelli, componente della cabina di regia della Terra dei Fuochi istituita presso la Prefettura di Napoli presieduta dall’incaricato di Governo Vice Prefetto Filippo Romano, ha posto sotto sequestro un’area di 18000 mq adibita dalla ditta della raccolta di rifiuti a zona di travaso dei camion e discarica abusiva. Dagli accertamenti è emerso che la ditta operava nella ex area mercatale ubicata al centro di un contesto urbano priva delle necessarie autorizzazioni.

All’interno dell’area sono stati trovati circa otto camion della ditta in fila per trasbordare i rifiuti e due che effettuavano le operazioni. E’ stato constatato che i due camion nell’effettuare le operazioni facevano colare sul suolo il percolato senza nessuna accortenza. Sparsi nell’area sono stati trovati numerosi cumuli di rifiuti speciali, gomme, ingombranti pellame per circa 1430 metri cubi non omogenei depositati senza nessun titolo autorizzativo. Per tali motivi l’area è stata sottoposta a sequestro di polizia giudiziaria ed i due camion sequestrati penalmente.

Continua a leggere

campania

Torre del Greco: Carabinieri perquisiscono casa e trovano droga e soldi. Coniugi arrestati

Pubblicato

il

L’abitazione vicina al centro di Torre del Greco è nota ai Carabinieri della sezione operativa della locale compagnia e anche i suoi residenti all’interno visto che i coniugi – si tratta dei 37enni Giuseppe Terrone* e Maria Anna Farese – sono sottoposti rispettivamente alle misure degli arresti domiciliari e della detenzione domiciliare.

I carabinieri decidono di far visita alla coppia e procedono alla perquisizione domiciliare. Rinvenuti e sequestrati 3 panetti di hashish per un peso complessivo di 250 grammi, diverso materiale per il confezionamento dello stupefacente e la somma in contante di 6mila euro ritenuta provento del reato.

L’arrestato è stato trasferito in carcere mentre la donna è stata sottoposta agli arresti domiciliari. Sono entrambi in attesa di giudizio e dovranno rispondere di detenzione di droga a fini di spaccio.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante