Resta sintonizzato

Casalnuovo

CASALNUOVO. Il Sindaco Pelliccia accusa la nostra testata di fake news, mentendo sapendo di mentire

Pubblicato

il

CASALNUOVO – Con grande rammarico apprendo la presa di posizione che il Sindaco Pelliccia ha voluto prendere attraverso i social nei confronti del mio articolo pubblicato nella giornata di ieri circa il nuovo bando di gara sull’Affidamento e Funzionamento dei due asili nido – Viale dei Tigli e Paolini – (leggi qui l’articolo).

Il primo cittadino attraverso il proprio profilo Facebook accusa la testata, di cui mi onoro esserne Direttore Responsabile ed Editore, di produrre Fake News. A tale lettura il sottoscritto ha tentato di instaurare un rapporto civile ed ossequioso telefonando e chiedendo alla fascia tricolore di fare chiarezza davanti alle nostre telecamere sull’accaduto e spiegare ai cittadini casalnuovesi dove in quello articolo si fosse sbagliato o generato fake news. Dal Pelliccia, il sottoscritto ha solo ricevuto offese ed improperi nonché reiterate calunnie e diffamazioni. Ed è giusto per dovere di cronaca che i cittadini casalnuovesi, soprattutto i genitori dei bambini frequentanti l’asilo nido, sappiano chi dice la verità e chi con attacchi diffamatori tenta di mortificare la realtà.

Nei due capitolati d’appalto pubblicati sull’Albo Pretorio del Comune di Casalnuovo si legge a chiare lettere, nell’oggetto dell’appalto, che si tratta di una mera concessione dei locali dei due asili nidi per un valore stimato dell’appalto di € 24.840 annuali per Viale dei Tigli e 9.000€ annuali per il Pasolini. Praticamente il vincitore dell’appalto dovrà versare queste cifre a base d’asta – ovviamente al rialzo così come prevede il capitolato per aggiudicarsi l’appalto – al Comune di Casalnuovo. Ora, volendo anche credere al Sindaco Pelliccia che il sottoscritto e la sua testata redigano fake news, potrebbe spiegare ai suoi concittadini da dove incasserebbe il proprio guadagno l’aggiudicatario, visto che il Comune, in questo caso chiede e non eroga? A differenza dell’altro appalto che scadrà a Gennaio 2021 dove si appaltava la “gestione” dell’asilo nido a spese dell’ente comunale. Senza contare il fatto che nel nuovo bando di gara c’è discordanza tra il disciplinare (pubblicato sul sito) e il Capitolato Speciale d’Appalto che ricevono solo le cooperative. Nel primo si parla di affidamento e funzionamento della struttura “Asilo Nido” inducendo a pensare a chi legge che forse si tratta della gestione dell’asilo nido, mentre nel secondo si è più specifici e si scrive “Capitolato per l’assegnazione in locazione dell’immobile”.

Disciplinare di gara Asilo Nido “Viale dei Tigli”

Disciplinare di gara Asilo Nido “Pasolini”

Capitolato Speciale D’Appalto Asilo Nido “Pasolini”

Capitolato Speciale D’Appalto Asilo Nido “Viale Dei Tigli”

Vecchio Capitolato Speciale d’Appalto

Ora il punto della riflessione fatta nell’articolo precedente è che per quanto riguarda la gestione dell’asilo nido comunale, la politica amministrativa del Sindaco Pelliccia fa acqua da tutte le parti perché col nuovo capitolato va a peggiorare un servizio e non a migliorarlo, costringendo i genitori degli attuali 28 alunni a pagare una retta mensile a partire già da Febbraio prossimo. Qualcuno potrebbe dirci che le difficoltà partono dal Governo centrale che ha tagliato il Fondi PON, bene, e allora facciamo un’altra riflessione: Perché esiste la politica? Perché alle urne viene preferito un sindaco piuttosto che un altro? La politica deve fare gli interessi dei propri cittadini avendo una visione propria del suo territorio ed evitare che le scelte scellerate del Governo ricadano sugli ultimi, sulle utenze. Al contrario un tipo di Politica diviene fallimentare quando ci si riduce a meri ratificatori delle scelte calate dall’alto.

Così come si è stati ratificatori quando attenendosi alla legge che non prevede l’obbligo del passaggio di cantiere per questo tipo di appalto, non ci si è impegnati per evitare di buttare per strada i dipendenti di quella struttura che fino al 31 Gennaio si prenderanno cura dei piccoli bambini, tra l’altro correndo anche il rischio di suscitare qualche trauma in qualche alunno che dalla mattina alla sera si vedrà accudito da un’altra persona. Tutto questo perché? Allora se credo che sia per principio di rotazione elettorale, il Sindaco perché non ha accolto la mia richiesta di spiegarsi alla città e ha preferito attaccarmi diffamandomi?

Perché la più alta carica istituzionale preferisce attaccare un giornale piuttosto che entrare nei meriti e spiegare alla città come stanno realmente le cose? Mi corre l’obbligo sottolineare che un sindaco di una città importante come Casalnuovo non può, nella maniera più assoluta, rivolgersi ad un addetto ai lavori della carta stampata – termine usato in generale anche per le più moderne tecniche diffusive del web – in quel modo. Vorrei ricordare al primo cittadino che la libertà di stampa, di espressione e di critica, nonché diritto di cronaca sono principi sanciti dalla Costituzione Italiana e che la critica politica è il sale della Democrazia che dovrebbe essere sempre presente nel dibattito pubblico. Al contrario se molto comodamente si taccia una testata di redigere fake news, mentendo sapendo di mentire, perché i documenti e le prove in nostro possesso sono inconfutabili, visto che si è preferito offendere e non di minacciare querela, non si fa altro che alimentare un tipo di politica totalitaria rivolta ad un pensiero unico. Un personaggio pubblico che rappresenta le istituzioni sul territorio ha il compito di fare chiarezza entrando nei meriti e rispondere con i propri contenuti, anche se il dubbio sulla proprietà dei contenuti e sulla verità può assalire quando si trascende facilmente nelle offese. In quanto alle fake news è facile anche smontare quanto asserito dalla fascia tricolore, specialmente quando si parla di continuità del servizio.

Premesso che playground, giochi, scarpiere, armadietti e altri mobili (asilo Viale dei Tigli) sono di proprietà del vecchio affidatario e questi ha già fatto sapere all’Amministrazione di aver bisogno di cinque giorni di tempo per traslocare il tutto, spiegherebbe ai cittadini il Sindaco Pelliccia come intende aprire l’asilo nido già il primo giorno di Febbraio? Purtroppo per lui, sempre per dovere di cronaca, i mobili non li può comprare all’Ikea e montarseli nel weekend, perché devono essere certificati e a norma! Quindi faremo un’altra gara per comprare i mobili o questi saranno a carico dell’affidatario oltre il canone? Ci spieghi meglio sindaco al posto di insultare.

Ma non è finita qui. Ai dipendenti che si sono rivolti al primo cittadino sul perché della scelta della mancata proroga alla ditta esistente e/o passaggio di cantiere, la fascia tricolore ha cercato di distogliere l’attenzione dalla sua responsabilità scaricando colpe sulla cooperativa, accusandola di non aver fornito l’ente di giusta documentazione per ottenere la proroga. Anche se ad onor del vero è una necessità dell’ente provvedere alla proroga e non una richiesta della cooperativa. Ma poi. Perché il sindaco non ha spiegato ai dipendenti e alla cittadinanza perché la cooperativa a tutt’ oggi risulta essere creditrice nei confronti del Comune di Casalnuovo di €75.143,97 cifra interessata per il periodo di settembre 2020/gennaio 2021?

Il primo cittadino ha spiegato alla cittadinanza che il prossimo affidatario dovrà pagare al Comune di Casalnuovo la “modica” cifra di 33mila euro di canone annui – sempre a base d’asta senza contare il rialzo che permette la vittoria della gara – e che allo stato attuale i bambini frequentanti l’asilo sono solo ventotto e quindi ci vorrebbero circa 100€ mensili a bambino – cifra ovviamente a carico delle famiglie – affinché l’affidatario copra solo le spese senza guadagnarci nulla? Quindi, arrivati a questo punto chi è il redattore di Fake News?

Inoltre informiamo il Pelliccia e i nostri lettori che per quanto redatto a mezzo social il sottoscritto ha già dato mandato ai legali della propria testata di adire nelle sedi opportune contro il Sindaco di Casalnuovo per diffamazione a mezzo stampa, poiché ritengo che le parole scritte e diffuse dal primo cittadino ledono all’onorabilità del sottoscritto, del suo lavoro e della sua testata. Tanto Vi dovevo.

Casalnuovo

Casalnuovo. Quasi 50 persone in un ristorante per una festa: sanzioni per tutti

Pubblicato

il

Ieri sera gli agenti del Commissariato di Acerra, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in via Professore Filippo Manna a Casalnuovo per la segnalazione di numerose persone che stavano cenando all’interno di un ristorante.

I poliziotti, una volta sul posto, con il supporto di personale del Commissariato di Afragola e degli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Campania, hanno sorpreso 43 persone, tra i 18 e i 57 anni, sedute ai tavoli intente a consumare cibi e bevande e a festeggiare un compleanno e le hanno sanzionate per inottemperanza alle misure anti Covid-19.

Il direttore del locale, un 44enne di Aversa, è stato sanzionato perché aveva consentito le consumazioni negli spazi interni ed altresì perché l’esercizio commerciale era aperto oltre l’orario consentito; inoltre, è stata disposta la chiusura della struttura per 5 giorni.

Infine, all’esterno del locale, gli operatori hanno controllato altre  4 persone che erano appena salite a bordo di un’autovettura e le hanno sanzionate per inottemperanza alle misure anti Covid-19 poiché al di fuori del proprio domicilio oltre l’orario consentito.
 

Continua a leggere

Attualità

Ultim’ora Casalnuovo. Bambino precipita dal quarto piano. È corsa contro il tempo

Pubblicato

il

Un bambino di tre anni, per cause in corso di accertamento, e’ precipitato dal quarto piano della propria abitazione.

È accaduto pochi minuti via nel parco Ciser di via de Curtis, 77 a Casalnuovo di Napoli.

Il bambino risulta essere vivo. Una pattuglia dei carabinieri sta scortando l’ambulanza diretta all’ospedale  di Napoli.

Continua a leggere

Acerra

Acerra e Casalnuovo. Carabinieri impegnati nel contrasto all’inquinamento ambientale

Pubblicato

il

Acerra e Casalnuovo di Napoli: Terra dei fuochi. Carabinieri impegnati nel contrasto all’inquinamento ambientale.

I Carabinieri della compagnia di Castello di Cisterna insieme a quelli della stazione forestale di marigliano – nell’ambito di un servizio disposto dal comando provinciale di napoli in tema “Terra dei fuochi” – sono stati impegnati in verifiche per il contrasto all’inquinamento ambientale.

Ad acerra – nella località real sito della lanciolla – i carabinieri hanno sequestrato 3 chilometri e mezzo dell’alveo di un canale secondario dei “Regi Lagni”. I militari dell’Arma hanno trovato numerosi rifiuti di varia natura, sia speciali che pericolosi, accumulati nel tempo: RSU, RAE, scarti della produzione agricola, pneumatici e parti di veicoli.
Durante le operazioni, i carabinieri hanno denunciato anche un 34enne per trasporto e smaltimento illegale di rifiuti. L’uomo – a bordo del suo furgone – stava entrando nell’area industriale di acerra e trasportava vari scarti in ferro senza la prevista autorizzazione. Il mezzo è stato sequestrato.

A Casalnuovo di Napoli, i Carabinieri hanno sequestrato un terreno in via bolla. Nell’area – di circa mille metri quadri – erano stati accantonati nel tempo vari rifiuti speciali non pericolosi. Il proprietario del terreno, un 47enne, è stato denunciato per smaltimento illecito di rifiuti.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante