Resta sintonizzato

Cronaca

Rapina in un bar a GIUGLIANO: ladri in fuga con 3mila euro

Pubblicato

il

Oggi pomeriggio, nei pressi della villa comunale, in via I Maggio, a Giugliano, si è verificata una rapina ai danni di noto bar.

Due delinquenti sono arrivati all’esterno dell’attività commerciale a bordo di uno scooter.

Uno dei due, armato di pistola, è entrato nel bar e ha minacciato il figlio del titolare e la barista, facendosi consegnare circa 3mila euro prima di scappare.

Secondo le notizie riportate da Il Meridiano News, sul posto sono giunti gli agenti della Polizia per effettuare i rilievi del caso.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Avellino. Rapper Tripla F condannato al carcere per detenzione di droga ai fini di spaccio

Pubblicato

il

AVELLINO – Arrestato Tripla F, il rapper della Valle Caudina, per detenzione di sostanze stupefacenti. Era in possesso di quasi mezzo chilo di cocaina ed hashish.

A soli 24 anni, il rapper Ronga Franco, in arte Tripla F, è stato processato dinanzi al Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Avellino nella giornata di oggi. L’imputato è accusato di spaccio aggravato di stupefacenti di tipo hashish e cocaina.

Il mese scorso Ronga fu già arrestato, unitamente al padre Michele, dai Carabinieri di San Martino Valle Caudina, nella flagranza del reato di spaccio aggravato di circa 300 grammi di marijuana e circa 7 grammi di cocaina.

All’esito dell’udienza il GIP, accogliendo in gran parte la tesi dall’avvocato Vittorio Fucci, ha inflitto al Ronga la pena di tre anni e quattro mesi di reclusione. 

La Pubblica Accusa, invece, aveva chiesto la condanna di Ronga a 4 anni e mezzo di reclusione. Ciò in considerazione del quantitativo di sostanza rinvenuta, del rinvenimento di un coltello a serramanico, buste di cellophane e un bilancino di precisione, utilizzati per il confezionamento della sostanza. Un kit che denoterebbe la spiccata pericolosità dell’imputato.

Il padre del rapper, Michele Ronga era stato già condannato, in primo grado, ad una pena di 5 anni di reclusione per gli stessi capi di imputazione.

Continua a leggere

Cronaca

San Sebastiano al Vesuvio: ritrovato lo scooter rubato il mese scorso

Pubblicato

il

NAPOLI – Aveva presentato la denuncia di furto ai Carabinieri un mese fa. Sino a stamattina nessuna traccia dello scooter. Fin quando non arriva la chiamata. Lo scooter potrà finalmente ritornare nelle mani del legittimo proprietario.

E’ successo a San Sebastiano al Vesuvio. Nel corso della notte, i militari della stazione locale hanno fermato e controllato due soggetti che transitavano in via Panorammica Fellapane.

In sella al ciclomotore i due coniugi non hanno saputo dare sufficienti spiegazioni al misfatto. Il veicolo presentava una targa di copertura, ma un telaio corrispondente al mezzo di trasporto rubato il mese precedente durante la stagione estiva.

Residenti nel rione De Gasperi di Ponticelli, i due erano già noti alle forze dell’ordine. Già denunciati per ricettazione, il 51enne e la 45enne sono stati portati in caserma ove seguiranno gli accertamenti.

Il veicolo sarà restituito al proprietario.

Continua a leggere

Cronaca

Sant’Agata dei Goti: arrestato l’ex sindaco Carmine Valentino per concussione

Pubblicato

il

BENEVENTOConcussione. La Squadra mobile di Benevento ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, emessa dal gip di Benevento su richiesta della Procura sannita, nei confronti dell’ex sindaco di Sant’Agata dei Goti Carmine Valentino, attualmente consigliere comunale, gravemente indiziato di concussione, turbata libertà degli incanti e rivelazione e utilizzazione di segreto d’ufficio.

Nell’ambito di una procedura finalizzata ad affidare in concessione le attività di supporto alla gestione e riscossione ordinaria delle entrate tributarie e la riscossione coattiva di imposte comunali, l’ex sindaco avrebbe tentato di costringere uno dei membri della commissione giudicatrice ad assegnare un punteggio maggiore all’offerta tecnica di una delle società partecipanti, società a cui il sindaco era indirettamente collegato.

Nello specifico Valentino, qualche giorno prima della prima seduta della commissione giudicatrice, avrebbe avvicinato il commissario consegnandogli tre fogli sui quali erano indicate le caratteristiche dell’impresa che avrebbe dovuto aggiudicarsi la procedura, intimando in maniera diretta e perentoria di assegnare alla suddetta società partecipante il punteggio più alto per l’offerta tecnica, segnalando che l’offerta economica era stata la meno vantaggiosa.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante