Resta sintonizzato

Attualità

Coronavirus. Il via libera dell’Aifa agli anticorpi monoclonali: cosa sono e come agiscono

Pubblicato

il

L’Agenzia Italiana del Farmaco ha dato il via libera a due anticorpi monoclonali per il trattamento del Covid.

Il semaforo verde è stato concesso ponendo, però, alcune condizioni e limitando l’utilizzo a una categoria limitata di pazienti, cioè stabilendo una casistica ben precisa, con malati in fase precoce e ad alto rischio di evoluzioni dell’infezione.

La Commissione tecnico scientifica dell’Aifa, ha dato l’ok all’uso di due anticorpi monoclonali con alcune limitazioni al loro utilizzo in linea con quelle del Canada e dell’Fda negli Stati Uniti: potranno essere somministrati, in fase precoce, a una categoria limitata di pazienti ad alto rischio di evoluzione della malattia Covid-19.

I farmaci approvati sono quelli prodotti da Regeneron e da Eli Lilly.

I monoclonali sono ritenuti dalla comunità scientifica una grande speranza contro la pandemia di Covid.

«Un salvavita» li ha definiti il presidente dell’Aifa, Giorgio Palù, in un’intervista al Corriere.

L’avvio in tempi rapidi della sperimentazione dei monoclonali era auspicato anche dal presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici, Filippo Anelli, il quale aveva affermato: «si riducono le ospedalizzazioni e si migliorano i risultati clinici. Può essere una strategia per condurre a termine la campagna vaccinale in un tempo più flessibile».

I monoclonali sono farmaci impiegati già da tempo nella cura dei tumori. Negli ultimi anni sono stati usati anche contro alcune malattie infettive, come l’ebola e ora contro il Sars-CoV-2. Servono per curare chi è già malato, fornendo al paziente anticorpi già formati e immediatamente attivi contro il virus.

Ma come funzionano questi farmaci? «Bloccano, in modo molto potente, l’ingresso del virus nella cellula. L’effetto finale è la neutralizzazione dell’infettività del Sars-CoV-2 come provato da numerosi studi scientifici pubblicati su riviste prestigiose come Nature, Cell e Science» ha affermato Palù.

Un campo di ricerca molto promettente su cui hanno investito anche università di prestigio mondiale: oggi sono sei gli anticorpi in fase finale della sperimentazione o già autorizzati tra i quali il cosiddetto Trump Cocktail con cui è stato curato l’ex presidente degli Stati Uniti.

I monoclonali sono già in uso in diversi Paesi (Usa, Canada Germania, Israele e Ungheria) e lì l’approvazione italiana arriva prima di quella dell’Agenzia europea.

«Un provvedimento d’urgenza che autorizza la temporanea distribuzione dei monoclonali per i quali al momento non è stata rilasciata l’autorizzazione all’immissione in commercio da parte di Ema» ha spiegato ancora Palù.

Continuando «Il contributo giornaliero di vite umane pagato ancora oggi dall’Italia e la difficoltà di intravedere la possibilità di ottenere l’immunità di gregge con la somministrazione di vaccini spinge a considerare un approccio integrato di prevenzione e terapie efficaci».

I monoclonali, infatti, «riducono il rischio di ricovero del 72-83%, se presi nella fase iniziale della malattia, a 72 ore dalla comparsa dei sintomi, quando la carica virale è massima, altrimenti sono inutili». Alcuni hanno mostrato «una protezione del 70% da mortalità e/o ricovero».

Un’infusione di anticorpi monoclonali costa dai 1.000 ai 2.000 euro. Una spesa giustificata? «Basta un’unica somministrazione. Risparmieremmo sulle spese ospedaliere: un ricovero ordinario costa oltre 1.000 euro al giorno, un posto in rianimazione cinque volte di più» ha sottolineato Palù.

Inoltre, questi farmaci agiscono sulla carica virale e rendono chi li riceve incapace di infettare.

«Potrebbero essere prescritti ai pazienti che, per età o presenza di altre malattie, sono più esposti al rischio di progressione dell’infezione. Preferibilmente a quelli con sintomi lievi-moderati che vengono seguiti a domicilio. Si eviterebbero così tanti ricoveri» ha spiegato Palù, affermando poi che «Sono farmaci con un profilo di sicurezza eccellente. Il rischio di effetti collaterali gravi è praticamente sovrapponibile al placebo».

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Ladri in trasferta per rubare dei gioielli, in manette tre napoletani

Pubblicato

il

Lo scorso weekend, la Squadra di Polizia Giudiziaria della Polizia Stradale di Genova e La Spezia, ha eseguito tre ordinanze di custodia cautelare in carcere, nei confronti di altrettanti soggetti residenti nel napoletano, arrestati con l’accusa di concorso in rapina aggravata ai danni dei rappresentanti di gioielli. L’indagine, ha avuto inizio a seguito di una rapina effettuata a marzo ai danni di un rappresentante di gioielli della provincia genovese. In particolare, quel giorno, due soggetti a bordo di una moto, con casco nero integrale, si erano avvicinati all’auto dei malcapitati, sottraendogli una borsa contenente gioielli per un valore di 130 mila euro.

L’attività d’indagine, ha consentito di individuare i transiti autostradali dei veicoli utilizzati per le rapine e anche la loro base, una struttura ricettiva in Toscana. Pertanto, tutti i soggetti, sono stati tratti in arresto lo scorso sabato, mentre si trovavano nelle loro case. I tre arrestati, sono stati poi condotti presso il carcere di Poggioreale a Napoli, mentre un quarto componente, è stato denunciato a piede libero.

Continua a leggere

Attualità

Sorpreso con pistola, droga e cartucce: arrestato 40enne

Pubblicato

il

I carabinieri della Compagnia di Casal di Principe, hanno tratto in arresto nel corso della mattinata odierna, un 40enne del luogo. In particolare, i militari dell’Arma, hanno perquisito l’abitazione dell’uomo e sequestrato una pistola Beretta provento del furto e 41 cartucce dello stesso calibro, nonché 56 grammi di marijuana. L’uomo, alla vista dei carabinieri, ha tentato invano di disfarsi dell’arma, del munizionamento e dello stupefacente, lanciandoli dal proprio balcone nel giardino del vicino di casa. L’arrestato, è stato poi condotto presso il carcere di Santa Maria Capua Vetere, in attesa di giudizio.

Continua a leggere

Attualità

Crispano, varata nuova modalità di gestione delle cedole e dei voucher per le scuole

Pubblicato

il

Il Comune di Crispano, a partire dall’anno scolastico 2021/22, ha adottato una nuova modalità di gestione delle cedole per gli alunni e le alunne delle scuole primarie statali e paritarie del territorio comunale. Pertanto, le cedole e i voucher, saranno forniti in formato digitale e potranno essere utilizzate presso le cartolibrerie/librerie accreditate, con avvisi da ricercare di volta in volta sul sito www.comune.crispano.na.it, mediante l’esibizione di un semplice Codice Pin, associato al codice fiscale dell’alunno beneficiario. Per quanto riguarda invece, la procedura di domanda, può essere presentata dal 21 settembre 2021 al 30 settembre 2021.

La procedura da seguire, è molto semplice, infatti sarà possibile rivolgersi al call center della ditta Astrotel ai seguenti numeri telefonici: 08251806043. Dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 19. A tal proposito, il sindaco di Crispano Michele Emiliano, si è così espresso:

Una procedura che, insieme all’assessore all’istruzione Carolina Cosentino, abbiamo voluto fortemente in previsione del possibile caos che si sarebbe potuto creare e, come alternativa valida, nella gestione di un servizio così importante. Una scelta per aiutare le mamme e i papà di Crispano a ottenere le cedole, senza dover affrontare lunghe e faticose procedure. Come sempre, siamo al lavoro per voi”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante