Resta sintonizzato

Attualità

Addio al reddito di cittadinanza con il nuovo governo-Draghi ?

Pubblicato

il

Sono quasi 3 milioni gli italiani che percepiscono il RDC. La maggior parte si starà chiedendo se il nuovo premier tecnico, Draghi, incaricato dal Presidente Mattarella, in seguito alla crisi di Governo, appoggerà il sussidio oppure proverà ad abolirlo.

Mario Draghi non si è ancora espresso fermamente sul tema, ma da alcune sue passate uscite, possiamo trarre qualche spunto.

Durante la sua partecipazione al Meeting 2020  Special Edition che si è tenuto a Rimini, Draghi ha fornito alcune dichiarazioni riguardo i sussidi dello Stato. Ecco cosa ha dichiarato l’ex presidente della BCE:

I sussidi servono a sopravvivere, a ripartire. Ai giovani bisogna però dare di più perché i sussidi finiranno e se non si è fatto niente resterà la mancanza di una qualificazione professionale che potrà sacrificare la loro libertà di scelta e il loro reddito futuri”. Una critica velata nei confronti del reddito anche.

Ma aldilà di questo, il reddito di base (in Italia chiamato per ragioni politiche ‘di cittadinanza’) è tutto sommato motivo di ‘bilancio’. Ed è proprio su questo che si sofferma l’economista su un’intervista al Financial Times: ” La questione fondamentale non è se ma in che modo lo Stato possa fare buon uso del suo bilancio”.

“Il reddito di base non dev’ essere la priorità, ma un paracadute per chi perde il lavoro. Ma si devono innanzitutto proteggere le persone dal rischio di perdere il posto di lavoro.”

Di queste parole ovviamente, Renzi che vuole fortemente l’abolizione del Reddito di cittadinanza, non potrà essere contento. Difficile anche eliminarlo del tutto, con i Cinque Stelle che premeranno forte sul punto per la prossima campagna elettorale. Improbabile anche che si vada al referendum sul reddito.

Diciamo, quindi, che per ora i sussidiati possono stare tranquilli, anche se sono da capire eventuali evoluzioni future.

Attualità

Napoli, folle inseguimento in città: arrestato 36enne sloveno

Pubblicato

il

Incidente stradale avvenuto nella notte a Napoli, in Piazza Trieste e Trento, dove due tassisti, sono stati urtati da un uomo con la sua auto. Gli agenti della Polizia Municipale, hanno intimato l’alt al conducente che, per sfuggire al controllo, ha perso il controllo della vettura impattando contro di loro, salvo poi allontanarsi. Tuttavia, proprio in quegli istanti, una volante gli si è posta dinanzi per fermarli, ma il veicolo dell’uomo ha accelerato la marcia speronandoli. Da lì, ne è nato un folle inseguimento, terminato in via Partenope quando il fuggitivo, è stato definitivamente bloccato.

Pertanto, Martin Dittrich, 36enne sloveno con precedenti di Polizia, è stato arrestato per resistenza a Pubblico Ufficiale, lesioni e denunciato per danneggiamento aggravato di beni della Pubblica Amministrazione.

Continua a leggere

Attualità

Rapina una tabaccheria e tenta la fuga: 35enne in manette

Pubblicato

il

Rapina una tabaccheria e poi tenta la fuga. Questo è quanto accaduto nel pomeriggio di lunedì a Napoli, in via Riviera di Chiaia, dove un uomo armato di coltello, è stato denunciato dalla titolare dell’esercizio commerciale, per averle sottratto poco prima, 1000 euro. Tuttavia, i poliziotti, sono riusciti a rintracciarlo in Corso Malta a bordo di un motociclo, ma egli, alla vista degli agenti, ha tentato la fuga nonostante l’alt. Pertanto, è stato bloccato e trovato in possesso dello stesso casco e del marsupio indossati per la rapina.

Raffaele Imperatore Vettolieri, 35enne napoletano con precedenti di Polizia, è stato sottoposto a fermo per rapina pluriaggravata e per lui, l’Autorità Giudiziaria, ha disposto la custodia cautelare in carcere.

Continua a leggere

Attualità

Napoli. Beccati 4 giovani armati di coltelli, si giustificano dicendo: “Dobbiamo poterci difendere”

Pubblicato

il

Continuano senza sosta i controlli dei carabinieri della Compagnia Vomero, che nel corso delle operazioni, hanno fermato 4 ragazzini armati di coltello a serramanico, che adducevano tutti le stesse giustificazioni: “Dobbiamo poterci difendere“. Tuttavia, nonostante tutto, saranno ugualmente denunciati per porto abusivo di armi. Oltre alle armi trovata anche la droga. Infatti, sono diverse le persone segnalate alla Prefettura per possesso di stupefacenti destinati all’uso personale. In totale, durante i vari posti di blocco organizzati nelle strade più trafficate, i carabinieri hanno identificato 96 persone e setacciato 32 veicoli, elevando migliaia di euro in contravvenzioni.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante