AFRAGOLA – Scusate il ritardo! Non è il titolo del film di Troisi ma le mie sentite scuse sul ritardo per le dovute riflessioni da fare all’indomani dell’imbarazzante Conferenza Stampa del Sindaco Claudio Grillo.

Un solo dato è uscito fuori da quell’incomprensibile appuntamento, ossia che il Sindaco non ha risolto i problemi della crisi nata circa sette mesi fa. Per sua stessa ammissione la fascia tricolore non ha i numeri per poter governare la città ma per un motivo ancora sconosciuto e non esplicitato in quella conferenza ricca di retorica e luoghi comuni, nonché di frasi fatte già trite e ritrite, rimane ancora in sella.

Se qualche addetto ai lavori magari non proprio sul pezzo, si aspettava che quella conferenza fosse stata indetta per presentare la nuova giunta è rimasto deluso, poiché la “nuova” giunta non è stata altro che la vecchia giunta con Baia e Acri congelati e mentre Acri rimane al fresco nel congelatore per ovvi motivi, dopo la conferenza stampa e le dichiarazioni del Sindaco dove si è fatto passare Baia per l’uomo maturo al quale si devono i meriti di questo pseudo equilibrio col suo passo indietro, l’ex assessore al Cimitero comincia ad avere sussulti di dignità dichiarando al collega Auricchio di Napolimetropoli di aver fatto si un passo indietro ma in vista della nomina di una giunta tecnica d’alto profilo, non certo per far accomodare di nuovo sulle poltrone i suoi ex colleghi.

Legittime le rimostranze di Baia, visto che politicamente parlando la lunga militanza e l’esperienza del forzista non sono certamente inferiori a quelle dei suoi colleghi d’esecutivo. Allora tanto vale nominare un assessore di genere al posto di Acri e consentire anche l’entrata in giunta dell’assessore alla Polizia Locale.

Se non si è raggiunti l’equilibrio perché quest’accanimento terapeutico? A chi giova mantenere la città ferma al palo ancora per chissà quanto tempo? Visto che con gli stessi attori nulla è stato fatto in quasi tre anni. Anche se il primo cittadino, al netto delle grandi opere, vede Afragola alla stregua di Zurigo.

Ma poi, non si riesce a comprendere come mai si accoglie la richiesta di congelamento di Acri da parte di Campania Libera che magari, per non inimicarsi la propria assessora, non riesce a mettere sul banco il nome di un’altra donna e non si prende la situazione di petto e si delega, in maniera autorevole, un’assessora temporanea, in attesa della maternità di Acri ma anche di risoluzioni giudiziarie in corso da parte del consorte, così come fatto per la Balsamo che nonostante abbia bloccato sui social il sindaco dopo l’azzeramento, torna volentieri in giunta alla prima chiamata? (domanda troppo lunga ma necessari i passaggi fatti, mi perdoneranno i lettori).

E ancora. Perché si è preferito congelare Baia e non un altro assessore, al di là delle dichiarazioni, già smentite dallo stesso ex assessore, fatte nella conferenza stampa?

Veramente il sindaco credeva di convincere la stampa accorsa in maniera agguerrita? Visto che lo stesso appuntamento per l’Amministrazione Comunale doveva restare segreto, dato che non era prevista nessuna diretta streaming. Diretta resa pubblica poi grazie all’intuizione e ai mezzi di MinformoTv.

LASCIA UN COMMENTO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.