Resta sintonizzato

Cronaca

Affiliato al Clan Di Lauro, sequestrati beni dal valore di 10 milioni tra Napoli e Melito

Pubblicato

il

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha sequestrato, tra la Campania e l’Abruzzo, un ingente patrimonio del valore di oltre 10 milioni di euro, riconducibile a Gaetano BRITTI, 75 anni,affiliato di spicco del clan DI LAURO.

Il provvedimento ablativo, che ha riguardato beni immobili tra i Comuni di Napoli, Melito di Napoli e Castel di Sangro (L’Aquila), è stato emesso dal Tribunale di Napoli – Sezione per l’Applicazione delle Misure di Prevenzione su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia partenopea, ed èstato eseguito dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Napoli.

In particolare, gli specialisti del G.I.C.O. hannosequestrato fabbricati e terreni dopo aver ricostruitocome le risorse accumulate nel tempo dalla famiglia erano state favorite dal rapporto di parentela fra il BRITTI e il cognato Rosario PARIANTE, protagonista del c.d. “Cartello Scissionista” nel periodo di erosione della struttura organizzativa del clan DI LAURO.

Prima della contrapposizione armata tra i DI LAURO e gli Scissionisti, BRITTI Gaetano, grazie al rapporto di “rispetto” con il cognato, aveva goduto di un canale privilegiato attraverso il quale gli venivano affidate ingenti somme di denaro di provenienza illecita derivanti dal traffico di sostanze stupefacenti e dalle estorsioni che, attraverso una propria struttura organizzata, “reinvestiva” in operazioni di usura, riciclaggio e reimpiegonell’Economia legale.

Le capacità manageriali del BRITTI nella gestione del vasto giro di usura sono state presto riconosciute, oltre che dal cognato PARIANTE Rosario, anche da altri sodali apicali del clan che gli avevano affidato le proprie risorse illecite per farle fruttare.

Le indagini di natura patrimoniale hanno sfruttato le evidenze investigative acquisite in precedenza dalle stesse Fiamme Gialle: lappartenenza del BRITTI al sodalizio criminale, le dichiarazioni di numerosi collaboratori di giustizia e infine la totaleinconsistenza economica dei componenti del suo nucleo familiare, del tutto sprovvisto di fonti lecite di guadagno in grado di giustificare il valore economico del patrimonio.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Avellino

Uomo attaccato da toro in Irpinia: grave in ospedale

Pubblicato

il

Un sessantenne, residente in provincia di Caserta, è stato ricoverato in ospedale ad Avellino per le gravi ferite riportate dopo essere stato attaccato da un toro.

È accaduto sull’altopiano di Verteglie nel territorio del comune di Montella, in provincia di Avellino.

Insieme alla famiglia aveva raggiunto in mattinata la località turistica per trascorrere la domenica. L’uomo sarebbe stato attaccato alle spalle dal toro in una zona tra l’area pic nic e un sentiero di montagna e sbalzato a molti metri di distanza.

I soccorsi sono scattati immediatamente. Un’ambulanza del 118 ha provveduto al suo trasferimento all‘ospedale “Moscati” di Avellino. Indagini sono in corso da parte dei carabinieri.

Continua a leggere

Cronaca

12enne vittima rapina nel Napoletano: prima le chiede che ore sono e poi le ruba lo smartphone

Pubblicato

il

Nella serata di ieri in via Principessa Margherita di Savoia a San Sebastiano al Vesuvio, in provincia di Napoli, una bambina di 12 anni è stata vittima di una rapina: un uomo le ha rubato lo smartphone e poi si è dato alla fuga.

Sembrerebbe che il ladro si sia precedentemente avvicinato alla dodicenne chiedendole che ore fossero. La bambina, a quel punto, ha estratto dalla borsa lo smartphone e l’uomo lo ha afferrato per poi fuggire.

Indagini in corso da parte dei carabinieri della stazione di San Sebastiano al Vesuvio.

Continua a leggere

Cronaca

Napoli, tentano rapina a 16enne e gli sparano ad un piede

Pubblicato

il

La scorsa notte a Napoli, è stato ferito un sedicenne per una tentata rapina, stando a quanto ricostruito dai carabinieri.

I carabinieri della compagnia Napoli Stella sono intervenuti all’ospedale Pellegrini dove poco prima si era presentato autonomamente un 16enne napoletano ferito da un colpo d’arma da fuoco.

Da una prima sommaria ricostruzione ancora da verificare, pare che il ragazzino, mentre passeggiava a via Ettore Bellini nel quartiere San Lorenzo, è stato avvicinato da due sconosciuti in sella a uno scooter che in un tentativo di rapina hanno esploso un colpo d’arma da fuoco per poi fuggire. Il 16enne è stato colpito al piede destro. La vittima si trova tuttora ricoverato nel reparto di ortopedia.

Indagini in corso per ricostruire l’evento da parte dei carabinieri della Stella che hanno effettuato un primo sopralluogo a via Bellini con esito negativo.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy