Resta sintonizzato

Cronaca

Affiliato al Clan Di Lauro, sequestrati beni dal valore di 10 milioni tra Napoli e Melito

Pubblicato

il

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha sequestrato, tra la Campania e l’Abruzzo, un ingente patrimonio del valore di oltre 10 milioni di euro, riconducibile a Gaetano BRITTI, 75 anni,affiliato di spicco del clan DI LAURO.

Il provvedimento ablativo, che ha riguardato beni immobili tra i Comuni di Napoli, Melito di Napoli e Castel di Sangro (L’Aquila), è stato emesso dal Tribunale di Napoli – Sezione per l’Applicazione delle Misure di Prevenzione su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia partenopea, ed èstato eseguito dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Napoli.

In particolare, gli specialisti del G.I.C.O. hannosequestrato fabbricati e terreni dopo aver ricostruitocome le risorse accumulate nel tempo dalla famiglia erano state favorite dal rapporto di parentela fra il BRITTI e il cognato Rosario PARIANTE, protagonista del c.d. “Cartello Scissionista” nel periodo di erosione della struttura organizzativa del clan DI LAURO.

Prima della contrapposizione armata tra i DI LAURO e gli Scissionisti, BRITTI Gaetano, grazie al rapporto di “rispetto” con il cognato, aveva goduto di un canale privilegiato attraverso il quale gli venivano affidate ingenti somme di denaro di provenienza illecita derivanti dal traffico di sostanze stupefacenti e dalle estorsioni che, attraverso una propria struttura organizzata, “reinvestiva” in operazioni di usura, riciclaggio e reimpiegonell’Economia legale.

Le capacità manageriali del BRITTI nella gestione del vasto giro di usura sono state presto riconosciute, oltre che dal cognato PARIANTE Rosario, anche da altri sodali apicali del clan che gli avevano affidato le proprie risorse illecite per farle fruttare.

Le indagini di natura patrimoniale hanno sfruttato le evidenze investigative acquisite in precedenza dalle stesse Fiamme Gialle: lappartenenza del BRITTI al sodalizio criminale, le dichiarazioni di numerosi collaboratori di giustizia e infine la totaleinconsistenza economica dei componenti del suo nucleo familiare, del tutto sprovvisto di fonti lecite di guadagno in grado di giustificare il valore economico del patrimonio.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Giornalista molestata in diretta, polizia individua il tifoso

Pubblicato

il

EMPOLI – Secondo le ultime indiscrezioni, la polizia avrebbe individuato il tifoso della Fiorentina che, a seguito della partita Empoli-Fiorentina del 27 novembre, ha molestato la giornalista di Greta Beccaglia.

La donna ha subito la molestia in diretta mentre eseguiva un servizio per una trasmissione calcistica. Il commissariato della città di Empoli avrebbe, dunque, individuato il soggetto incriminato attraverso le immagini emesse dalla stessa televisione e mediante un incrocio di queste con degli altri video di sorveglianza ripresi dallo stadio.

Nelle prossime ore la polizia farà rapporto in Procura, dopo che la giornalista ha sporto denuncia. Il reato ipotizzato è molestie. Si sta cercando di identificare anche gli altri tifosi che hanno molestato la cronista nella stessa circostanza fuori dallo stadio Castellani, sul lato di deflusso dei tifosi viola, pochi minuti dopo la prima aggressione. Seguiranno aggiornamenti.

Continua a leggere

Cronaca

Napoli: ruba monitor dalla sala scommesse, poi aggredisce la polizia

Pubblicato

il

NAPOLI – Gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti ieri sera in via Diocleziano per la segnalazione di una persona che aveva sradicato un monitor all’interno di una sala scommesse.

I poliziotti, giunti sul posto, hanno rinvenuto un uomo che, in stato di evidente agitazione, ha inveito contro gli agenti delle forze dell’ordine a suon di calci e pugni. Il soggetto è stato poi fermato, non senza difficoltà.

Giancarlo Olisterno, 49enne con precedenti di polizia, è stato arrestato per lesioni e resistenza a Pubblico Ufficiale nonché denunciato per oltraggio a Pubblico Ufficiale.

Continua a leggere

Cronaca

Aversa, movida: 13enne ricoverato dopo aggressione

Pubblicato

il

AVERSA – Sfiorata la tragedia ad Aversa. Un giovane 13enne è stato ricoverato di urgenza in ospedale a seguito di essere stato vittima di una aggressione.

L’episodio è avvenuto in Via Seggio, centro della movida dell’agro aversano. Il ragazzo è stato assalito da più malviventi durante una uscita con amici nella zona dei locali. Per il giovanissimo è stato necessario l’intervento dell’ambulanza che lo ha trasportato all’ospedale Santobono di Napoli dove è stato medicato e dimesso con una prognosi di cinque giorni.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante