Resta sintonizzato

Attualità

Passaporto Covid: quali saranno le sue funzioni e quando si potrà riprendere a viaggiare liberamente

Pubblicato

il

L’obiettivo dell’Unione Europea è quello di tornare a spostarsi liberamente, almeno in Europa e così la proposta legislativa portata avanti dalla Commissione europea è quello di un passaporto Covid, per riprendere a viaggiare nel continente in sicurezza.

E’ una vera e propria proposta di legge, con un valore riconosciuto dunque, non opzionale. L’annuncio lo ha dato Ursula Von der Leyen su Twitter:Presenteremo questo mese una proposta legislativa per un digital green pass“.

Il passaporto verde digitale ha l’obiettivo di fornire: “La prova che una persona è stata vaccinata, i risultati dei tamponi per coloro che non hanno ancora ricevuto il vaccino e informazioni sulla eventuale guarigione dal Covid-19“, spiega la presidente della Commissione europea. I dati personali saranno protetti, così come la sicurezza e la privacy dei cittadini europei.

Servirà a “facilitare la vita degli europei” con l’obiettivo di “consentire ai cittadini di muoversi gradualmente in sicurezza nell’Unione o all’estero, per lavoro o per turismo“.

Un vero e proprio passaporto che contenga tutte le informazioni necessarie, in sostanza. La proposta della Commissione sarà presentata ufficialmente il prossimo 17 marzo, ma è stata già annunciata ai ministri della Salute dei Paesi europei in un incontro informale in videoconferenza.

Sarà una vera e propria legge e “sarà una proposta legislativa, non un optional, ma avrà il valore di uno strumento legale sulla base dei Trattati per il libero movimento” ha spiegato il vicepresidente della Commissione Margaritis Schinas ai ministri della Salute.

Il passaporto Covid sarà presentato ai leader dell’Unione europea al vertice del 25 marzo e “sulla base di questo saranno fatti i passi per organizzare la mobilità vera e propria“.

L’intenzione è quella di accelerare i tempi per riprendere con gli spostamenti in sicurezza in Europa, soprattutto in vista dell’estate.

Attualità

Strage di via D’Amelio, i figli di Borsellino citano la Presidenza del Consiglio e il Viminale

Pubblicato

il

I figli del giudice Paolo Borsellino nel corso dell’udienza preliminare, tenutasi questa mattina a Caltanissetta, a carico di 4 agenti accusati del depistaggio delle indagini sulla strage di via D’Amelio, oltre a chiedere la costituzione di parte civile, hanno sollecitato – secondo quanto si apprende dall’Ansa – la citazione come responsabile civile della Presidenza del Consiglio dei ministri e del ministro dell’Interno.

Una richiesta analoga è stata avanzata, attraverso il suo legale, dal fratello del magistrato, Salvatore.

Continua a leggere

Attualità

Legambiente, in Campania cresce a dismisura l’ecomafia: +23% reati ambientali

Pubblicato

il

In Campania le ecomafie premono sempre di più sull’acceleratore e fanno affari d’oro.

Lo afferma Legambiente nel rapporto “Ecomafia 2024: Storie numeri della criminalità ambientale in Italia”, giunto al trentesimo anno di pubblicazione e che sottolinea come in Campania siano in aumento i reati ambientali che nel 2023 salgono a 4.952, registrando un +23% rispetto al 2022, con una media di 13,5 reati al giorno, dati che confermano la Campania leader nazionale.

Maglia nera per la provincia di Napoli con 1.494 reati, seguita da Avellino (in forte crescita con 1.203 reati, pari al +72,9%).
I dati presentati oggi spiegano come la Campania si conferma maglia nera a livello nazionale in tutti i cicli dell’ecomafia, da quello dei rifiuti al cemento illegale. La Regione si conferma al primo posto come numero di reati contro l’ambiente (4.952, pari al 14% del totale nazionale) con un aumento delle persone denunciate (4.643), delle persone arrestate (49), e dei sequestri effettuati (1.241). 

Continua a leggere

Attualità

E’ emergenza matematica per i quindicenni al Sud: solo il 44% ha competenze di base

Pubblicato

il

Emergenza matematica per i quindicenni al Sud, ma preoccupa anche il calo in italiano al Nord e al Centro: a rilevarlo i dati del report Invalsi 2024.

Alla primaria, invece, i bambini ‘crescono’ in matematica. Migliorano le prove dei maturandi, anche se non tornano ancora ai livelli pre-Covid. Gli studenti, inoltre, sembrano conoscere meglio l’inglese. La dispersione scolastica implicita – di chi non raggiunge i livelli minimi accettabili di apprendimento – tocca il valore più basso da quando viene fatta la rilevazione, il 6,6%.

Solo il 44% dei 15enni al Sud ha competenze di base di Matematica: c’è in questi territori una vera e propria emergenza nell’apprendimento della materia. In particolare, l’Istituto ricorda che in II secondaria di secondo grado nel 2020 e nel 2021 le prove non si sono svolte a causa della pandemia.

Le differenze tra l’Italia centro-settentrionale e quella meridionale rimangono consistenti, anche se si osserva un preoccupante calo nel Nord Ovest e nel Centro. In Matematica il 55% degli studenti e delle studentesse raggiunge almeno il livello base.

Solo il 48% in terza media al Sud raggiunge almeno il livello di base in Matematica.

“Un dato allarmante”, lo ha giudicato il presidente Invalsi, Roberto Ricci.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy