Resta sintonizzato

Attualità

L’ ultimo viaggio di Roberto Sanna. Ha scelto il suicidio assistito a 34 anni

Pubblicato

il

SARDEGNA- La storia di Roberto Sanna è tra le più commoventi attualmente in circolazione.

Il 34 enne di Pula, un anno fa ha saputo di esser affetto di SLA, sclerosi laterale amiotrofica, una delle malattie più infide e perfide che possa colpire l’essere umano.

Due giorni fa è iniziato il suo ultimo viaggio, verso una clinica in Svizzera. Perchè Roberto ha deciso di non soffrire più e si sottoporrà a suicidio assistito.

Purtroppo il suo peggioramento è stato repentino. Le condizioni fisiche sono degenerate in meno di un anno.

Due giorni fa la commovente e triste partenza da Pula, nel cagliaritano, tra i saluti e le lacrime della sindaca Carla Medau e degli amici. “Ho percepito un grande dolore, un grande stupore di tutta la comunità perché è un gesto che non è sondabile dalla mente umana. Il pensiero è quello di stare vicino alla famiglia ma la forma più adeguata è il silenzio”, dice Madau, “ognuno ha espresso il saluto personale a Roberto e un affettuoso abbraccio di vicinanza alla sua famiglia, in questo momento il nostro cuore è gonfio di dolore e di partecipazione per questa sua scelta che lui ha definito anche di salvezza e penso che, profondamente, vada rispettata”.

Accanto a Roberto ci sono la mamma, la compagna e lo zio. Il padre non è partito per l’ultimo viaggio del figlio, stando a quanto si apprende, per motivi di salute. “Non ci sono parole, c’è solo la preghiera per i credenti per affidarlo a Dio – dice don Marcello Loi, parroco di Pula -. Sono scioccato e rattristato”.

Ciao Roberto, sei un uomo forte e coraggioso. Siamo sicuri che questo non sarà, davvero, il tuo ultimo viaggio.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Rubavano i veicoli per poi rivenderli: denunciato il titolare di una concessionaria

Pubblicato

il

La Polizia di Stato ha denunciato in stato di libertà un 40enne di Sant’Anastasia, accusato di ricettazione, riciclaggio, appropriazione indebita e attività non autorizzata di smaltimento rifiuti. Inoltre, sono state sequestrate ben 6 autovetture del tipo Fiat Panda, Renault Captur, Smart e Lancia Y, oltre ad uno scooter Piaggio Vespa. Pertanto, procedendo al confronto di targhe e numeri di telaio dei veicoli, si è evinto che 4 di questi, erano provento di furto, mentre gli altri 3 frutto di appropriazione indebita. Indagini in corso, per accertare le pregresse vendite di auto e moto di dubbia provenienza, al fine di identificarne i responsabili che ne gestiscono l’illecito mercato.

Continua a leggere

Attualità

Controlli a tappeto nell’aversano, scattano denunce e sanzioni

Pubblicato

il

I carabinieri della Compagnia di Aversa, hanno deferito in stato di libertà un 26enne di Orta di Atella, il quale è stato sorpreso alla guida di un veicolo senza aver mai conseguito la patente. Inoltre, una seconda persona, un 59enne di origine nigeriana, è stato deferito a seguito di un incidente stradale, dove aveva fornito false generalità agli agenti. Infine, un terzo soggetto, un 19enne di San Cipriano d’Aversa, è stato denunciato perché trovato in possesso di un coltello a serramanico della lunghezza di 18 cm nonché di 2 grammi di marijuana.

Nel complesso, nel corso delle operazioni, sono state elevate 120 contravvenzioni al Codice della Strada. Mentre sono ben 823 le persone controllate e 593 i veicoli.

Continua a leggere

Attualità

Covid a Pozzuoli, parla il sindaco Figliolia: “Vietati aperitivi in strada e assembramenti”

Pubblicato

il

Il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia, ha disposto il divieto di aperitivi in strada e assembramenti, a partire dal prossimo 7 dicembre. Lo ha comunicato tramite la sua pagina Facebook lo stesso primo cittadino:

Come tutti hanno potuto verificare negli ultimi giorni, c’è stato in città un aumento dei contagi da covid-19. La pandemia, non è ancora debellata e non ci possiamo permettere di abbassare la guardia. Mi appello pertanto al buon senso dei cittadini, dei giovani soprattutto, invitandoli a rispettare le misure già in vigore con l’ordinanza regionale e di utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuale, nelle aree all’aperto di maggior affollamento. A tal proposito, vi anticipo che firmerò un’ordinanza, con la quale sarà vietata per le prossime festività, a partire già dal 7 dicembre, l’organizzazione di eventi che comportino eccessivi assembramenti di persone nei luoghi pubblici e mi riferisco, in particolare, ai cosiddetti ‘aperitivi’ della movida”.

Poi, conclude: “Capisco che i giovani vogliono divertirsi, ma lo possono fare anche in altro modo, evitando gli assembramenti che facilitano la trasmissione del virus. Ne va di mezzo la nostra salute e questo, non lo possiamo dimenticare. Saranno intensificati i controlli da parte della polizia municipale”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante