Resta sintonizzato

Salute

Ospedali al collasso. Sindaco-rianimatore del Cotugno lancia l’allarme

Pubblicato

il

Il governo ha sette giorni di tempo per decidere. Il Cts ha già  le sue raccomandazioni.

Tra gli scenari possibili c’è quello di un lockdown totale di tre settimane per tutto il Paese.

Ieri,Giovanni Lombardi, sindaco-rianimatore del Cotugno di Napoli dopo un turno di 12 ore in pronto soccorso ha lanciato l’allarme: “L’assistenza sanitaria non è più garantita“.

In Piemonte, invece, sono state sospese tutte le visite non urgenti e “a breve pronto soccorso ed ospedali saranno nuovamente al collasso” ha fatto  l’associazione dei Medici e dei Dirigenti Sanitari, chiedendo l’immediata riapertura dell’ospedale in fiera di Torino Esposizione.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salute

Influenza, Pregliasco avvisa: “Sarà una stagione tosta, a Natale picco di 250 mila casi al giorno”

Pubblicato

il

Il professore associato di Igiene generale e applicata all’Università degli Studi di Milano, nonché direttore Irccs Galeazzi-Sant’Ambrogio Fabrizio Pregliasco, ha fatto il punto della situazione per quanto riguarda l’influenza australiana che sta imperversando nel nostro Paese.

Ecco le sue parole:

“Con l’influenza australiana sarà una bella stagione tosta. Come sempre ci saranno morti, di solito sono tra i 5mila e i 15mila. Il picco è previsto a Natale, circa 250mila casi al giorno. Il picco si registrerà nel periodo natalizio, quando si arriverà a 150mila casi giornalieri, per un totale stagionale di 10 milioni di casi a Capodanno. Quest’influenza renderà la stagione molto tosta. Farà dei morti, come sempre, e il range delle persone che vengono a mancare per l’influenza vanno dai 5mila ai 20mila”.

In particolare, quest’influenza sembra colpire maggiormente i bambini, che non avendo sviluppato difese immunitarie da altri virus durante gli ultimi due anni, sono ancora più esposti di altri soggetti. Pertanto, il virus si propaga grazie alle goccioline diffuse con tosse e starnuti o anche con contatto diretto, toccando oggetti contaminati. 

A tal proposito, dice la sua anche Walter Ricciardi, professore ordinario d’Igiene e Medicina preventiva all’Università di Cattolica:

“Negli ultimi due anni, l’uso delle mascherine e le norme igieniche adottate contro il Covid-19, hanno limitato moltissimo la diffusione del virus influenzale. Complice la voglia di tornare alla normalità, quest’anno le norme di cautela sono considerate ormai superate e la campagna vaccinale è andata malissimo, ma è un errore. Quello che serve è una combinazione di misure quali la vaccinazione, sia contro il Covid che contro l’influenza, e l’intensificazione di misure di sanità pubblica. La risposta individuale ad emergenze epidemiologiche, non è sufficiente a proteggere la popolazione: serve un approccio pubblico, coordinato e basato sull’evidenza scientifica”.

Continua a leggere

Salute

Covid, Campania: tasso di positività diminuisce al 15,91%

Pubblicato

il

NAPOLI – Secondo i dati diramati dall’unità di crisi della Regione Campania oggi si è verificata una lieve diminuzione del numero dei contagi da Covid-19 sul territorio regionale.

I dati riferiscono di 2.173 nuovi casi (ieri erano stati 2.281), mentre i tamponi eseguiti sono stati complessivamente 13.657 (così suddivisi: 3.128 tamponi molecolari e 10.529 tamponi antigenici o cosiddetti rapidi).

Diminuisce lievemente anche il tasso di positività che si attesta oggi al 15,91%, mentre ieri era stato del 16,19%. Per quanto riguarda, invece, i decessi, nel bollettino odierno si registra un morto: come specificato dalla Regione Campania, il decesso si è verificato nelle ultime 48 ore.

Continua a leggere

Salute

Covid, Campania: aumento dei contagi e dei ricoveri ospedalieri

Pubblicato

il

CAMPANIA – Secondo i dati diramati dall’unità di crisi della Regione Campania sono in aumentano sia i contagi che i ricoveri sul territorio regionale. Sono stati registrati 2.281 i neo positivi al Covid-19 su 14.091 test esaminati. Ieri l’indice di contagio era pari al 14,9%, oggi sale al 16,18%. Nessun decesso nelle ultime 48 ore, due deceduti in precedenza ma registrati ieri.

Negli ospedali si continua a registrare un aumento di ricoveri nelle terapie intensive con 11 posti letto occupati (+2 rispetto a ieri); aumento anche nelle degenze con 575 posti letto occupati (+22 rispetto a ieri).

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy