Resta sintonizzato

Attualità

I Maneskin rispondono alle critiche annunciando il nuovo tour: i dettagli

Pubblicato

il

Cresce l’attesa per il tour in concerto dei Maneskin, vincitori del Festival di Sanremo 2021. I loro fan sperano di poterli rivedere nuovamente dal vivo e sembra che l’occasione giusta sia il prossimo dicembre, quando il giovane gruppo rock dovrebbe esibirsi nelle città di Roma e Milano. Il condizionale è d’obbligo, visto che a causa dell’emergenza sanitaria che stiamo vivendo, nulla può essere dato per scontato: la speranza soprattutto, è quella di poterli ammirare nel tour del 2022, già ampiamente confermato.

Nonostante le numerose critiche ricevute dopo il Festival, il gruppo sembra essere riuscito in qualche modo a stemperarle. In particolare, l’attenzione dell’opinione pubblica e dei social, si è soffermata sul look alquanto eccentrico col quale si sono presentati sul palco dell’Ariston, mentre dal punto di vista strettamente tecnico, ci sono state feroci polemiche sul  se possano o meno essere considerati un gruppo rock a tutti gli effetti. Quel che è certo, come afferma il noto  promoter Giuseppe Gomez Paloma, è che i Maneskin siano in termini di resa al botteghino, la miglior band che possa esibirsi in questo momento: perciò le critiche piovute da più parti sono decisamente immeritate, data la crescita esponenziale che hanno avuto negli ultimi anni e la loro indubbia bravura.

È lo stesso Paloma, a lanciare un messaggio social in favore del gruppo, invogliando i fan a strappare i tagliandi per il loro tour: ” Se volete vederli dal vivo rompete gli indugi e da domani alle 11 acquistate il vostro biglietto“.

 

 

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Ue, Roberta Metzola presenta la sua candidatura all’Eurocamera: “Sogno un futuro senza limiti”

Pubblicato

il

“Il futuro è tutt’altro che prevedibile. Vorrei continuare a lavorare con tutti noi per affrontarlo”. Lo ha detto Roberta Metsola presentando la sua candidatura alla Plenaria dell’Eurocamera.

Metsola, all’Aula ha ricordato David Sassoli, “un presidente che aveva messo prima di tutto la dignità delle persone”.

Con la presentazione della candidatura di Metsola è cominciata ufficialmente la decima legislatura dell’Parlamento europeo. L’unica altra candidatura alla presidenza, oltre a Metsola, è quella dell’eurodeputata di The Left Irene Montero. “E’ difficile tradurre in parole che significhi per una donna cresciuta nel mar Mediterraneo essere qui. L’Europa ha dato a tutti noi la possibilità di sognare un futuro in cui il nostro potenziale non abbia limiti”, ha esordito Metsola davanti agli eurodeputati.

Continua a leggere

Attualità

Palazzo Reale di Napoli, nuovi spazi aperti al pubblico: ecco il Museo della Fabbrica e il Belvedere

Pubblicato

il

Sono stati inaugurati nuovi spazi del Palazzo Reale di Napoli: il Belvedere, il Museo della Fabbrica, con la nuova biglietteria e accoglienza nel cortile d’Onore e la mostra temporanea ‘Quattro secoli di storia: la fabbrica di Palazzo Reale’.

“Rileggere il divenire di Palazzo Reale nel tempo non è solo un riepilogo delle variazioni stilistico-architettoniche susseguitesi, ma è anche un viaggio nelle viscere della storia di Napoli e del suo modo d’essere capitale di un regno. Auguro che la nuova prospettiva offerta da questa lodevole iniziativa culturale contribuisca ad ampliare l’orizzonte con cui si guarda alla meravigliosa realtà di questa città”, è il commento del ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano che ha visitato le nuove aree con il direttore di Palazzo Reale, Mario Epifani.

Il Museo della Fabbrica (concepito da Epifani, progettato dall’architetto Giovanni Francesco Frascino) è in asse con l’ingresso di Piazza del Plebiscito, è un’esposizione permanente che costituisce un percorso introduttivo alla visita. Collocato al pianterreno racconta la storia del palazzo attraverso l’esposizione di opere e installazioni audiovisive che ne illustrano le trasformazioni anche attraverso rilievi 3D.

Visibili in teche sospese i modellini ottocenteschi restaurati degli architetti Antonio Niccolini e Gaetano Genovese. Al piano nobile, nella Galleria del Genovese, fino al 3 settembre, è allestita la mostra curata da Epifani con l’allestimento dall’architetto Stefano Gei. Le opere sono in prestito in gran parte da istituzioni museali statali napoletane.

“Il nostro obiettivo è quello di recuperare ogni traccia esistente della storia di Palazzo Reale e raccontarla al visitatore, per ricostruire l’identità di un luogo così stratificato – ha aggiunto Mario Epifani – Il palazzo è diventato, complice la vicinanza del Teatro di San Carlo e della Biblioteca Nazionale, una sorta di hub culturale”.


(fonte: Ansa)

Continua a leggere

Attualità

Omicidio vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, domiciliari per Hjorth: andrà dalla nonna al mare

Pubblicato

il

A dodici giorni dalla decisione della Corte d’Assise di Appello che ha ridotto a 11 anni e 4 mesi la sua condanna, Gabriele Natale Hjorth, uno dei due studenti americani coinvolti nella morte del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, ottiene gli arresti domiciliari.

I giudici della II sezione hanno, infatti, accolto una istanza presentata dai difensori disponendo la scarcerazione dell’imputato e stabilendo nell’appartamento della nonna del ragazzo, a Fregene, centro del litorale romano, il luogo dove dovrà proseguire la detenzione.

Per il condannato è stato disposto il braccialetto elettronico e il divieto di comunicare con l’esterno. Una decisione che ha provocato la forte reazione della moglie di Cerciello Rega che venne ucciso con 11 coltellate inferte da Finnegan Lee Elder, che ha visto ridursi la condanna nell’appello bis a 15 anni e due mesi, la notte del 25 e il 26 luglio del 2019 in strada a Roma.

Nel processo di primo grado i due giovani americani vennero condannati all’ergastolo. Una pena poi ampiamente rivista al ribasso dopo il secondo processo di appello disposto dalla Cassazione. I giudici hanno fatto cadere le aggravanti, ammesso il rito abbreviato e questo ha portato ad una sensibile diminuzione degli anni da scontare in carcere. In particolare per Elder è arrivata anche una assoluzione, perché il fatto non costituisce reato, per l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy