Resta sintonizzato

Attualità

Castellammare. Maxi blitz all’alba, in arresto 16 persone: i dettagli

Pubblicato

il

Maxi blitz all’alba dei carabinieri del Comando Provinciale di Napoli, che hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura custodiale cautelare, nei confronti di ben 16 persone, dei quali 15 in carcere e uno agli arresti domiciliari. Le accuse che pendono a loro carico, sono quelle di reati di associazione di tipo mafioso, estorsione continuata e in concorso, detenzione illegale di armi comuni da sparo, reati tutti aggravati dalle finalità mafiose, per aver agito forti dell’appartenenza al clan D’Alessandro, operante in Castellammare di Stabia e nei territori limitrofi.

Le indagini però, riguardano il periodo che va dal 2017 al 2020, durante il quale si è dimostrata l’attuale operatività del citato sodalizio, evidenziando un quadro recente e aggiornato in ordine alla struttura, i ruoli e le attività illecite poste in essere dal clan D’Alessandro. Sono state documentate diverse estorsioni che vedono protagonista il suddetto clan nel suo capillare controllo del territorio, avvalendosi del braccio armato costituito da Antonio Longobardi, detto “Ciccillo” e Carmine Barba, rivelatisi poi anche custodi dell’arsenale del clan, che non aveva un unico luogo di custodia ma veniva suddiviso in più zone, per eludere i sequestri.

Un ruolo importante era poi ricoperto da Liberato Paturzo, che si occupava di soddisfare gli interessi del clan attraverso una serie di servigi, quali partecipazione ad appalti pubblici, informazioni su aggiudicazioni di pubblici incanti, segnalazioni di imprenditori da avvicinare per l’imposizione del racket. Le ulteriori indagini poi, hanno consentito l’emissione di un decreto di sequestro preventivo relativamente a beni mobili, immobili, rapporti finanziari, imprese e quote di società, per un valore complessivo stimato in 6 milioni di euro.

 

 

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Rubavano i veicoli per poi rivenderli: denunciato il titolare di una concessionaria

Pubblicato

il

La Polizia di Stato ha denunciato in stato di libertà un 40enne di Sant’Anastasia, accusato di ricettazione, riciclaggio, appropriazione indebita e attività non autorizzata di smaltimento rifiuti. Inoltre, sono state sequestrate ben 6 autovetture del tipo Fiat Panda, Renault Captur, Smart e Lancia Y, oltre ad uno scooter Piaggio Vespa. Pertanto, procedendo al confronto di targhe e numeri di telaio dei veicoli, si è evinto che 4 di questi, erano provento di furto, mentre gli altri 3 frutto di appropriazione indebita. Indagini in corso, per accertare le pregresse vendite di auto e moto di dubbia provenienza, al fine di identificarne i responsabili che ne gestiscono l’illecito mercato.

Continua a leggere

Attualità

Controlli a tappeto nell’aversano, scattano denunce e sanzioni

Pubblicato

il

I carabinieri della Compagnia di Aversa, hanno deferito in stato di libertà un 26enne di Orta di Atella, il quale è stato sorpreso alla guida di un veicolo senza aver mai conseguito la patente. Inoltre, una seconda persona, un 59enne di origine nigeriana, è stato deferito a seguito di un incidente stradale, dove aveva fornito false generalità agli agenti. Infine, un terzo soggetto, un 19enne di San Cipriano d’Aversa, è stato denunciato perché trovato in possesso di un coltello a serramanico della lunghezza di 18 cm nonché di 2 grammi di marijuana.

Nel complesso, nel corso delle operazioni, sono state elevate 120 contravvenzioni al Codice della Strada. Mentre sono ben 823 le persone controllate e 593 i veicoli.

Continua a leggere

Attualità

Covid a Pozzuoli, parla il sindaco Figliolia: “Vietati aperitivi in strada e assembramenti”

Pubblicato

il

Il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia, ha disposto il divieto di aperitivi in strada e assembramenti, a partire dal prossimo 7 dicembre. Lo ha comunicato tramite la sua pagina Facebook lo stesso primo cittadino:

Come tutti hanno potuto verificare negli ultimi giorni, c’è stato in città un aumento dei contagi da covid-19. La pandemia, non è ancora debellata e non ci possiamo permettere di abbassare la guardia. Mi appello pertanto al buon senso dei cittadini, dei giovani soprattutto, invitandoli a rispettare le misure già in vigore con l’ordinanza regionale e di utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuale, nelle aree all’aperto di maggior affollamento. A tal proposito, vi anticipo che firmerò un’ordinanza, con la quale sarà vietata per le prossime festività, a partire già dal 7 dicembre, l’organizzazione di eventi che comportino eccessivi assembramenti di persone nei luoghi pubblici e mi riferisco, in particolare, ai cosiddetti ‘aperitivi’ della movida”.

Poi, conclude: “Capisco che i giovani vogliono divertirsi, ma lo possono fare anche in altro modo, evitando gli assembramenti che facilitano la trasmissione del virus. Ne va di mezzo la nostra salute e questo, non lo possiamo dimenticare. Saranno intensificati i controlli da parte della polizia municipale”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante