Resta sintonizzato

Aversa

AVERSA. Utenze idriche intestate a defunti: il Sindaco crea una task force

Pubblicato

il

Grosso problema nella città di Aversa dove molte utenze idriche risultano ancora intestate a persone defunte. 

Una voragine milionaria per le casse del Comune in provincia di Caserta. Molte persone, infatti, non hanno fatto la voltura: nello specifico si tratta di circa 640 forniture che risultano intestate a persone morte.

Il sindaco Alfonso Golia, su proposta dell’assessore Francesca Sagliocco, ha approvato una delibera per affrontare questo problema.

Ci sarà una creazione di un gruppo di lavoro formato da quattro dipendenti comunali: due agenti della Polizia Municipale, un addetto alla localizzazione dei misuratori meccanici riferibili agli utenti e un addetto all’attività di aggiornamento delle posizioni contrattuali e contabili degli utenti.

La task force dovrà essere operativa entro sette giorni dall’approvazione della delibera e dovrà avvalersi della collaborazione dell’Ufficio Anagrafe del Comune. Lo scopo è accelerare sulle volture dei contatori idrici intestati a defunti.

Su Facebook, Golia ha spiegato. La voragine dei conti comunali si è allargata a dismisura e si è messa la città sulle spalle dei cittadini onesti, lasciando che migliaia e migliaia di persone non pagassero i canoni, tra cui soprattutto quelli del servizio idrico integrato. Noi non ci siamo voltati dall’altra parte e abbiamo avviato questo percorso di risanamento della città, che tanti provano a osteggiare per mantenere lo status quo. La normalizzazione di canoni e tributi è un passo fondamentale per risanare la città, migliorare servizi e la vivibilità. Ovviamente va sottolineato che c’è chi da erede non si è sottratto al suo dovere. Cari concittadini, è finito il tempo in cui gli onesti si sentiranno emarginati, è arrivato il tempo in cui dobbiamo ridare dignità ai servizi di pubblica utilità chiedendo finora a chi ha preso senza pagare! Non ci fermeremo, non ci fermeranno”, conclude.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Aversa

Aversa, postino 55enne trovato morto nella sua abitazione: nel 2022 accoltellò un uomo alla pancia

Pubblicato

il

Mario Motti, 55 anni, è stato trovato morto nella sua abitazione in via Diaz, ad Aversa (Ce). E’ accaduto questa mattina, l’ipotesi più accreditata è quella di un improvviso malore.

La mamma di Mario ha lanciato l’allarme, ritrovandolo in casa senza vita.
Sembrerebbe che il decesso fosse sopraggiunto addirittura qualche ora prima, al punto da rendere vani i tentativi di rianimazione.
L’uomo era agli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico.

Sul posto sono arrivati anche i carabinieri della locale Compagnia per i rilievi del caso.
Nell’ottobre del 2022 Motti accoltellò un uomo alla pancia e per questo fu condannato a 12 anni in primo grado. 



Continua a leggere

Aversa

Stragi sul lavoro, operaio 49enne di Casavatore trovato morto con vistoso trauma cranico

Pubblicato

il

Un operaio, di 49 anni, è morto in un incidente sul lavoro nella zona industriale di Carinaro, al confine con Aversa, nel Casertano.

E’ accaduto nell’area di una ditta attiva nel settore della distribuzione di prodotti farmaceutici. Il suo corpo presentava un vistoso trauma cranico, forse conseguenza dell’impatto della testa con l’asfalto, dopo un volo di diversi metri.
Dubbi però sulla dinamica, in mancanza di testimoni diretti.

Giunti i soccorsi, gli operatori del 118 non hanno potuto far altro che dichiararne il decesso.

Sul luogo dell’incidente sono sopraggiunti poi carabinieri e ispettori del lavoro. La salma si trova adesso presso l’istituto di mecidina legale di Giugliano, in attesa dell’eventuale autopsia.

Continua a leggere

Aversa

Incendio in un deposito edile di Aversa (Ce): densa nube nera sta rendendo l’aria irrespirabile

Pubblicato

il

In un deposito di materiale edile di Aversa (Caserta), in viale Europa, è partito un incendio che ha fatto propagare una densa nube nera riservatasi tra case e strade, rendendo l’aria irrespirabile.

Sul posto sono a lavoro quattro squadre dei vigili del fuoco, provenienti dal Comando provinciale di Caserta, dai distaccamenti di Aversa e Marcianise e dal Comando di Napoli, con il supporto di tre autobotti.

I residenti sono chiusi nelle case, e l’area è stata delimitata da polizia locale e forze dell’ordine per agevolare le operazioni di spegnimento.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy