Resta sintonizzato

Cronaca

“Caro Vincenzino, perdonaci”: la commovente lettera al neonato ustionato di Portici

Pubblicato

il

Caro Vincenzino  non hai nemmeno visto la luce del sole e ti sei trovato catapultato al centro di una tragedia nella tragedia in pasto, insieme ad Alessandra e Concetto, tuoi genitori, ad un giallo mediatico che ai tuoi ha tolto ogni dignità; perché i tuoi genitori sono stati denudati come Cristo sulla croce” scrive il sacerdote responsabile della casa famiglia “Padre Pio” di Cirò Marina (Reggio Calabria) che ospita gli altri due figli della coppia di Portici.

Ti scrivo perché in parte ti appartengo e mi appartieni: sono l’affidatario, insieme ad un team di professionisti, dei tuoi due fratellini più grandi che tu non conosci e che forse non conoscerai mai. Sono due fratellini bellissimi, tua madre mi diceva, con una punta di orgoglio, che somigliavano a lei. Penso che anche tu sia bellissimo. I tuoi genitori ti hanno dato un nome e per me resta quello, perché sono convinto che nella vita potrai pure non invocare un santo ma certamente invocherai tua madre. La mamma non può essere sostituita!” continua il parroco, parlando poi della mamma del piccolo e dei genitori.

Tutte le soluzioni sono un surrogato spesso necessario o indispensabile. Io per quello che faccio, per un anno ho avuto la possibilità in giorni alterni, di confrontarmi con i tuoi. Ho capito una cosa, caro Vincenzino, che i tuoi non ti avrebbero mai eliminato, hanno avuto tempi e modi diversi a disposizione per poterlo fare anche senza clamore. L’attenzione che richiedevano a noi, ed a me in modo particolare, per i due fratellini era di genitori innamorati e premurosi. Tua madre chiedeva sempre della salute, dei pasti, i farmaci necessari da usare in eventuali raffreddori” ha spiegato poi, guardando la situazione da una prospettiva completamente diversa.

Continuando “Il fratellino più piccolo è alquanto robusto e tuo padre lo chiamava scherzosamente ‘chiattone’, e tua madre mi raccomandava di non dare molta pasta e molta carne ed io di rimando la tranquillizzavo assicurandola che tutto si faceva dietro indicazione del pediatra. Vincenzino, gioia del nonno, così mi chiamano i tuoi fratellini, i tuoi genitori avevano un desiderio grande, poter riavere i figli perché, diceva tua madre, ‘i figli sono delle mamme’ “.

Facendo poi emergere velati sensi di colpa nei confronti di una situazione che avrebbero forse potuto gestire diversamente e magari salvare “Hanno espresso il desiderio di venire qualche giorno da me a stare insieme con i figli. In una telefonata tua madre mi ha detto: ‘Don Antonio, quando mi daranno i miei bambini me li dovete portare voi a casa e dobbiamo fare una bella festa’. Purtroppo era chiaro che per riaverli avrebbero dovuto percorrere strade diverse che noi sappiamo ma non le abbiamo saputo indicare, non siamo stati in grado di rimettere la macchina sulla strada giusta. Non abbiamo saputo cogliere i segnali di aiuto che i tuoi genitori, attraverso il loro peregrinare lanciavano verso di noi spettatori distratti ed egoisti chiusi nei nostri affanni e nelle nostre pene“.

Concludendo “Perdonaci Vincenzino e ti auguro che la brutta storia abbia un lieto fine; penso che non avremmo modo di vederci, ma ti vedrò riflesso negli occhi azzurri del fratellino più grande e pregherò per tutti voi perché il “sogno” si avveri. Dio non abbandona nessuno. Bacini, gioia”.

Commoventi ma anche destabilizzanti sono le parole di un parroco, preoccupato per il bambino ma allo stesso tempo preoccupato anche per i suoi genitori, il cui grido d’allarme è rimasto inascoltato.

A scrivere la lettera dal contenuto significativo e commovente, indirizzata al bimbo nato a Portici lo scorso 12 marzo, attualmente ricoverato per ustioni al Santobono di Napoli, è Don Antonio Mazzone.

Gli altri due fratellini del neonato, un maschio e una femmina, sono stati collocati nella sua casa famiglia circa un anno fa, quando al padre e alla madre è stata sospesa la potestà genitoriale.

Il piccolo Vincenzino è stato sottoposto a due interventi chirurgici: si ipotizza che sia stato lavato con prodotti non adatti, come candeggina o acqua bollente.

Concetto Bocchetti si trova nel carcere di Poggioreale mentre Alessandra Terracciano, che soffre di problemi psichiatrici, dopo un iniziale ricovero all’Ospedale del Mare, è stata trasferita nel carcere femminile di Pozzuoli.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Tragedia a Giugliano: 15enne precipita dal balcone mentre segue una lezione in Dad

Pubblicato

il

Tragedia sfiorata a Giugliano dove questa mattina una ragazza di 15 anni è caduta dal balcone mentre era in Dad.

La ragazzina stava seguendo la lezione quando è precipitata dal primo piano della sua abitazione in via Libero Bovio.

La 15enne, di origini albanesi, frequenta il liceo De Carlo. Il probabile folle gesto si sarebbe verificato proprio mentre la ragazza stava seguendo la lezione in Dad.

Trasportata in ospedale, non sarebbe in pericolo di vita. Nella caduta avrebbe comunque riportato diverse fratture.

Ancora ignoti i motivi dell’incidente, su cui sta indagando la polizia.

Continua a leggere

Cronaca

“Ho abusato di lei e l’ho picchiata fino ad ucciderla”: bimba di 18 mesi uccisa dall’ex della mamma

Pubblicato

il

Quella della piccola Sharon è l’ennesima storia degli orrori in cui un orco senza scrupoli nè un briciolo di coscienza ha ucciso, dopo aver abusato di lei, la figlia della donna con cui stava.

Robert Marincat, 25enne ex compagno della madre di Sharon, la bimba di 18 mesi morta a gennaio in un appartamento di Cabiate, in provincia di Como, ha deciso di confessare l’omicidio della piccola.

“Sì, ho abusato di lei poi l’ho picchiata fino ad ucciderla”, ha ammesso il 25enne, arrestato nei giorni successivi alla tragedia.

Marincat è accusato di omicidio volontario aggravato dalla violenza sessuale ai danni di una bambina.

Inizialmente sembrava un tragico infortunio, con la bimba, di un anno e mezzo, che lo scorso 11 gennaio si era tirata addosso una stufetta appoggiata su un mobile-scarpiera.

Ma poi da quel taglio sul labbro che ha allarmato mamma e nonna e dalle indagini coordinate dal pm di Como Antonia Pavan e dal procuratore Nicola Piacente è emersa un’altra, terribile, versione.

La giovane madre di Sharon era al lavoro quando si è consumata la tragedia. Gabriel Robert Marincat inizialmente arrestato con l’accusa di morte come conseguenza di maltrattamenti in famiglia (un reato che prevede pene fino a 24 anni) e violenza sessuale aggravata, adesso è accusato di omicidio volontario, con l’aggravante della violenza sessuale. Accusa da ergastolo.

La tragedia risale all’11 gennaio scorso. Marincat era nella casa di via Dante, da solo, assiema alla figlia della sua compagna che aveva affidato a lui la piccola.

Sino alla confessione di stamane l’omicida aveva raccontato che attorno alle 15,30 Sharon, giocando, aveva  tirato il cavo elettrico di una stufetta, che si trovava sopra una scarpiera. Elettrodomestico che aveva colpito alla testa la bimba, che dopo aver pianto per qualche minuto si era rimessa a giocare, per poi addormentarsi. Solo attorno alle 19 si era deciso a chiamare il 118: i soccorritori avevano cercato di salvare la bimba, che era giunta priva di vita all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

Ad accorgersi della violenza sessuale era stato l’anatomo patologo, che nella sua relazione aveva evidenziato anche le percosse rilevate sulla testa della bimba.

La confessione di questa mattina collima con la ricostruzione dell’accusa, fatta sulla base dell’indagine svolta dai carabinieri di Mariano Comense e della compagnia di Cantù e sulle conclusioni del medico legale: Sharon dopo aver subito abusi sessuali, è stata strattonata, maltrattata e colpita più volte alla testa. Fino alla morte.

Continua a leggere

Cronaca

Accordi tra boss di Napoli e servizi segreti: la rivelazione del pentito

Pubblicato

il

Secondo il pentito Maurizio Ferraiuolo i servizi segreti avrebbero fatto accordi con i boss di Napoli.

Secondo quanto riporta l’Ansa, i servizi segreti si sarebbero messi in contatto con la camorra per chiedere ai boss di Napoli di “tenere il territorio del centro sotto controllo“, gestendo tutte le loro attività illecite “senza fare morti e feriti…“.

Ad affermarlo è il collaboratore di giustizia Maurizio Ferraiuolo, ex sodale della famiglia malavitosa Stolder, nipote dell’ex boss Raffaele Stolder.

Il “pentito” ha reso le dichiarazioni davanti a un sostituto procuratore napoletano nel corso di un interrogatorio in carcere il 12 luglio 2013.

I fatti riferiti risalgono al 2007 e il periodo in questione è immediatamente successivo alla scarcerazione dell’ex boss.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante