Resta sintonizzato

Attualità

Scuola. Tutti i cambiamenti per docenti e insegnanti: le novità del nuovo decreto

Pubblicato

il

Ieri sera il governo ha approvato il nuovo decreto Covid, per contrastare l’emergenza nel nostro Paese. Di fatto si conferma la stretta attualmente in vigore, con la sospensione della zona gialla e la divisione dell’Italia solamente in zone rosse e arancioni.

Ci sono però anche delle novità, sia per i medici, in quanto nel decreto è stato inserito lo scudo penale per chi somministra i vaccini e l’obbligatorietà di sottoporsi a vaccinazione per i sanitari; sia per studenti e insegnanti: da dopo Pasqua, infatti, riapriranno le scuole in presenza dalla prima media in giù anche in zona rossa.

La riapertura delle scuole, da quella dell’infanzia alla prima media, anche in zona rossa non è stata una sorpresa: nei giorni scorsi era stata annunciata, sottolineando quanto fosse necessario tornare in presenza almeno per i più piccoli.

Nel decreto si legge che “dal 7 al 30 aprile è assicurato in presenza sull’intero territorio nazionale lo svolgimento dei servizi educativi per l’infanzia di cui all’articolo 2 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65 e dell’attività scolastica e didattica della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e del primo anno di frequenza della scuola secondaria di primo grado. La disposizione di cui al primo periodo non può essere derogata da provvedimenti dei Presidenti delle Regioni, delle Province autonome“.

Per quanto riguarda seconda e terza media, così come le scuole superiori, in zona rossa queste si svolgono interamente a distanza.

La questione è poi diversa per le zone arancioni e gialle: seconda e terza media possono svolgere l’attività didattica integralmente in presenza, mentre per quanto riguarda le superiori le lezioni vanno organizzate in modo flessibile integrando anche la didattica a distanza, l’importante è garantire una percentuale che va dal 50% al 75% in presenza.

Si ricomincia dalla scuola, che è la prima a riaprire. Questo è il segnale che abbiamo voluto dare in maniera chiara e limpida. Anche nelle zona rosse si torna in presenza“, ha commentato il ministro per l’Istruzione Patrizio Bianchi.

La decisione ha però scatenato il caos tra il personale insegnante della scuola secondaria di primo grado: come ci si potrà organizzare con gli orari se i docenti dovranno seguire i ragazzi delle prime in presenza e seconde e terze a distanza?

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Napoli, tentato furto al Centro Direzionale: arrestato 52enne catanese

Pubblicato

il

Nel pomeriggio di ieri, gli agenti del Commissariato Vasto-Arenaccia, hanno tratto in arresto per tentato furto aggravato Carmelo Maugeri, 52enne catanese già sottoposto all’obbligo di presentazione alla P.G., per reati contro il patrimonio.

In particolare, pare che l’uomo, sia stato sorpreso all’interno del parcheggio sotterraneo dell’isola B1 del Centro Direzionale, mentre tentava di rubare un’auto munito di un cacciavite e di una cesoia, tenendo tra le mani uno stereo asportato da una vettura in sosta.

Continua a leggere

Attualità

Follia in strada, uomo ubriaco si ferma e blocca il bus: decisivo l’intervento dei carabinieri

Pubblicato

il

I carabinieri della Compagnia di Ischia, hanno arrestato per violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale, lesioni personali, interruzione di Pubblico Servizio e ubriachezza molesta, un 46enne di origine polacca, già noto alle forze dell’ordine.

Secondo una prima ricostruzione, l’uomo, sotto l’effetto dell’alcol, ha bloccato l’autobus di linea a Casamicciola Terme, minacciando l’autista e impedendogli di proseguire il tragitto. Tuttavia, all’arrivo degli agenti, nel tentativo di fuggire, li ha colpiti e strattonati, salvo poi essere bloccato dopo una breve colluttazione. Pertanto, è stato condannato a 1 anno e mezzo di pena sospesa.


Continua a leggere

Attualità

Boom di prenotazioni per il vaccino. Effetto Green Pass

Pubblicato

il

L’elemento di discussione nell’ultima settimana è stato proprio il Green Pass. Come si è notato negli ultimi giorni la discussione è molto accesa tra favorevoli e contrari.

Con l’elemento Green Pass sono aumentate le richieste di vaccini da parte dei cittadini, che permetterebbe, secondo le ultime indiscrizioni, la possibilità di entrare in qualsiasi locale commerciale e trasiti verso l’estero.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante