Resta sintonizzato

Cronaca

Compravendita di voti a Torre del Greco: in manette cinque persone

Pubblicato

il

In data odierna, in Torre del Greco, i Carabinieri della locale Compagnia hanno dato esecuzione ad un’ordinanza cautelare, emessa dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta di questa Procura della Repubblica, nei confronti di 5 soggetti gravemente indiziati del reato di associazione per delinquere finalizzata alla commissione dei delitti di cui all’art. 86 DPR 570/1960, mediante la sistematica compravendita di voti in occasione dello svolgimento delle elezioni amministrative del Comune di Torre del Greco del giugno del 2018.

Le misure cautelari eseguite, 4 applicative degli arresti domiciliari ed 1 del divieto di dimora nel comune di Torre del Greco, rappresentano il completamento di un’attività investigativa che già nell’aprile del 2019 aveva condotto all’arresto di diversi soggetti (4 sottoposti alla custodia cautelare in carcere e 4 sottoposti agli arresti domiciliari) facenti parte di un’associazione per delinquere finalizzata alla compravendita di voti in favore del candidato consigliere comunale Abilitato Stefano, poi risultato eletto, in relazione alla quale sono già intervenute alcune sentenze di condanna, due delle quali definitive.

Le indagini che hanno portato all’emissione delle ordinanze cautelari eseguite in data odierna, condotte dai Carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Torre del Greco e coordinate da questa Procura della Repubblica, hanno consentito di accertare l’esistenza e l’operatività di un’ulteriore e diversa organizzazione criminale finalizzata, in occasione delle ultime consultazioni elettorali amministrative di Torre del Greco, alla compravendita di voti in favore del candidato Buono Mario, successivamente eletto, e della relativa lista civica “Forza Torre” da un numero indeterminato di elettori, in cambio di generi alimentari e dazioni di danaro ovvero di offerte e promesse di posti di lavoro nell’ambito dei progetti regionali denominati “Garanzia Giovani” e ” Fila“.

Anche con riferimento a quest’ulteriore sodalizio criminale, così come già accertato per quello oggetto della precedente ordinanza cautelare un ruolo centrale è risultato essere stato ricoperto dal commercialista Magliacano Simone che, come emerso dalle indagini, era in grado di creare diverse reti di complicità e collusioni per la compravendita dei voti.

Tra i destinatari della misura cautelare degli arresti domiciliari, figurano anche Savastano Gennaro e Izzo Vincenzo, che si sarebbero occupati della compravendita dei voti, con offerte di danaro e generi alimentari a cittadini torresi.

Izzo, durante la stessa campagna elettorale del 2018, si era reso protagonista di un’aggressione ai danni di Abilitato Stefano, al fine di impedirgli il libero esercizio dei diritti politici e, in particolare, per ostacolarne l’attività di campagna elettorale in uno dei quartieri di Torre del Greco (vicenda per la quale è in corso di celebrazione un processo innanzi al Tribunale di Torre Annunziata, nel quale l’Izzo è imputato del delitto di cui all’art. 294 c.p.).

La misura cautelare del divieto di dimora nel comune di Torre del Greco è stata emessa nei confronti di Melluso Gianluca, anch’egli incaricato della compravendita di voti.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Napoli. Arrestato 26enne mentre cedeva sostanze stupefacenti ad un suo coetaneo

Pubblicato

il

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Vomero hanno arrestato per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti un 26enne incensurato del posto. I militari – durante un servizio anti droga – hanno visto il ragazzo in via San Domenico mentre cedeva un involucro ad un suo coetaneo. L’intervento immediato dei Carabinieri ha permesso di cristallizzare cosa fosse appena avvenuto: una cessione di droga. Nell’involucro 20 grammi di marijuana. Il “cliente” è stato denunciato a piede libero per detenzione e spaccio di droga mentre la perquisizione è stata estesa presso l’abitazione del pusher arrestato. Lì i Carabinieri hanno rinvenuto altri 3 involucri con all’interno – in totale – 300 grammi della stessa sostanza. Rinvenuti e sequestrati anche 2 grammi di hashish e 900 euro in contanti ritenuti provento del reato.
L’arrestato è stato tradotto al carcere in attesa di giudizio.

Continua a leggere

Cronaca

Abusava dei suoi alunni a scuola. L’orco arrestato dopo segnalazioni delle famiglie

Pubblicato

il

Stando ai risultati delle indagini, sono almeno otto gli alunni di età compresa tra i due e i quattro anni di cui il 18enne avrebbe abusato sessualmente durante un periodo di due settimane e mezzo nel luglio del 2019. Al momento dell’assunzione, tuttavia, il ragazzo non aveva evidenziato attitudini pericolose né destato alcun tipo di sospetto.

Dopo la denuncia della famiglia della bambina, la polizia ha preso visione di ben 250 ore di video ripresi dalle telecamere a circuito chiuso della scuola. Le immagini documenterebbero almeno tredici abusi. Sul caso è intervenuto il procuratore Jason Beal, che ha confermato gli orribili accadimenti: “Queste aggressioni erano di grado variabile, dal toccare il bambino sopra i vestiti nelle sue zone intime fino ad un caso di violenza orale conclamato con una bambina

Continua a leggere

Acerra

Napoli. Incidente mortale sulla Strada Statale direzione Acerra

Pubblicato

il

La notizia è stata resa nota dall’Anas, ancora da chiarire la dinamica dell’incidente. Nello scontro sono rimasti coinvolti più veicoli. Tragico il bilancio: una persona ha perso la vita e tre sono rimaste ferite. Immediato l’arrivo dei soccorsi sul posto, ma quando gli operatori del 118 sono giunti sul posto, non hanno potuto far altro che constare il decesso.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante