Resta sintonizzato

Attualità

Verso un mondo del lavoro covid-free: c’è l’accordo per i vaccini in azienda

Pubblicato

il

Presto i vaccini potranno essere effettuati anche in azienda. Dalla prossima settimana, infatti, e più esattamente dal 6 aprile, giorno in cui governo e parti sociali firmeranno un accordo ad hoc, anche le imprese potranno scendere in campo contro l’epidemia potenziando così la rete vaccinale predisposta dall’esecutivo contro il Covid.

Un canale parallelo alla rete ordinaria e non già una procedura alternativa, quello aziendale, che servirà a rafforzare la capillarità necessaria all’obiettivo di un mondo del lavoro “covid free”.

Tutto sarà dunque pronto da martedì anche se l’operatività reale dell’intesa che porta la firma congiunta del ministro del Lavoro, Andrea Orlando, e della Salute, Roberto Speranza, potrà partire solo a fronte di una fornitura di vaccini che sia finalmente a regime.

L’accordo, al quale governo, imprese e sindacati hanno lavorato da circa un mese, dopo la disponibilità offerta a gran voce dalle aziende, sarà comunque un’intesa che varrà a livello nazionale su tutto il territorio ma che non si tradurrà in norme vincolanti: presupporrà infatti l’adesione volontaria dei datori di lavoro e dei lavoratori.

Non sarà neppure previsto un requisito minimo di carattere dimensionale per le aziende che potranno dunque candidarsi liberamente, nel caso in ‘partnership’ , anche se è evidente come i grandi gruppi, sopra i 250 dipendenti, più strutturati, avranno una maggiore capacità di rispettare gli standard minimi di agibilità.

L’obiettivo comunque è quello di arrivare a vaccinare tutti i lavoratori, anche quelli delle cosiddette micro-aziende: per questo il governo utilizzerà anche gli ambulatori Inail.

Una consistente, comunque, quella che arriva dalle imprese che in circa 7.500 si sono messe a disposizione: il 75% nel Nord, il 13% al Centro e il 12% tra il sud e isole mentre sono oltre 10.000 i locali che potrebbero ospitare le strutture mediche.

Saranno comunque solo i lavoratori a poter accedere al vaccino: sembra sia prevalsa infatti la linea di escludere i familiari come pensato in un primo momento.

La vaccinazione del personale avverrà tenendo conto di alcune priorità coerenti con quelli adottati a livello ordinario: età e fragilità.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Boom di prenotazioni per il vaccino. Effetto Green Pass

Pubblicato

il

L’elemento di discussione nell’ultima settimana è stato proprio il Green Pass. Come si è notato negli ultimi giorni la discussione è molto accesa tra favorevoli e contrari.

Con l’elemento Green Pass sono aumentate le richieste di vaccini da parte dei cittadini, che permetterebbe, secondo le ultime indiscrizioni, la possibilità di entrare in qualsiasi locale commerciale e trasiti verso l’estero.

Continua a leggere

Attualità

Napoli, tenta di sfuggire al controllo ma si scontra con la volante: 20enne in manette

Pubblicato

il

Nel pomeriggio di ieri, gli agenti del Commissariato San Giovanni Barra, hanno notato una persona correre ad alta velocità sul proprio motociclo e gli hanno intimato di fermarsi. Tuttavia, il conducente del mezzo, alla loro vista, ha accelerato la marcia per sottrarsi al controllo, ma è andato ad impattare contro la volante. L’uomo, è stato trovato trovato in possesso di 5 grammi di marijuana suddivisa in 13 involucri, di un grammo di hashish e 50 euro in contanti.

Pasquale Noto, 20enne di San Giorgio a Cremano con precedenti di Polizia, è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e resistenza a Pubblico Ufficiale, nonché denunciato per danneggiamento dei beni dello Stato e guida senza patente, poiché mai conseguita. Infine, il motociclo, è stato sequestrato.



Continua a leggere

Attualità

Napoli, divieto di balneazione sul lungomare: ecco l’ordinanza del Comune

Pubblicato

il

Il Comune di Napoli, ha disposto la pubblicazione dell’ordinanza sindacale d’interdizione temporanea alla balneazione, nel tratto del litorale cittadino che si estende da Largo Nazario Sauro fino a Marechiaro. La decisione, è stata presa in seguito alle abbondanti precipitazioni temporalesche, che hanno interessato la città e la sua provincia, con il servizio ARPAC che, ha rivelato la presenza d’inquinanti, che ne impediscono la balneazione.

Tuttavia, l’Assessora Menna, dichiara che: ” I funzionari dell’ARPAC hanno assicurato che, quanto prima possibile, verranno eseguiti ulteriori campionamenti, per fare in modo di verificare al più presto, il superamento della criticità. Intanto, è possibile l’elioterapia e quindi, l’accesso alla spiaggia, ma non la balneazione. Aspettiamo con fiducia i risultati del prossimo campionamento, che consentano la revoca dell’ordinanza in atto. Anche questo fenomeno, che ha riguardato la città e la costiera dei paesi limitrofi, ci fa capire l’impatto che ha nella nostra vita quotidiana il cambiamento climatico”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante