Resta sintonizzato

Attualità

Class action per i danni economici a commercianti e professionisti: l’iniziativa

Pubblicato

il

La Confederazione Imprese e Professioni di Napoli, che associa commercianti, imprenditori, ristoratori e professionisti sta lanciando una class action per chiedere al governo i danni sui costi che hanno dovuto sostenere in questo anno di chiusura.

I ristori previsti coprono più o meno il 4% del fatturato mensile (una cifra palesemente ridicola), che non tiene conto dei costi fissi che si stanno accumulando di mese in mese. Le manifestazioni di piazza non servono a nulla, per cui si è deciso di agire per vie legali. Non è giusto che lo stato chiuda le aziende senza fornire poi i mezzi per superare il periodo di fermo, tanto più che lo Stato e gli enti locali stanno continuando a chiedere agli esercenti il pagamento delle tasse (le cartelle rottamate sono relative agli anni passati, tutti i tributi attuali sono pretesi comunque) e nulla è stato pensato per i fitti: molti negozi/ristoranti si trovano oggi a fare i conti con gli sfratti per morosità.

Si prevede che al 30 giugno saranno costrette a chiudere tantissime attività, per non parlare del grosso problema delle infiltrazioni della malavita nella gestione economica del tessuto imprenditoriale di tutto il paese. L’ iniziativa é dedicata anche ai codici ATECO che sono stati “dimenticati” nei precedenti decreti e a quelle aziende che hanno già chiuso o dichiarato fallimento. Chi non ha la possibilità di affrontare le spese potrà avvalersi del gratuito patrocinio. La nostra speranza é che la class action serva a risvegliare l’attenzione dello Stato sulle partite iva, che da Conte a Draghi continuano a essere invisibili. La class action napoletana ha avuto adesioni da tutte le regioni d’ Italia e in pochi giorni ha raccolto più di 500 iscritti.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Si introducono abusivamente a bordo di uno yacht, consumando cibo e bevande: due giovani nei guai

Pubblicato

il

Nella mattinata di ieri, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, sono intervenuti al molo Luise in via Mergellina, per la segnalazione di alcune persone che si erano introdotte abusivamente a bordo di uno yacht. I poliziotti, una volta giunti sul posto, sono stati avvicinati dal capitano dell’imbarcazione il quale, ha riferito di alcuni ragazzi saliti a bordo senza permesso e che hanno anche consumato cibi e bevande, lasciando briciole, cenere e mozziconi di sigarette a prua, danneggiando inoltre, in vari punti, la zona del tetto. Tuttavia, grazie alle informazioni fornitegli, gli agenti, sono riusciti a rintracciare due giovani romani di 17 e 20 anni, già noti alle forze dell’ordine, che li hanno denunciati per violazione di domicilio.

Continua a leggere

Attualità

Napoli, scippo a Corso Umberto: due giovani rubano il cellulare ad una ragazza

Pubblicato

il

Nella serata di ieri, i Falchi della Squadra Mobile di Napoli, nel transitare in Corso Umberto, hanno sorpreso due giovani a bordo di uno scooter, mentre rubavano un cellulare dalle mani di una ragazza, dandosi poi alla fuga. Da qui, l’inseguimento, che ha visto i poliziotti riuscire a bloccarli in via Pietro Colletta, trovandoli in possesso del telefonino appena scippato. Pertanto, i due, entrambi napoletani di 18 anni, sono stati arrestati per furto con strappo e sanzionati per mancato utilizzo del casco protettivo; inoltre, il conducente, è stato sanzionato per guida senza patente poiché mai conseguita e il motociclo, è stato sequestrato.

Continua a leggere

Attualità

Grecia, violenta scossa di terremoto 6.1 sull’isola di Creta: almeno un morto

Pubblicato

il

Una violenta scossa di terremoto di magnitudo 6.1 della scala Richter, è stata registrata sull’isola di Creta, in Grecia. Il sisma, è avvenuto intorno alle 8 di questa mattina e ha portato con sé una vittima. Si tratta di un operaio che stava lavorando all’interno di una chiesa, il cui tetto è crollato dopo la scossa. Sul posto, è arrivato il Ministro della Protezione Civile Christos Stylianidis, insieme ai Vigili del Fuoco che, hanno definito la situazione come ‘molto difficile’, visto che ci sono altre tre persone rimaste intrappolate all’interno delle loro case.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante