Resta sintonizzato

Attualità

Caos vaccini. In 50 mila spostano il domicilio nel Lazio per vaccinarsi prima

Pubblicato

il

Nel giro di un mese, circa 50mila persone hanno chiesto il domicilio e un medico di base nel Lazio così da farsi vaccinare prima. Secondo cui la maggior parte dei “frontalieri del vaccino” provengono da Lombardia, Piemonte, Liguria e Campania. Tra loro figurano dipendenti ministeriali che lavorano a Roma, anziani che durante la pandemia si sono trasferiti dai figli, imprenditori, personaggi famosi, politici e sportivi. “È un riconoscimento per la qualità del nostro lavoro, mentre in altre parti d’Italia hanno faticato anche ad aprire le prenotazioni”, il commento dell’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato.

L’assessore ha però precisato che, nonostante la regione sia disposta ad accogliere tutti “come fatto in passato con chi veniva a curarsi nei nostri ospedali per il Covid, le dosi dei vaccini sono poche e vengono distribuite in base alla popolazione di un singolo territorio e io, al momento, non ce li ho per quelli del Lazio”. A confermare la notizia riportata dal quotidiano romano è intervenuto anche il presidente Nicola Zingaretti: “Noi abbiamo fotografato una crescita intorno alle 50mila persone che hanno scelto il medico di medicina generale nelle ultime settimane nella nostra regione. Questo vuol dire accedere al diritto di essere vaccinati”, ha detto l’ex segretario dem, che poi ha concluso: “Questo è figlio del fatto che c’è una certezza di entrare nel ciclo vaccinale”.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Sorpresi a incendiare rifiuti e pneumatici: nei guai due persone

Pubblicato

il

I carabinieri della Stazione di Parete, hanno effettuato dei controlli in località Centore, frazione di Trentola Ducenta, dove nella notte, hanno notato una colonna di fumo innalzarsi da un terreno privato posto all’interno di una stradina interpoderale. Tuttavia, l’immediato intervento ha permesso ai militari dell’Arma di sorprendere, in flagranza di reato, due persone intente ad incendiare rifiuti di vario genere, tra i quali pneumatici, plastiche varie, materiali provenienti da demolizioni e sterpaglie. Inoltre, sul posto, sono intervenuti i Vigili del Fuoco di Aversa. Pertanto, l’intera area, è stata sottoposta a sequestro, mentre le due persone, sono state denunciate alla Procura della Repubblica di Napoli Nord, per combustione illecita di rifiuti.

Continua a leggere

Attualità

No Vax: l’Asl dispone la sospensione di 13 dipendenti tra medici e infermieri

Pubblicato

il

Seri provvedimenti sono stati presi dalle Asl campane, nei confronti di 13 dipendenti che, professandosi ‘no vax’, hanno deciso di non sottoporsi al vaccino anti Covid. Pertanto, sono stati sospesi dal servizio e lasciati senza stipendio. In particolare, si tratta di 11 dipendenti dell’Asl Napoli 3 Sud e di due dipendenti dell’Asl di Avellino. Questi, si aggiungono ai 59 dipendenti dell’Asl Napoli 1 Centro, già sospesi due giorni fa, poiché si erano rifiutati di ricevere anche solo la prima dose di vaccino, senza riuscire a giustificarsi adeguatamente. Tuttavia, i dipendenti non vaccinati, avranno 5 giorni di tempo per addurre valide motivazioni o andranno incontro alla sospensione fino a vaccinazione avvenuta.

Continua a leggere

Attualità

Fuochi d’artificio sequestrati, nei guai tre finanzieri che se ne erano appropriati

Pubblicato

il

Tre militari della Guardia di Finanza, in servizio nel Napoletano, si sono appropriati di fuochi d’artificio anziché distruggerli. Pertanto, è stata aperta un’inchiesta, iniziata a margine di un ingente sequestro di materiale pirotecnico avvenuto a fine 2020. Secondo le prime informazioni raccolte, è emerso che i tre, si erano appropriati di 235 kg di fuochi d’artificio per poi stilare un verbale di presa consegna da parte di questi ultimi, indicando falsamente tutto il materiale sequestrato. Nel corso delle perquisizioni effettuate, è stata trovata merce contraffatta oggetto di sequestro nei mesi scorsi.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante