Resta sintonizzato

Attualità

La scissione di Rousseau dal M5S: Conte chiede i dati degli iscritti

Pubblicato

il

Le strade del Movimento 5 Stelle e di Rousseau si sono divise. Questo mi dispiace, come immagino dispiaccia a tanti nella grande famiglia del Movimento. Personalmente auspicavo che si potesse trovare il modo di continuare ad andare avanti insieme, con la volontà comune di collaborare, ma nel segno della massima trasparenza e con una più chiara e netta distinzione di ruoli. Questo era il vero tema in gioco, e nessuno può far finta di ridurlo a una mera partita contabile, perché questo significherebbe ingannare se stessi prima ancora che tutti coloro che sono stati sin qui coinvolti nelle varie attività della “piattaforma” ” ha esordito l’ex Premier Giuseppe Conte con un lungo post sulla sua pagina Facebook con il quale ha annunciato ufficialmente la scissione tra Rousseau e il Movimento Cinque Stelle.

A due giorni dallo strappo con l’associazione Rousseau, Conte rompe il silenzio e lancia una sfida a Davide Casaleggio. Il futuro leader del M5s chiede, infatti, al presidente di Rousseau il trasferimento dei dati degli iscritti dalla piattaforma al Movimento 5 Stelle: “Un passaggio fondamentale per partire“.

Il M5s è l’unico ed esclusivo titolare del trattamento di questi dati. ll percorso di rifondazione e rinnovamento del Movimento è stato completamente definito. Non vedo l’ora di partire!” ha dichiarato su Facebook.

Completato il trasferimento dei dati (sempre che Casaleggio sia disponibile), l’ex premier si dice pronto a presentare il nuovo Statuto e la Carta dei principi e dei Valori del nuovo Movimento: “Appena si concluderà questo passaggio potremo dare il via al nuovo corso del Movimento. Confido che tutto si svolga in pochi giorni“.

Dichiarando poi l’obiettivo di presentare il tutto nel corso di un grande evento on-line “Conto di poter presentare all’Assemblea degli iscritti il nuovo Statuto e la Carta dei principi e dei valori all’inizio di maggio nel corso di un grande evento on-line, aperto e partecipato, e di procedere subito dopo alle votazioni dei nuovi documenti fondativi e dei nuovi organi, così da poter concentrare il nostro lavoro, con forza, sui problemi del Paese“.

Concludendo “Rifondare il Movimento 5 Stelle è una grande sfida che ci spinge a sognare in grande, a immaginare e a costruire insieme un nuovo MoVimento. Il Paese sta attraversando momenti di grande, grandissima difficoltà. Ci aspetta un intenso impegno. Lo faremo con l’entusiasmo di chi vuole servire il proprio Paese con “disciplina e onore”. Non vedo l’ora di partire!“.

Acerra

Acerra. Il ringraziamento alla Polizia per il lavoro svolto in un territorio fortemente martoriato

Pubblicato

il

Viviamo in territori difficili. Nell’area Nord di Napoli si avverte la presenza di una illegalità diffusa, della camorra e dell’atteggiamento camorrista che è anche più esteso della camorra stessa. Si deve combattere contro una mentalità distorta dove l’irregolarità è diventata la norma, una consuetudine illegale che manovra l’agire quotidiano” è questo l’esordio di una lettera anonima, accorata e sincera, scritta per la Polizia di Acerra che si trova ad agire in un territorio sempre più difficile.

Talvolta è difficile per le brave persone anche semplicemente pensare di provare a cambiare le cose, sembra tutto così radicato. Il Sud, la Campania e Napoli in particolare sono terre straordinarie, bellissime. Abbiamo tutto ciò che serve per vivere beatamente, come se fossimo in paradiso. Eppure c’è anche gentaglia senza scrupoli che prova a danneggiare la terra in cui vive ed i propri abitanti. Quanti sversamenti illegali di rifiuti? Quanta illegalità? Quanti morti di tumore? Quante estorsioni? Quanti pizzi vengono pagati? Quanta droga? Quanta sofferenza? A volte è dificile ribellarsi, si deve mettere in conto tutto quando si inizia a parlare, a vedere ed a sentire” continua l’anonimo scrittore che, apprezzando la nostra terra, allo stesso tempo evidenzia quanto quest’ultima sia tristemente martoriata da persone che non fanno altro che pensare ai propri comodi.

Come afferma, parlare, alzare la voce, ascoltare e cambiare le cose è sempre più difficile. Ma qual è il prezzo da pagare se dinanzi a a tante ingiustizie ci si gira dall’altro lato? E’ lui stesso ad ammettere, più avanti, che anche lui ha fatto fatica ad esprimersi, a scrivere e che, “pur non essendo vecchissimo” stava perdendo la speranza: “Scrivo solo ora questa lettera per evitare di essere riconosciuto. Nonostante non sia vecchissimo stavo perdendo la speranza. Dopo aver visto tante cose che non andavano, dopo aver constatato l’immobilismo che a volte caratterizza anche la parte sana della popolazione che dovrebe ribellarsi al marcio“.

Ma è proprio quando le speranze sembravano oramai perse che è cambiato qualcosa, o meglio, uno spiraglio di luce è iniziato ad emergere, propri grazie a chi non può arrendersi, che vive e lavora di speranza, affinchè Acerra, Napoli e il mondo intero possa essere un posto migliore: “Dopo un perido particolare che mi avrebbe portato alla rassegnazione ho trovato la forza per un ultimo sussulto d’orgoglio. Rabbia, schifo, stanchezza e dolore mi hanno portato a denunciare. Voi siete lo Stato. Voi siete la Polizia di Stato. Grazie per quanto avete fatto, volutamente non entro nei dettagli. Ma grazie di cuore a tutto il commissariato ed a chi lo guida che si batte in prima linea a tutela dei cittadini. Che bella persona che è il commissario”.

Continuando con numerosi elogi e ringraziamenti per chi, nonostante tutto, continua a combattere senza mai arrendersi “Grazie a voi c’è ancora speranza in una persona non vecchissima. Grazie a voi che rischiate ogni giorno con la vostra vita. Grazie a voi che con velocità disarmante avete fatto capire in un territorio marcio che lo Stato c’è. Grazie a voi che fate da scudo a chi prova a cambiare le cose, consapevole che il percorso è lungo, in salita e tortuoso e che ci vuole pazienza. Grazie a voi che avete onorato la divisa che indossate ed avete fatto tornare la speranza che piano piano qualcosa può cambiare“.

Concludendo “Grazie mille. Avete dato una risposta alla rabbia, allo schifo, alla stanchezza ed al dolore di tanti che vedono e sentono ma non hanno la forza di parlare. Io ho parlato e sono stato ascoltato. Si è riacceso il fuoco della speranza grazie a voi. Grazie alla Polizia di Stato di Acerra“.

Continua a leggere

Attualità

Campagna vaccinale itinerante a Frattamaggiore giovedì 29 e sabato 31 luglio

Pubblicato

il

Nell’ambito della campagna vaccinale contro il Covid 19, l’AslNa2Nord ha avviato un’attività itinerante nei principali luoghi della movida con l’obiettivo di avvicinarsi ai giovani e farli aderire alla campagna vaccinale nel territorio di Frattamaggiore.

Le attività programmate dall’AslNa2Nord e dall’Amministrazione comunale guidata dal Sindaco Del Prete, si svolgeranno nelle giornate di giovedì e sabato in via Biancardi, a partire dalle ore 21.30 e fino alle 24.00 e saranno rivolte a tutti i cittadini residenti sul territorio dell’AslNa2Nord in età superiore ai 12 anni.

L’Asl ha chiarito che non occorrerà alcuna adesione, i vaccini utilizzati saranno Pfizer e Moderna. A Frattamaggiore il 67% della popolazione ha già aderito alla campagna vaccinale. In totale sono state somministrare 35.753 dosi vaccinali, di queste, 19.195 sono prime dosi.

Abbiamo una sola scelta, la strada della vaccinazione, al momento, è l’unica percorribile per la tutela della salute pubblica e la riconquista della nostra libertà. In un momento in cui il Paese è ancora diviso tra sostenitori e detrattori della vaccinazione obbligatoria e la Politica si interroga sulla utilità o meno dell’utilizzo del green pass, noi a Frattamaggiore abbiamo deciso di investire sulla sensibilizzazione. Nella Frattamaggiore della movida, lanciamo una “due giorni” di vaccinazioni proprio nelle ore notturne e rivolta soprattutto ai più giovani” ha dichiarato il Sindaco di Frattamaggiore, dott. Marco Antonio Del Prete.

Continuando “Ringrazio l’Asl Na2Nord per il grande impegno che sta profondendo in questa campagna vaccinale ed invito ancora una volta tutti coloro che non l’hanno ancora fatto a vaccinarsi. Abbiamo un dovere morale e civile: quello di tutelare noi stessi e le persone che ci sono intorno. Sono certo che i giovani cittadini di Frattamaggiore, ma naturalmente l’invito è esteso a tutti, non si tireranno indietro nemmeno questa volta e, con grande senso di responsabilità che inorgoglisce tutti noi e ci fa ben sperare per il futuro, parteciperanno numerosi all’evento“.

Continua a leggere

Attualità

Napoli. Dopo 20 anni di lavori apre la Metro di via Duomo.

Pubblicato

il

Dopo 20 anni di lavori sul Corso Umberto I, per la Metropolitanaì, è arrivato il momento dell’apertura della Metro di via Duomo in piazza Nicola Amore.

Venerdi 6 agosto giorno dell’inaugurazione della nuova tappa della metropolitana Linea 1.

Dopo tanti “stop & go ” la nuova tappa della linea 1 inizierà a funzionare a tutti gli effetti, portando anche alla riapertura de Corso Umberto I

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante