Resta sintonizzato

Attualità

Vietato il caffè al banco: resta ancora “interdetta” una delle abitudini più amate dagli italiani

Pubblicato

il

Nonostante la riapertura e la zona gialla lunedì 26 aprile resta vietato il caffè al banco, una delle abitudini più amate dagli italiani.

Non è esente dalla regola la patria del caffè, Napoli, dove baristi e clienti, come ha ribadito la circolare del Viminale che dispone l’attività di ristorazione solo all’aperto, dovranno ancora aspettare prima di riprendere le consuetudini.

«È semplicemente vergognoso questo provvedimento oltre che illogico perché alle pressioni dei ristoratori hanno concesso la ristorazione all’aperto e dunque la possibilità alle persone di essere a contatto senza mascherina per un’ora e non viene concesso ai baristi di poter servire un caffè, un dolce o una bibita per pochi minuti al banco», ha commenta con rabbia Ulderico Carraturo dell’Antica Pasticceria Carraturo, nonché rappresentante di categoria per Confcommercio Campania.

Il caffè o uno spritz potranno quindi essere consumati al tavolino oppure saranno serviti in bicchieri di plastica o carta da asporto, come fino a oggi.

«Ormai siamo alla discriminazione senza logica. Tutto ciò è inconcepibile è inaccettabile» ha aggiunto Carraturo.

Come riporta il Corriere, anche Antonio Sergio, uno dei proprietari del Gran Caffè Gambrinus che riapre mercoledì con la produzione completa di dolci e semifreddi, trova inaccettabile la decisione: «Il servizio esterno ai tavoli è un contentino. Io ho spazio esterno ma ho anche una sala storica che non posso utilizzare. Penso a chi lo spazio non lo ha e non è giusto. Per il divieto di somministrazione del caffè al bancone mi sembra di essere tornati indietro alla zona arancione o rossa. L’unica nota positiva è il prolungamento dell’orario a noi concesso, dalle 18 alle 22 che ci consente di servire l’aperitivo ai tavoli esterni. Io sarei stato per un lockdown totale per altri 10 giorni se servisse a qualcosa di pari passo con l’aumento delle persone vaccinate».

«È una decisione incomprensibile. L’ennesima mazzata che ci crea gravi difficoltà. Perché impedire ai clienti il consumo al banco, nel pieno e assoluto rispetto delle normative anti-covid, in una zona non più ad altissimo rischio? Tavoli interni interdetti e servizio al bancone vietato incidono almeno per un 30% dell’incasso giornaliero per un locale come il nostro. L’effetto di questa decisione sarà quello di trovare tavolini pieni all’esterno e gente scoraggiata dall’impossibilità di consumare al banco. Così facendo, non ci permettono di lavorare. Facciamo un passo avanti e due indietro. Il Governo corregga il tiro al più presto e trovi una soluzione adeguata» ha dichiarato esasperato anche Roberto Biscard del bar Cantine Sociali di Piazza Rodino’, vicepresidente di Fiepet-Confesercenti Napoli.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Caivano, il vigile Fatone torna libero: annullata l’ordinanza del Gip

Pubblicato

il

Il maresciallo dei Vigili Urbani di Caivano, Gennaro Fatone, è tornato libero dopo quasi 15 giorni agli arresti domiciliari, poiché coinvolto nell’inchiesta sulla corruzione per entrare nelle forze dell’ordine. In particolare, nella serata di ieri, i carabinieri della Tenenza locale, sono andati a casa sua per notificargli la decisione del Tribunale del Riesame, che ha disposto l’annullamento dell’ordinanza, perché ha ritenuto eccessivo il provvedimento di arresto, rispetto alle contestazioni mossegli dalla Procura della Repubblica.

Intanto Fatone, questa mattina, è potuto tornare in servizio, grazie alla revoca della sospensione disposta dal Comune.

Continua a leggere

Attualità

Caserta, altri due decessi da Covid-19. On. Iodice: “Vacciniamoci tutti”

Pubblicato

il

CASERTA – Il Coronavirus continua a mietere vittime. Questa volta si tratta di due soggetti di 38 e 41 anni in buono stato di salute. Proprio in relazione agli ultimi dati, l’On. Maria Luigia Iodice, consigliere regionale, ha diramato un comunicato stampa nel quale ha lanciato un monito ai casertani.

“E’ ufficiale – dice la Iodice – dal 16 dicembre tutte le strutture vaccinali delle Regioni e delle Province autonome saranno in grado di procedere alla vaccinazione dei bambini tra i 5 e gli 11 anni. Lo apprendo dai media nazionali ed è una buonissima notizia considerando che, anche nel nostro territorio, sono diversi i bimbi positivi al covid. Fortunatamente i nostri piccoli e i nostri adolescenti, che hanno contratto il virus, nella stragrande maggioranza dei casi o risultano essere asintomatici oppure presentano lievi sintomi.

Rivolgo le più sentite condoglianze alle famiglie delle due vittime ricoverate che purtroppo non ce l’hanno fatta. Entrambe, di 38 e 41 anni, non erano vaccinate e sono tornate alla casa del Signore nella giornata di ieri. Le brutte notizie non sono finite qui. All’ospedale covid di Maddaloni (ne approfitto per rivolgere gli auguri di buon lavoro al neo Direttore Sanitario Dott. Arcangelo Correra) sono ricoverati 50 pazienti, tutti non vaccinati.

E a quanto pare si sta pensando di riaprire il reparto covid al nosocomio di Caserta. Buone notizie, invece, arrivano dai positivi al coronavirus ma vaccinati con doppia dose: moltissimi sono asintomatici, gli altri, fortunatamente, manifestano solo lievi sintomi. Rivolgo, dunque, un nuovo appello ai casertani: vacciniamoci tutti. Solo così potremo vincere questa battaglia.

Secondo uno studio condotto dall’ufficio regionale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per l’Europa e dal Centro Europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, grazie ai vaccini, l’Italia ha evitato 35mila decessi tra gli over 60. Riflettiamoci”.

Continua a leggere

Attualità

Giovane tunisino arrestato dalla Polizia: apparteneva ad una cellula Isis

Pubblicato

il

Provvidenziale intervento della Polizia, che nell’ambito di un’operazione delle Digos di Venezia e Gorizia, ha tratto in arresto un 25enne tunisino, appartenente ad una cellula dell’Isis e sul quale pendeva un mandato di cattura internazionale. In particolare, l’ordinanza, era stata emessa dal Tribunale di Tunisi, per partecipazione ad associazione terroristica e atti di terrorismo.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante