Resta sintonizzato

Nazionale

Scuola. “Tracciamenti e trasporti per settembre”: la promessa del Ministro Bianchi

Pubblicato

il

Con il decreto Sostegni abbiamo stanziato 150 milioni già distribuiti alle scuole per acquisti e interventi per la sicurezza. Il nodo trasporti è quello da affrontare con più decisione” ha affermato il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, in un’intervista a Il Messaggero.

Il Ministro dell’Istruzione è infatti consapevole che i due nodi cruciali della scuola in Italia sono i trasporti e i contatti tra ragazzi, insegnanti e famiglie.

Tutto, secondo Bianchi, sarà risolto a settembre, ampliando i servizi dei trasporti pubblici e modificando il sistema di tracciamento.

Anche sulla sanità dobbiamo definire un sistema più efficace di tracciamento dell’andamento pandemico. Stiamo lavorando a pieno ritmo per la riapertura dopo l’estate” ha aggiunto poi.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Marina libica attacca tre pescherecci italiani: ferito un comandante

Pubblicato

il

La Marina libica ha attaccato un gruppo di tre pescherecci italiani impegnati in una battuta al largo delle coste di Misurata.

I motopesca Artemide, Aliseo e Nuovo Cosimo erano, secondo la Marina italiana, nelle acque della Tripolitania all’interno della zona definita “ad alto rischio”.

Il comandante del peschereccio Aliseo di Mazara del Vallo, Giuseppe Giacalone, è stato ferito a un braccio. L’equipaggio di un aereo da ricognizione P-72 ha riferito d’aver assistito ad alcuni colpi d’arma da fuoco di avvertimento da parte della motovedetta libica. 

È la seconda volta in una settimana che si spara ai lavoratori del mare. Non si può lasciare che tutto ciò continui” ha detto all’AGI il sindaco di Mazara del Vallo, Salvatore Quinci.

Aggiungendo “L’ennesimo attacco è avvenuto a 30-40 miglia di Misurata, questa volta da parte del governo libico, quello riconosciuto, che ha un nuovo premier“. 

Secondo Quinci i libici “hanno sparato ad altezza d’uomo. È una novità che episodi del genere accadano al largo di Misurata“, ha aggiunto, alludendo al fatto che negli ultimi mesi e ancora qualche giorno fa minacce del genere erano arrivate da libici di Bengasi. 

La fregata Libeccio della Marina militare italiana, impegnata nell’operazione ‘Mare Sicuro’, è intervenuta a circa 35 miglia nautiche dalla costa libica, a nord della città di Al Khums “per la presenza di una motovedetta della Guardia Costiera libica in rapido avvicinamento ai motopesca italiani“.

La Libeccio, che al momento della segnalazione si trovava a circa 60 miglia dalla scena d’azione, “si è diretta alla massima velocità verso i motopesca e ha fatto levare in volo l’elicottero di bordo, che giunto in area ha preso contatto radio con il personale della motovedetta”.

La fregata Libeccio “giunta in prossimità dei motopesca, ha ricevuto notizia della presenza di un marittimo del motopesca Aliseo ferito ad un braccio. L’azione è tuttora in corso e dell’evoluzione della situazione è stato dato costante aggiornamento al ministro della Difesa, Lorenzo Guerini” si legge in una nota della Marina Italiana.

Continua a leggere

Cronaca

Rifiuta di indossare la mascherina e si incatena al banco: studente ricoverato in psichiatria

Pubblicato

il

Uno studente di 18 anni ha rifiutato di indossare la mascherina in classe, arrivando anche a incatenarsi al banco per non essere portato fuori dall’aula, dopo che i docenti avevano cercato inutilmente di convincerlo a metterla oppure a uscire.

A quel punto la preside dell’Istituto Olivetti di Fano ha chiamato il 118. È arrivata anche la polizia e dopo almeno due ore di trattative il giovane è stato caricato in ambulanza e portato in ospedale.

Nel giro di qualche ora il ragazzo è stato sottoposto a Tso e ricoverato in psichiatria: al pronto soccorso del Santa Croce il 18enne avrebbe reagito con veemenza.

C’è stato così un nuovo intervento della polizia e la decisione di ricoverarlo in psichiatria.

Da quanto si è appreso, il ragazzo ha una buona condotta in classe e un buon rendimento, ma sarebbe stato suggestionato da un 50enne, suo amico, che lo avrebbe convinto a procedere con azioni di protesta contro la mascherina. Anche i genitori, subito avvertiti, non hanno potuto fare nulla per evitare il Tso.

Continua a leggere

Attualità

Scuola. La data per la riapertura a settembre: tutti gli studenti saranno in classe

Pubblicato

il

Il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha detto che a settembre tutti gli alunni saranno in presenza, compresi quelli della scuola secondaria di secondo grado.

Voglio riportare a settembre tutti gli studenti in aula e in sicurezza“, ha detto il ministro in un’intervista a Repubblica.

La data d’inizio dell’anno scolastico non c’è ancora, ma potrebbe essere essere fissata a metà settembre: “Dal primo settembre le scuole saranno aperte per la fase dell’accoglienza. Stabilire la data di inizio delle lezioni è un compito delle Regioni e io mi auguro si arrivi a una data condivisa tra il 10 e il 15 settembre“.

Spiegando poi “L’obiettivo è avere tutti gli studenti in presenza, anche quelli delle superiori. E per farlo il nostro primo problema è garantire la sicurezza. La scuola oggi ha bisogno di certezze e siamo a lavoro per questo. Con il decreto sostegni abbiamo già dato 150 milioni alle scuole per la sicurezza sanitaria. Adesso, in accordo con il generale Figliuolo, stiamo facendo ripartire le vaccinazioni per tutto il personale scolastico: siamo al 70%, a settembre avremo tutti vaccinati“.

Le lezioni potrebbero essere organizzate con ingressi scaglionati. “Stiamo lavorando con i ministri Gelmini, Lamorgese e Giovannini, con le Regioni e gli enti locali, insieme ai tavoli dei Prefetti, che hanno funzionato bene, per organizzare la gestione dei trasporti anche rispetto agli orari di ingresso e di uscita a scuola“.

Sul vaccino in arrivo per gli adolescenti, su cui le aziende farmaceutiche sono al lavoro, ha spiegato: “Insistevo da tempo su questo e, ora che le case farmaceutiche sono alle fasi finali della sperimentazione, se darà esito positivo, spero si cominci in fretta con i ragazzi“.

Occorrerà avere tutti i docenti in cattedra, ma sono oltre 200 mila insegnanti precari.

Un altro problema da affrontare in vista della ripartenza è quello delle cosiddette classi-pollaio.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante