Resta sintonizzato

Politica

NAPOLI. Maresca è pronto per la candidatura: prenota il comitato e dice sì ai simboli

Pubblicato

il

Catello Maresca è pronto per la candidatura a Sindaco di Napoli per il centrodestra. Non c’è ancora l’ufficialità, che arriverà quando chiederà l’aspettativa dalla magistratura.

Secondo le notizie riportate da Cronache di Napoli, Maresca ha preso in affitto l’appartamento per il suo comitato elettorale ed ha sciolto la riserva sulla questione dei simboli di partito.

Il comitato si trova a pochi passi da Palazzo San Giacomo, in via Ponte di Tappia, zona storicamente “di destra”.

Per quanto riguarda, invece, i simboli, Maresca li accetterà nella sua coalizione, che sarà un mix di partiti e liste civiche, con un tetto massimo di sette liste: Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia dunque potranno presentarsi alle Amministrative senza rinunciare ai propri simboli.

La strategia del centrodestra sarà completamente diversa da quella del centrosinistra, che si presenterà con una coalizione di 24 liste, tra cui il M5S, a sostegno del candidato a sindaco, che sarà con ogni probabilità l’ex ministro dell’Università e già rettore della Federico II Gaetano Manfredi. 

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Arzano

ARZANO. Flop alla manifestazione elettorale della candidata al PD.

Pubblicato

il

Domenica scorsa, in villa comunale è stato presentato il cartello elettorale che sostiene la candidata a sindaco del PD.

La manifestazione è stata un flop! Erano di più quelli che parlavano che quelli che ascoltavano.

C’erano pochissimi cittadini, qualche familiare e una pletora di soggetti politici che hanno raccontato la solita favoletta ad una Città che ha perso l’orientamento democratico, proprio a causa delle scelte autoreferenziali di quegli stessi politici che erano sul palco.

Antonio Marciano, ad esempio, diplomatosi nel 1990, dall’associazionismo studentesco entra nella sinistra giovanile e immediatamente si trova collaboratore del gruppo parlamentare dell’Ulivo alla Camera dei Deputati, per poi diventare dirigente all’assessorato al bilancio del comune di Napoli, assistente del Commissario per l’emergenza rifiuti e assistente particolare dei governatori regionali. Nel 2010 ottiene un posto in lista e viene eletto consigliere regionale, ma all’ultima tornata di settembre 2020 è stato trombato dagli elettori.

Antonio Marciano, con un curriculum che non riporta nessuna esperienza lavorativa al di fuori degli incarichi politici lautamente retribuiti, viene ad Arzano ad attaccare fuori tempo massimo e fuori luogo De Magistris, a dare lezioni sui trasporti ( e gli elettori si chiedono ma finora dov’era?) e sulla legalità a nome del Partito Democratico che ha candidato Valerio Silvestro e Pino Maisto, consiglieri di maggioranza nei Consigli comunali sciolti per camorra e, il secondo, direttamente citato nelle tre relazioni di scioglimento.

Come se non bastasse, Dina Speranza, il diretto riferimento di Marciano ad Arzano, ha voluto candidare Luigi Rocco, che era già sceso in campo prima con la destra di Fuschino (sciolto per camorra) e poi nella lista dei Moderati, nonchè Fabrizio Piscopo che su Facebook dichiara di lavorare come “mantenuto di papà e mamma” e si autodefinisce “RICOTTARO”, con l’immagine della pistola – sotto lo screen shot.

Che dire, se questi personaggi alzano la bandiera della legalità, il quarto scioglimento è dietro l’angolo!

Povera Arzano.

Continua a leggere

Politica

SANT’ANTIMO. Nominata la commissione che gestirà la liquidazione del dissesto finanziario del Comune: i nomi

Pubblicato

il

Ecco chi sono i rappresentati di questa nuova commissione straordinaria di liquidazione a cui, il Ministero degli Interni, ha affidato la gestione del dissesto finanziario dichiarato a fine luglio dal Comune di Sant’Antimo.

La nota pubblicata nella Gazzetta ufficiale:

Il Comune di Sant’Antimo (NA), con deliberazione n. 10 del 19 luglio 2021, esecutiva a sensi di legge, ha fatto ricorso alle procedure di risanamento finanziario, previste dall’art. 246 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267. Ai sensi dell’art. 252 del citato decreto legislativo n. 267/2000, e’ stata nominata, con decreto del Presidente della Repubblica del 23 agosto 2021, la commissione straordinaria di liquidazione, nelle persone del dott. Raffaele Sarnataro, del dott. Paolo Di Lorenzi e della dott.ssa Leondina Baron, per l’amministrazione della gestione e dell’indebitamento pregresso e per l’adozione di tutti i provvedimenti per l’estinzione dei debiti del predetto comune”.

Continua a leggere

Politica

De Luca: ben fatto con le scuole. Salvini e Meloni dicono assurdità

Pubblicato

il

NAPOLI – Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo de Luca si è concesso a delle domande di alcune trasmittenti. Le sue parole sono state espressione di grande fiducia e consapevolezza di quanto svolto sino ad oggi dagli enti locali e regionali: “Dal punto di vista della scuola abbiamo una situazione di grande tranquillità. Siamo la regione d’Italia che ha avuto il livello più alto di vaccinazione del personale scolastico. Per quanto riguarda la popolazione studentesca abbiamo un ottimo livello di vaccinazioni (siamo al 75% per le secondarie superiori).”

Esorta, tuttavia, a non abbassare la guardia: “Dobbiamo fare ancora uno sforzo per quelle inferiori, per le medie, per stare tranquilli. Ma siamo in una situazione incomparabilmente migliore rispetto a un anno fa. Dobbiamo insistere.” Così ripete con forza il Presidente.

De Luca non si è soffermato solo a quantificare i risultati ottenuti sino a questo momento. Non ha, infatti, perso occasione per lanciare qualche frecciatina ad alcuni colleghi: “La quantità di stupidaggini che hanno raccontato Salvini, Meloni e qualche squinternato ha determinato un rallentamento nella campagna di vaccinazione. Ci ha messo del suo, per la verità, anche la confusione determinata dal governo nazionale. Dobbiamo fare l’ultimo tratto se vogliamo stare tranquilli. Credo che cominciamo l’anno scolastico, a metà settembre, oggi in condizione davvero di grande tranquillità.”

Continua nella sua critica sostenendo l’assurdità di alcune dichiarazioni: “Una delle posizioni più sconcertanti e incomprensibili è quella di Giorgia Meloni, che dice: “Va bene la campagna di vaccinazione però il green pass…”.Però il green pass che? Qual è la violazione di libertà? Che cosa propone la Meloni? Che chi va in una mensa scolastica e viene da fuori, può essere non vaccinato per contagiare gli alunni? Chi guida pullman ad alta percorrenza può essere non vaccinato? Abbiamo veramente esponenti politici che fanno della banalità il loro modo di essere.”

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante