Resta sintonizzato

Caserta

[VIDEO] “Operazione Siero” Caserta. Misura cautelare per 9 persone. I nomi

Pubblicato

il

CASERTA: SCOPERTA ASSOCIAZIONE A DELINQUERE SPECIALIZZATA NELLA COMMISSIONE DI FRODI FISCALI. ESEGUITE 9 MISURE CAUTELARI E SEQUESTRATI BENI PER UN VALORE DI 20 MILIONI DI EURO

Dalle prime ore di questa mattina, la Guardia di Finanza di Caserta e l’Ufficio di Napoli 1 dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli con l’intervento del Gruppo CP-Operazioni stanno eseguendo un’ordinanza applicativa di 9 misure cautelari personali (di cui 3 in carcere e 6 agli arresti domiciliari) emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica nei confronti di altrettanti soggetti gravemente indiziati di far parte di un sodalizio criminale dedito alla commissione di plurime frodi fiscali ai danni dell’erario.
In particolare il gip applicava:
la misura cautelare della custodia in carcere nei confronti di:
CESTRONE LUIGI nato a San Prisco (CE) il 08.04.1963;
CORACE ANTONIO nato a Napoli il 19.01.1972;
SALES CARLO nato a Napoli il 29.02.1956;

la misura degli arresti domiciliari, ai seguenti indagati:
SALES DANILO nato a Napoli il 21.10.1988;
ZICCARDI MARCO nato a Avellino il 22.12.1967;
RASCIO Fabian Alejandro nato in Argentina (EE) il 23.10.1970;
MORIA Salvatore nato a Napoli il 14.07.1959;
DALLO IACONO Giuseppe nato a Napoli il 01.01.1946.

Tutti gravemente indiziati di far parte della associazione, nonchè

La misura degli arresti domiciliari, a:
PERRINO Raffaele, nato a Santa Maria C.V. (CE) il 12.07.1964 e residente in San Prisco (CE), via Udine, n. 8.
Gravemente indiziato, unitamente a CESTRONE Luigi, del reato di cui all’art. 615 ter c.p..
Contestualmente, sono in corso di esecuzione perquisizioni locali e personali su parte del territorio nazionale.

L’adozione della misura scaturisce da una complessa indagine di polizia giudiziaria ed economico-finanziaria svolta, sotto la direzione di magistrati della Procura partenopea, da militari del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Caserta e da personale dell’Agenzia delle Dogane di Napoli, nel cui ambito è stato possibile individuare e ricostruire un articolato meccanismo fraudolento attraverso cui le società inserite nel circuito dell’organizzazione erano in grado di conseguire indebitamente ingenti evasioni e risparmi di imposta.
L’indagine, scaturita da una verifica ai fini IVA nei confronti di una società operante nel commercio di prodotti elettronici, proseguiva mediante lo strumento delle attività tecniche, sia telefoniche che ambientali, nel corso delle quali venivano acquisiti dati ed elementi che permettevano di accertare la commissione da parte dell’associazione composta da professionisti e consulenti contabili, imprenditori compiacenti e amministratori formali e/o teste di legno, di plurime frodi fiscali operate attraverso l’emissione e l’annotazione di fatture per operazioni inesistenti, nonché l’utilizzo dello schema tipico delle c.d. frodi carosello, ovvero, lo sfruttamento del sistema del  HYPERLINK “https://www.studiocataldi.it/articoli/21450-reverse-charge-come-funziona-il-meccanismo-dell-inversione-contabile.asp” \o “Reverse charge – ecco come funzione il meccanismo dell’inversione contabile” reverse charge utilizzando delle società fittizie (cd. cartiere), interposte all’interno di un’operazione commerciale, al fine di far sorgere un diritto (in realtà inesistente) a detrarre l’Iva sugli acquisti e far ricadere, invece, l’onere tributario sulle citate società cartiere che in non versavano nulla all’erario. Veniva, inoltre, rilevato il ricorso ad indebite compensazioni di imposta attraverso l’utilizzo di crediti in realtà inesistenti.
In tale contesto, è emerso che l’organizzazione, per attribuire parvenza di regolarità contabile e fiscale alle sottostanti operazioni commerciali e finanziarie, si avvaleva dell’ausilio di consulenti fiscali e commercialisti, nonché di un appartenente alla Guardia di Finanza, ora in congedo, al quale era stata affidata la gestione di fatto di alcune società utilizzate per realizzare il sistema di frode.
In particolare, mentre i predetti professionisti si occupavano di pianificare le operazioni soggettivamente e/o oggettivamente inesistenti attraverso l’utilizzo di società di comodo, l’ex finanziere provvedeva, insieme ad altri membri del sodalizio, sia al reclutamento delle c.d. teste di legno cui intestare fiduciariamente le società di comodo sia a tutti gli adempimenti necessari alla realizzazione delle fittizie operazioni commerciali.
Poiché grazie al descritto meccanismo, le società coinvolte hanno potuto usufruire di ingenti risparmi d’imposta, realizzando proventi illeciti da evasione fiscale per oltre 20 milioni di euro, il provvedimento del GIP ha disposto anche il sequestro preventivo di beni, quote societarie e delle disponibilità finanziare in capo agli indagati per un valore corrispondente ai predetti profitti.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Caserta

Tragedia a lavoro aveva poco più di 40 anni

Pubblicato

il

Tragedia nel campo del lavoro uomo che aveva poco più di 40 anni Enrico Simone muore nella carrozzeria di Alife dove lavorava nel casertano. E ancora da chiarire la dinamica del dramma sul quale sono ancora i corso alcuni chiarimenti

Secondo la prima dinamica  l’uomo si è sentito male mentre stava lavorando all’interno dell’officina: sono stati i colleghi a dare l’allarme facendo arrivare un’ambulanza. Gli operatori del 118 hanno accompagnato l’uomo al pronto soccorso dell’ospedale di Piedimonte Matese.

Purtroppo è stato inutile l intervento dei soccorsi che non hanno potuto fare nulla. La comunità di Alife è ancora sotto choc per una famiglia distrutta da due tragedie: pochi mesi fa era deceduta la moglie del 40enne.

Continua a leggere

Caserta

Scoperta in un’abitazione coinvolti due coniugi

Pubblicato

il

Scoperti tre cadaveri in avanzato stato di decomposizione nella villetta in zona Borgo Santa Croce di Macerata si tratta di una coppia anziana con un figlio invalido. ù

I termosifoni sono stati trovati accesi e questo fa pensare che l accaduto risale a qualche mese precedente. A dare l’allarme è stata una loro parente residente a Milano e che non riusciva a mettersi in contatto con i suoi familiari. Sul luogo i Vigili del Fuoco e il 118

Le vittime sono Eros Canullo, di 80 anni, geometra in pensione, la moglie Maria Angela Moretti, di 75, e il figlio Alessandro Canullo, di 54. Quest’ultimo aveva da anni problemi di deambulazione dopo un incidente stradale. Il corpo del padre è stato trovato in bagno quello della madre sul letto e quello del figlio a terra vicino il letto

 Sono in corso accertamenti da parte della polizia scientifica. Al momento si esclude che i decessi siano avvenuti per cause violente, e sembra più probabile una disgrazia.

Continua a leggere

Casal di Principe

“Ogni colpo della ruspa è una pugnalata al cuore”. Iniziano le demolizioni a Casal di Principe

Pubblicato

il

CASERTA – E’ iniziata la fase demolitiva degli immobili abusivi siti in Casal di Principe nella provincia di Caserta.

Nella zona di via Ancona le abitazioni sono per la maggior parte tutte abusive, a causa dell’assenza di un piano regolatore il ventennio passato, quando furono edificate.

Allora non vi erano strumenti urbanistici né la coscienza urbanistica dei giorni nostri. A dimostrazione di quanto detto possono essere citate le strade della zona che non solo non rispettano le dimensioni previste per legge, ma non sono asfaltate.

Nonostante la protesta dei residenti, che ha allontanato la data dell’abbattimento, quest’oggi sono arrivate le ruspe. La resistenza degli abitanti è stata del tutto inutile, i lavori sono iniziati e ciascuno ha dovuto lasciare per sempre la propria dimora.

Sconforto e frustrazione per i visi tristi dei residenti che hanno assistito alla demolizione della loro casa, del loro rifugio.

“Ogni colpo della ruspa è una pugnalata al cuore” dice la proprietaria di un altro stabile vicino, pure abusivo. “Tanti sacrifici inutili”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante