Resta sintonizzato

Ambiente

Campania. Non solo bandiere blu: la lista con le località non balneabili è lunga

Pubblicato

il

La Campania è la seconda regione d’Italia con più bandiere blu per la purezza dei suoi lidi. Fin qui tutto apposto, ma l’altra faccia della medaglia è sempre all’ordine del giorno.

Infatti la Regione deve anche fare i conti con diversi tratti di litorale che – invece – per via dell’inquinamento non sono balneabili. A stabilirlo è l’analisi sui rilievi fatti ad Aprile dall’Arpac, l’Agenzia regionale per l’Ambiente, che dopo i suoi consueti controlli annuali sulla salubrità dei mari ha comunicato i divieti di balneazione per alcune spiagge dove c’è “rischio di contaminazione fecale”.

Circa il 3% risulta non balneabile, ma altri 60 chilometri di costa non monitorati dall’Agenzia, sono esclusi dalla statistica poichè interdetti alla balneazione in modo permanente, dato che ospitano strutture portuali, militari, foci non risanabili di fiumi e di canali.

Questa la lista ufficiale delle località-lidi non balneabili a Napoli e a Salerno.

  • Effl. nord Depuratore di Cuma (Licola, Pozzuoli): prelievo del 26 aprile 2021.
  • Collettore di Cuma (Licola, Pozzuoli): prelievo del 26 aprile 2021.
  • Stabilimento balneare (Pozzuoli): prelievo del 26 aprile 2021.
  • Pietrarsa (Napoli, al confine con Portici): prelievo del 29 aprile 2021.
  • Spiaggia Marmorata (Ravello): prelievo del 20 aprile 2021.
  • Minori: prelievo del 20 aprile 2021.
  • Marina di Vietri Primo Tratto:prelievo del 20 aprile 2021.
  • Est Fiume Irn: prelievo del 21 aprile.
  • Magazzeno (Pontecagnano): prelievo del 21 aprile.
  • La Picciola (Pontecagnano): prelievo del 21 aprile.
  • Spineta Nuova (Battipaglia): prelievo del 21 aprile.

Nei prossimi giorni l’Arparc comunicherà gli esisti dei campionamenti ai sindaci locali affinché emettano le ordinanze di divieto alla balneazione.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ambiente

Campania. Controlli a Casoria e Marcianise per smaltimento illecito

Pubblicato

il

Effettuata ieri nei Comuni di Casoria e Marcianise , un’ operazione di controllo straordinario interforze contro lo smaltimento illecito e i roghi di rifiuti industriali, artigianali e commerciali

Il 10 Giugno sono entrati in azione 25 equipaggi per un totale di 58 unità interforze, nelle località e nei siti in cui abitualmente vengono abbandonati e quindi conferiti in modo illecito i rifiuti sul territorio, controllando 7 attività imprenditoriali e commerciali, di cui 3 sequestrate, 61 persone identificate, di cui 12 denunciate tra lavoratori irregolari rei di illeciti ambientali e 5 sanzionate, 37 veicoli controllati, circa 550 mq di aree sequestrate, circa 12.333,00 euro di sanzioni comminate

Continua a leggere

Ambiente

Terremoto in Campania. Scossa di M2.0

Pubblicato

il

L’istituto di geofisica e vulcanologia ha registrato una scossa di magnitudo 2.0. La scossa si è sentita per tutta la parte sud della Regione. L’epicentro è stato localizzato a San Giorgio Magno, in provincia di Salerno.

La scossa ha avuto effetti oltre i 35 Km, infatti, è stata avvertita anche nella provincia di Avellino.

Continua a leggere

Ambiente

Frattamaggiore. Tegole di amianto vicino l’ospedale San Giovanni di Dio

Pubblicato

il

Spazzature, detriti e tegole di amianto sul suolo all’angolo dell’Ospedale San Giovanni di Dio di Frattamaggiore. Liberi news ha denunciato il fatto sulla sua pagina Facebook fotografando la spazzatura nelle vicinanze del presidio ospedaliero.

Sopratutto i residui di amianto, nocivi per le abitazioni e i parchi nelle vicinaze.

Come ha si puo leggere dalla pagina Facebook di Liberi News :“È stato abbandonato lungo il marciapiede di via Rosario un sacco nero da cui fuoriescono tegole di amianto. Nello stesso, frantumate, ci sono anche altri pezzi frantumati di cemento amianto ammalorati, come si dice tecnicamente. Che stanno liberando nell’aria particelle di asbesto altamente cancerogene. L’abbandono è avvenuto su una arteria di mezzeria, tra i comuni di Frattamaggiore e Frattaminore, a meno di cento passi dal presidio ospedaliero San Giovanni di Dio. In un’area su cui affacciano decine di abitazioni e parchi“.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante