Resta sintonizzato

Attualità

Denise Pipitone. A “Chi l’ha visto” nuove verità e testimonianze sul caso

Pubblicato

il

Secondo alcuni documenti presentati dalla trasmissione di Rai 3 “Chi l’ha visto” sulla bambina scomparsa a Mazara del Vallo nel 2004, ci sarebbero nuove verità sul caso Denise Pipitone.

Nel corso del programma televisivo sono state mostrate due importanti testimonianze. La prima riguarderebbe un carabiniere che ha parlato di alcune minacce ricevute da un suo collega e l’altra è la nuova interpretazione della testimonianza del sordomuto Battista Della Chiave. S

Il carabiniere Francesco Lombardo, della Procura di Marsala, ha raccontato di aver subito delle minacce, trovando un bigliettino minatorio sul parabrezza della sua macchina ad OTTOBRE. “Non vi siete stancati di girare per Mazara. Avete famiglia, questo è un fatto che non riguarda nè pedofili nè traffico d’organi” Così era scritto su quel pezzo di carta.

L’altra importante novità riguarda Battista Della Chiave, l’uomo sordomuto e testimone chiave sul caso Pipitone. Nel 2004 lavorava nel magazzino da dove è partita la telefonata ad Anna Corona ma a “Chi l’ha visto” è emersa una nuova ipotesi.

Gli esperti della trasmissione di Rai 3 hanno esaminato la sua testimonianza del 5 marzo 2013 e hanno scoperto che le sue parole potrebbero essere state fraintese dall‘interprete della Procura che, secondo i periti di “Chi l’ha visto”, non sarebbe stata compresa da Battista Della Chiave. “La persona sorda in questione capiva male l’interprete. Non c’è stato un adeguamento dialettale”, ha chiarito il perito della trasmissione di Rai 3.

In merito alla telefonata, secondo gli interpreti di “Chi l’ha visto”, al magazzino dove lavorava Della Chiave sarebbero arrivate due persone, non una. 

Ecco allora quale sarebbe la vera testimonianza del sordomuto Battista, presunto testimone oculare: “Hanno rapito la bambina, superato un cavalcavia e la piccola sarebbe stata portata con una motocicletta e poi nascosta dentro una barca con i remi sotto una coperta e sono andati via”.

Poi prosegue- “Stava piangendo e sono andati via. Gli avrei voluto tanto sparare ma non potevo, mi avrebbero portato in galera. Se avessi sparato a quell’uomo, ero finito”.

C’era anche un secondo uomo, secondo Battista Della Chiave, che aveva 25 anni. Questa testimonianza, però, sarebbe passata inosservata all’epoca. Lo scooter, secondo i nuovi interpreti, sarebbe stato buttato in mare.

Una nuova pista, ipotizzata da “Chi l’ha visto”, è questa: l’uomo sordomuto potrebbe essere il carceriere di Denise Pipitone? L’uomo, infatti, avrebbe dichiarato di aver passato del tempo con lei.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Rubavano i veicoli per poi rivenderli: denunciato il titolare di una concessionaria

Pubblicato

il

La Polizia di Stato ha denunciato in stato di libertà un 40enne di Sant’Anastasia, accusato di ricettazione, riciclaggio, appropriazione indebita e attività non autorizzata di smaltimento rifiuti. Inoltre, sono state sequestrate ben 6 autovetture del tipo Fiat Panda, Renault Captur, Smart e Lancia Y, oltre ad uno scooter Piaggio Vespa. Pertanto, procedendo al confronto di targhe e numeri di telaio dei veicoli, si è evinto che 4 di questi, erano provento di furto, mentre gli altri 3 frutto di appropriazione indebita. Indagini in corso, per accertare le pregresse vendite di auto e moto di dubbia provenienza, al fine di identificarne i responsabili che ne gestiscono l’illecito mercato.

Continua a leggere

Attualità

Controlli a tappeto nell’aversano, scattano denunce e sanzioni

Pubblicato

il

I carabinieri della Compagnia di Aversa, hanno deferito in stato di libertà un 26enne di Orta di Atella, il quale è stato sorpreso alla guida di un veicolo senza aver mai conseguito la patente. Inoltre, una seconda persona, un 59enne di origine nigeriana, è stato deferito a seguito di un incidente stradale, dove aveva fornito false generalità agli agenti. Infine, un terzo soggetto, un 19enne di San Cipriano d’Aversa, è stato denunciato perché trovato in possesso di un coltello a serramanico della lunghezza di 18 cm nonché di 2 grammi di marijuana.

Nel complesso, nel corso delle operazioni, sono state elevate 120 contravvenzioni al Codice della Strada. Mentre sono ben 823 le persone controllate e 593 i veicoli.

Continua a leggere

Attualità

Covid a Pozzuoli, parla il sindaco Figliolia: “Vietati aperitivi in strada e assembramenti”

Pubblicato

il

Il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia, ha disposto il divieto di aperitivi in strada e assembramenti, a partire dal prossimo 7 dicembre. Lo ha comunicato tramite la sua pagina Facebook lo stesso primo cittadino:

Come tutti hanno potuto verificare negli ultimi giorni, c’è stato in città un aumento dei contagi da covid-19. La pandemia, non è ancora debellata e non ci possiamo permettere di abbassare la guardia. Mi appello pertanto al buon senso dei cittadini, dei giovani soprattutto, invitandoli a rispettare le misure già in vigore con l’ordinanza regionale e di utilizzare sempre i dispositivi di protezione individuale, nelle aree all’aperto di maggior affollamento. A tal proposito, vi anticipo che firmerò un’ordinanza, con la quale sarà vietata per le prossime festività, a partire già dal 7 dicembre, l’organizzazione di eventi che comportino eccessivi assembramenti di persone nei luoghi pubblici e mi riferisco, in particolare, ai cosiddetti ‘aperitivi’ della movida”.

Poi, conclude: “Capisco che i giovani vogliono divertirsi, ma lo possono fare anche in altro modo, evitando gli assembramenti che facilitano la trasmissione del virus. Ne va di mezzo la nostra salute e questo, non lo possiamo dimenticare. Saranno intensificati i controlli da parte della polizia municipale”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante