Resta sintonizzato

Afragola

AFRAGOLA. Gennaro Giustino: “Non ho mai rilasciato dichiarazioni a chicchessia”

Pubblicato

il

AFRAGOLA – Le elezioni, fondamentalmente, sono ancora lontane ma alcuni addetti ai lavori sono in fibrillazione per far scoprire le carte ai propri antagonisti e così improvvisamente da un blog alquanto anonimo, mai visto sul territorio, a firma di un tal Gianni Bianco che, fatte alcune indagini sul territorio, si è scoperto essere un giornalista molto vicino ad Europa Verde e a Salvatore Iavarone consigliere comunale di Casoria appaiono alcune dichiarazioni del leader di “A Viso Aperto” Gennaro Giustino dove lo vedono affermare: “Io ci sono”, ovviamente riferendosi alle probabili candidature a sindaco; “ho sostenuto due volte Tuccillo, la prima volta ha vinto, la seconda ha perso, oggi dovrebbe passare la mano”.

Dichiarazioni piuttosto esplicite e destabilizzanti per essere vere e per essere uscite dalla bocca di un politico scafato e navigato come Gennaro Giustino, anche perché nel bel mezzo di trattative un personaggio politico intelligente non alzerebbe muri o fronti con quella che potrebbe essere la parte politica alleata in coalizione.

Così per essere sicuri che quel blog non avesse fatto strumentalizzazioni per favorire, chissà in quali trattative, la parte politica vicino ai propri redattori abbiamo contattato direttamente l’ex Consigliere Gennaro Giustino che davanti ai nostri taccuini ha dichiarato: “Non conosco quel blog, conosco quell’uomo che dice di aver scritto quell’articolo solo di vista perché l’ho visto accompagnato qualche volta con qualche personaggio politico sul territorio, non sapevo neanche fosse giornalista o scrivesse su un blog, pertanto prendo le distanze da tutto quello riportato in virgolettato in quell’articolo”.

Come volevasi dimostrare, la campagna elettorale entra nel vivo e chi tenta di mettere su qualche idea rispetto ad un altro viene immediatamente strumentalizzato. A queste latitudini cambierà qualcosa?

Afragola

AFRAGOLA. L’ex Assessore Baia riceve mandato di formare la lista di Forza Italia

Pubblicato

il

AFRAGOLA – Nella giornata di ieri l’ex Assessore della Giunta Grillo Aniello Baia ha ricevuto dal Coordinatore Regionale di Forza Italia Franco Silvestro il mandato di poter formare la lista del Partito Azzurro sul territorio Afragolese.

La missiva è stata spedita all’indirizzo dell’ex Assessore visto che è lui il riferimento azzurro rimasto sul territorio e logica vuole, visto che a candidarsi in questa campagna elettorale sarà il figlio Giacinto, molto probabilmente sarà proprio la sua prole ad ereditare anche la rappresentanza del partito di Berlusconi ad Afragola.

Giacinto Baia come risaputo, insieme a Tommaso Bassolino facevano parte della lista civica SiAmo Afragola nella coalizione moderata che vede come candidato a Sindaco Gennaro Giustino.

A questo punto non è escluso che, visto che anche l’ex Presidente del Consiglio dell’era Grillo, fu eletto proprio nelle file di Forza Italia, la civica SiAmo Afragola si possa trasformare nel partito di Forza Italia, facendo registrare così sul territorio afragolese una piccola anomalia strutturale con Fratelli d’Italia e Lega da un lato e Forza Italia dall’altro. Staremo a vedere.

Continua a leggere

Afragola

Elezioni Napoli e provincia. Si vota il 3 e 4 ottobre

Pubblicato

il

Ancora nessuna conferma da parte del Ministero. Ma le voci che circolano all’interno della Prefettura, di una possibile data che riguardano le prossime amministrative per i 17 comuni napoletani, è il primo weekend di Ottobre. Le voci dgli adetti ai lavori per la data del 3 e 4 Ottobre sembrano essere sempre più vere.

I Comuni dove si terranno le amministrative sono: Afragola, Agerola, Arzano, Boscotrecase, Brusciano, Camposano, Castello di Cisterna, Frattaminore, Gragnano, Massa di Somma, Melito di Napoli, Piano di Sorrento, San Sebastiano al Vesuvio, Serrara Fontana, Vico Equense, Villaricca e Volla.

Dopo i due mandati di De Magistris i candidati a Sindaco della città di Napoli sono: Gaetano Manfredi, candidato del centrosinistra, Catello Maresca, candidato del centrodestra, Alessandra Clemente, erede del sindaco uscente Luigi De Magistris che poco fà ha annunciato le sue dimissioni per dare spazio alla sua campagna elettorale, Antonio Bassolino e Sergio D’Angelo. 

Afragola dopo la prematura fine dell’amministrazione Grillo e l’entrata del Commissario Anna Nigro, troviamo i candidati: Antonio Pannone, candidato del centrodestra, e Gennaro Giustino, che si propone alla guida di una coalizione di moderati.

Melito la sfida tra i candidati a Sindaco è tra Nunzio Marrone, Domenique Pellecchia e Luciano Mottola

Ad Arzano si candidano a sindaco Luisa Auletta, presidente dell’Associazione “Sportello del Cittadino” ODV, sostenuta da Arzano Alternativa, formazione vicina alla destra, l’avvocato Ageo Piscopo. Situazione curiosa a Gragnano, dove il sindaco uscente Paolo Cimmino si ricandida per un secondo mandato sfidando il suo stesso ex vicesindaco Nello D’Auria.

Sette i comuni al momento retto da commissari prefettizi: Afragola, Melito di Napoli, Volla, Brusciano (dove ci riprova l’ex sindaco Giuseppe Montanile), Camposano e Serrara Fontana.

Continua a leggere

Afragola

AFRAGOLA. Pannone e Giustino prendono il largo. Svelata la tattica di Tuccillo, tanto vale uscire allo scoperto

Pubblicato

il

AFRAGOLA – A distanza di tempo, con la data delle elezioni ancora incerta e a differenza delle altre tornate elettorali, i giochi sono quasi fatti. L’unica incognita rimane la coalizione di centrosinistra e gli indecisi che per comodità abbiamo definito quarto polo ma più passa il tempo e più l’idea di vedere una quarta coalizione sembra una chimera.

Pannone e Giustino oramai hanno già preso il largo e per la gioia dei cittadini, finora i toni di questa campagna elettorale sono quelli giusti, sperando solo che non ci sia nessuno che li inquini o che indirettamente preferirebbe mettere la competizione sul piano dello scontro. Nella settimana scorsa il leader del centro e ieri pomeriggio quello del centrodestra, scegliendo la nostra emittente televisiva come mezzo per una prima uscita pubblica, hanno già cominciato ad illustrare il proprio programma, il primo col tono che lo ha sempre contraddistinto ne ha avuto per tutti quelli che lo attaccano e col dono della sintesi è riuscito ad entrare anche nei meriti del programma, il secondo con la calma e la pacatezza di sempre è riuscito a mettere su contenuti e visioni che hanno lasciato scorrere la trasmissione per più di un’ora e mezza. Molto diversi tra loro, ma ad accomunarli sono la passione che ci mettono in politica e la voglia di fare qualcosa di buono per la propria città. Alla fine la differenza la farà questo mese e mezzo di campagna elettorale.

Quello che è rimasto molto indietro rispetto alle sopracitate fazioni è il centrosinistra guidato dal PD. La coalizione stenta a decollare e oggi si può anche capire il perché. Il nodo da sciogliere porta un nome e cognome: Domenico Tuccillo. La tattica è una sola, cercare di recuperare Tania Cuccurese e tutto ciò che si può definire quarto polo ma che per convenzione chiameremo indecisi. Il tempo logora ed è proprio sul logorio che si sta giocando le carte l’ex Sindaco da Napoli. Nonostante il Movimento 5 stelle e Giovanni Casillo gli abbiano detto a chiare lettere di volere una discontinuità sui nomi perché sicuri che la città boccerebbe di nuovo alle urne il dem napoletano e nonostante Nicola Perrino gli abbia riferito che lui non avrebbe problemi ad appoggiare una sua leadership ma che avrebbe serie difficoltà a farla accettare i suoi, Tuccillo a rinunciare alla candidatura a sindaco non ci pensa proprio e più tempo passa più è consapevole del fatto che la sua indecisione blocca tutti gli altri.

Infatti, ognuno aspetta il passo falso dell’altro e il fatto che Tuccillo non esce allo scoperto fa in modo che anche gli altri, aspettando le mosse del PD e nella speranza di fare una sola coalizione forte con un nome di superamento che metta d’accordo tutti, non riescono ad organizzarsi e chiudere la terza coalizione.

Così, tenendo questo atteggiamento fino alla fine l’ex Sindaco Tuccillo è convinto che arrivati con questo stallo fino alla data di presentazione delle liste, sia il Movimento 5 stelle, sia gli indecisi e sia i dem renitenti saranno costretti ad “ingoiare” la sua candidatura a Sindaco.

Oramai la tattica di Tuccillo è chiara e a questo punto potrebbe anche uscire allo scoperto visto che è stato smascherato alla grande. L’idea dell’attesa come sfiancamento delle parti è rafforzata anche dal fatto che l’ex Sindaco, nonostante da più parti arrivi il no sul suo nome lui ha già cominciato a fare campagna elettorale, entrando nelle case, chiedendo voti e reclutando candidati. Il motivo? Semplice, vuole arrivare alla resa dei conti con una coalizione mezza aggregata da lui. Se a tutto questo aggiungiamo il fatto che l’ex deputato abbia chiesto ai GD di formare una propria lista allora il quadro si completa. L’ex Sindaco di Afragola vuole arrivare al tavolo con mezzo PD, due liste civiche – In Marcia e Afragola civica – più quella dei GD a suo supporto così da arrivare al tavolo decisivo con un peso corposo e con la prerogativa di vendersi anche come il nuovo che avanza facendo leva sulla recluta dei giovani afragolesi.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante