Resta sintonizzato

Cronaca

Roberta Siragusa. Emerge un video in cui la 18enne viene bruciata viva

Pubblicato

il

Un video ha ripreso gli ultimi istanti di vita di Roberta Siragusa, la ragazza siciliana di 18 anni bruciata viva nel gennaio scorso a Caccamo, nella città metropolitana di Palermo.

Il filmato è stato messo agli atti del processo in corso davanti al gip del Tribunale di Termini Imerese in cui è imputato per omicidio aggravato e occultamento di cadavere l’ex fidanzato della vittima Pietro Morreale.

Secondo l’accusa, il giovane che si vede nel video è proprio Morreale che avrebbe prima colpito la giovane, poi le avrebbe dato fuoco e infine ne avrebbe gettato il corpo in un dirupo per disfarsene. Le riprese, registrate da una telecamera di sorveglianza della zona, riprendono quei drammatici momenti avvenuti nei pressi del campo sportivo di Caccamo.

Sono state immagini forti, mostrate alla presenza dei genitori e del fratello di Roberta, sempre presenti in aula. Si è trattato di un video che ha spiazzato tutti i presenti e che dimostra in modo inconfutabile che Roberta è stata uccisa al campo sportivo, caricata in auto e gettata nel dirupo vicino il monte San Calogero. Ormai il gravissimo quadro indiziario a carico dell’indagato si è trasformato in un quadro probatorio gravissimo, che a nostro giudizio, non consente di potere formulare ipotesi investigative diverse” hanno spiegato i legali della famiglia della diciottenne barbaramente uccisa.

Un filmato orribile dal quale verrebbe confermata anche un’altra drammatica circostanza del delitto di Roberta Siragusa: la diciottenne, infatti, non sarebbe morta subito ma tra atroci sofferenze, dopo minuti di agonia.

Sicuramente la ragazza era viva mentre l’uomo le dava fuoco, ferita per le violente percosse che le aveva inflitta il ragazzo.

Dai risultatati dell’autopsia eseguita sul corpo di Roberta e presentati nel corso dell’incidente probatorio, infatti, è emerso che l’assassino l’ha percossa prima di bruciarla con un oggetto.

Il medico legale ha accertato che a causare la morta di Roberta sono state proprio le lesioni determinate dalle bruciature: Roberta Siragusa è stata bruciata viva.

Il giovane si è sempre difeso sostenendo che la vittima, dopo una violenta discussione, si era data fuoco da sola ed era stato lo stesso Morreale a portare i carabinieri sul luogo del ritrovamento del corpo. Ora però le immagini girate dalle videocamere piazzate fuori a un bar vicino al campo sportivo e depositate in Tribunale lo hanno smentito.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Campania

Ruba il cellulare ad un turista: 16 enne finisce in manette

Pubblicato

il

Ieri pomeriggio i Nibbio dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Mezzocannone hanno udito delle urla ed hanno visto una donna che stava rincorrendo un ragazzo. I poliziotti successivamente bloccano il ragazzo all’angolo a via Marramarra che lo hanno trovato in possesso di un telefono e hanno accertato che poco prima era stato strappato dalle mani del padre della donna mentre controllava una mappa stradale. Un 16enne napoletano è stato arrestato per furto con strappo.

Continua a leggere

Campania

50 enne ubriaco picchia la moglie

Pubblicato

il

Nel corso della notte scorsa a Bellona  i carabinieri della sezione radiomobile della Compagnia di Capua hanno trattato un arresto di un uomo di 50 anni per violenze in famiglia. L uomo è stato colto in flagranza di reati e lesioni personali. L equipaggio radiomobile che è giunto sul posto ha accertato che costui era sotto l’effetto di sostanze alcoliche, poco prima del loro arrivo aveva inseguito e schiaffeggiato al volto la 45enne moglie. La vittima è dovuta andare all pronto soccorso per le cure mediche ospedale civile di Santa Maria Capua Vetere. L’arrestato è stato tradotto presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

Continua a leggere

Cronaca

Tragedia a Napoli, bimbo di 4 anni cade nel vuoto e muore

Pubblicato

il

Tragedia avvenuta questa mattina a Napoli, in via Foria, dove un bambino di 4 anni, è precipitato dal terzo piano di un palazzo. Purtroppo, non c’è stato niente da fare. Il piccolo, ha perso la vita appena giunto in ospedale. Al momento, è ancora da chiarire la dinamica dell’accaduto.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante