Resta sintonizzato

Attualità

Vincenzo De Luca: “Dai primi giorni di giugno al via le vaccinazioni per i maturandi”

Pubblicato

il

Come di consueto ogni settimana, anche quest’oggi, venerdì 28 maggio, il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha fatto la sua diretta settimanale, facendo il punto della situazione del Coronavirus in Campania.

Cari amici c’è materia per fare qualche considerazione nel nostro incontro, oltre che sulla situazione Covid anche su altri argomenti al centro del dibattito pubblico nel nostro Paese” ha esordito il Governatore.

Continuando “Ieri abbiamo superato in Campania 72.000 vaccinazioni in 24 ore, andando oltre l’obiettivo prefissato qualche mese fa. Sempre con l’obiettivo di vaccinare tutti i cittadini di Napoli entro luglio. Un milione di cittadini campani hanno avuto la prima e la seconda dose. Un numero importante tenendo conto del fatto che in Campania abbiamo 20.000 dipendenti in meno rispetto alla popolazione“.

Affermando poi “Sapete che noi abbiamo deciso a gennaio, febbraio, marzo di distribuire più vaccinazioni alle regioni con più anziani e dunque ora che si vaccinano i giovani tra i 16 e i 40 anni abbiamo fatto la richiesta di ottenere più vaccini e siamo in attesa di una risposta. Ad oggi siamo ancora a meno 84.000 dosi per la popolazione campana. Dobbiamo recuperare per il passato altre 80mila dosi e poi dobbiamo avere per il futuro, per la popolazione più giovane che abbiamo, più dosi“.

Credo che in una settimana avremo completato l’immunizzazione del comparto turistico-alberghiero. Ci stiamo preparando a vaccinare i maturandi. Se arrivano i vaccini entro domenica dai primi giorni di giugno possiamo vaccinare i ragazzi che devono fare gli esami di maturità. Potremo vaccinare i ragazzi sopra i 18 anni con il vaccino Johnson&Johnson. Sotto i 18 anni dovremo fare Pfizer. Se ci arrivano i quantitativi necessari faremo la vaccinazione a tutti i maturandi” ha detto De Luca in merito alle vaccinazioni per gli studenti

Il Governatore ha poi parlato ei matrimoni e delle cerimonie “Abbiamo solo un problema riguardo ai matrimoni. Abbiamo lavorato per anticipare a inizio giugno la possibilità di fare i matrimoni nella nostra regione. Abbiamo avuto un problema. Abbiamo fatto l’accordo con i rappresentanti delle camere di commercio e gli operatori alberghieri approvando un protocollo per i matrimoni in sicurezza ma il Cts ha ritenuto di fissare un numero delle presenze all’esterno dei locali. Molti ristoratori ci hanno chiesto cosa fare se arrivano famiglie da cerimonie. Ad oggi ciò che si può fare è mantenere il distanziamento“.

Ci stiamo avviando, una volta messi in guardia i nostri concittadini dalle criticità da risolvere, ci stiamo avviando verso una fase di ripresa della vita economica e sociale del nostro paese. Auguriamoci di poter completare la fuoriuscita dal Covid. Più sicura quanto più saremo responsabili” ha continuato il Presidente.

De Luca ha poi parlato del Decreto Rilancio: “Il tema delle semplificazioni in Italia è un problema enorme perchè abbiamo accumulato decenni di palude burocratica, quindi non sarà facile avviare un lavoro di semplificazioni ma comprendiamo che essa sia essenziale per rilanciare il paese. Abbiamo un elemento positivo contenuto nella proposta di legge della regione Campania al Parlamento cioè l’ipotesi di non bloccare le opere quando ci sono ricorsi amministrativi“.

Il Governatore ha poi mosso un’aspra critica al Governo: “Se non ci fossero state le Regioni la gestione del Covid sarebbe stata un disastro di proporzioni inimmaginabili. Il Governo ha avuto un merito ed è quello di aver imposto all’Italia una linea di prudenza. Ma per il resto il ruolo del Governo nazionale si è limitato alla distribuzione dei vaccini. Il Commissario deve fare solo la distribuzione dei vaccini. Potremmo farla con un accordo su Amazon o assumendo qualche decina di giovani che vanno in giro a distribuirle. Se avessimo distribuito alle regioni avremmo fatto prima. Il ruolo dello Stato è stato di ritardo e confusione, non di accelerazione. Se immaginiamo di avere una centralizzazione anche delle opere del piano di rilancio sarà dunque un’illusione

In merito alla proposta che è stata avanzata di dare una dote di 10.000 euro ai giovani diciottenni, io ritengo sia una proposta sbagliata e perfino pericolosa. Cinque anni fa la Campania ha lanciato un’idea per il lavoro e per i giovani del Sud e per ringiovanire la pubblica amministrazione. La proposta è dunque quella di dare lavoro ai giovani e non un bonus. La Campania tre anni fa ha fatto un concorso per mandare a lavorare 3000 giovani. Questo dovrebbe concludersi con un’ultima prova scritta, che potevamo risparmiarci, e che sarà fatta da qui a un mese. Credo che andranno a lavorare e ci stiamo preparando ad un secondo concorso per mandare i giovani a lavorare nella pubblica amministrazione” ha poi affermato De Luca.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Napoli, ruba la paletta d’ordinanza ad una vigilessa e poi si dà alla fuga: i particolari

Pubblicato

il

Curioso episodio avvenuto a Napoli, all’esterno del Liceo Umberto, dove una vigilessa, si è vista letteralmente scippare dalle mani la paletta d’ordinanza. L’autore del furto, è un giovane che, dopo aver rubato la paletta, è scappato a piedi per le strade di Chiaia inseguito dalla vigilessa. Pertanto, è stato tutto ripreso dagli amici con il cellulare. A tal proposito, ha parlato il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli, che si è così espresso:

Stiamo assistendo a una deriva anarchica e delirante sempre più preoccupante nella nostra città. L’idea diffusa dell’impunità, si è ormai radicata soprattutto nelle giovani generazioni, alimentando il delirio di violenza e vandalismo al quale siamo costretti ad assistere quotidianamente. Ultimo, terribile esempio, il rilascio immediato del pregiudicato che venerdì notte, ha speronato le auto della Polizia fuggendo in controsenso sul Lungomare. Una scelta inaccettabile e incomprensibile nei confronti di chi, ha seriamente messo in pericolo la vita dei passanti e degli agenti. Se si continuano a dare segnali che ognuno può, liberamente procurare danni al prossimo, addirittura mettendone a repentaglio la vita, senza poi pagarne le conseguenze, presto ci troveremo a dover affrontare un problema di ordine pubblico insormontabile”.

Continua a leggere

Attualità

Castel Volturno, rinvenute piante di marijuana in un podere: due coniugi in arresto

Pubblicato

il

I carabinieri della stazione di Castel Volturno, nel casertano, hanno tratto in arresto un 74enne pregiudicato e una 64enne incensurata, con l’accusa di coltivazione e detenzione di sostanza stupefacente. In particolare, i militari dell’Arma, dopo aver effettuato una perquisizione presso un loro podere adibito ad azienda agro-faunistica, hanno rinvenuto e sequestrato 32 piante di marijuana, alte circa 2 metri, di cui 18 in fase di essiccazione e 14 in fase di coltivazione, per un peso lordo complessivo di 750 kg. Pertanto, la coppia, è stata sottoposta agli arresti domiciliari presso la propria residenza.

Continua a leggere

Attualità

Clamoroso ad Amatrice, l’Enel chiede le bollette per le case distrutte dal terremoto

Pubblicato

il

Episodio clamoroso avvenuto ad Amatrice, in provincia di Rieti, dove nel 2016 si verificò un violento terremoto. Ebbene, adesso l’Enel, ha chiesto ad Antonio Graziani, proprietario di un’enoteca a Piazza Istria, di fissare un nuovo appuntamento per la sostituzione del contatore. A denunciare lo spiacevole episodio, ci ha pensato Angelo, figlio dell’esercente, il quale ha più volte sottolineato che, le abitazioni dove abitava il padre, non esistono più. Ecco le sue parole:

Il contratto è stato disdetto da anni e, infatti, non ci sono più arrivate le bollette. Come si fa a commettere un errore del genere? Nessuno si è informato?. Le scuse, sono arrivate solo successivamente, quando i dirigenti hanno scritto alla famiglia Graziani, ammettendo che nell’ampio programma di sostituzione dei vecchi misuratori con quelli di nuova generazione, che sta interessando il territorio nazionale, è stato commesso un errore d’identificazione dell’utenza che, ha comportato l’invio di una comunicazione a un destinatario errato”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante