Resta sintonizzato

Afragola

AFRAGOLA. Nasce la coalizione di centrosinistra e la sorpresa sta nelle loro divergenze

Pubblicato

il

AFRAGOLA – Il fine settimana nel comune normanno riserva sempre qualche sorpresa e stamattina se ne sono avute almeno due dal punto di vista dell’assetto politico elettorale in vista delle prossime amministrative.

La prima è stata la notizia della costituzione del nuovo movimento politico che sicuramente convergerà in una lista elettorale formata da soli giovani denominata proprio “Più Giovani” e che con molte probabilità avrà la sua collocazione naturale nella coalizione di centro moderato che si sta cominciando a formare.

L’altra notizia è che PD, M5S ed Europa Verde Afragola, all’indomani delle dichiarazioni rilasciate dall’onorevole Iolanda Di Stasio nella nostra trasmissione “L’Assise” andata in onda ieri sera su MinformoTV (la potete guardare on demand cliccando qui), si sono apprestati a diffondere a mezzo social un breve comunicato stampa dove asseriscono di voler partire con un tavolo interlocutorio partendo dalla base della propria coalizione di centro sinistra formata dai loro tre partiti.

Come, se per mettere le mani avanti, si è voluto comunicare, soprattutto agli addetti ai lavori che potessero recriminare una posizione di rilievo nello stesso alveo: “Il Centrosinistra siamo noi e chi ci ama ci segue”.

In questo modo si evita di allargare le competenze per poter mettere sul tavolo altri nomi per la sintesi e contestualmente si traccia un perimetro dove al di fuori del quale si è visti o trattati come aggregati e non come aggreganti. Insomma una mossa che ha delineato tutta la debolezza delle compagini in causa, liste vuote che si mettono a parlare ad un tavolo senza avere fiducia l’uno nell’altro perché chiudendosi a riccio tra pochi eletti è più facile guardarsi le spalle.

Ma di cosa ha paura il PD per dover comunicare in tutta fretta che la coalizione di centro sinistra parte dai tre gruppi sopra citati? Ma soprattutto dove si stabilisce l’unità di intenti o di idee nei tre gruppi formanti la coalizione, visto che insieme non hanno mai fatto gruppo e se prendiamo PD ed Europa Verde di Iavarone, nel secondo vediamo un ex assessore cacciato dalla giunta Tuccillo che nel 2018 ha fatto il salto della quaglia candidandosi nelle file dell’ex Senatore Nespoli? Forse è proprio questa stortura politica che fa togliere il nome di Iavarone dal tavolo ancor prima che qualcuno lo potesse pronunciare.

Un’altra riflessione da fare sulle divergenze di idee che attraversano i tre gruppi sta proprio nelle parole dell’On. Di Stasio di ieri in trasmissione, dove asserisce che loro saranno contenti di andare avanti su un tavolo dove la sintesi non dovrà per forza essere un espressione tipica di un singolo partito ma preferirebbero che il nome ideale per la città di Afragola uscisse fuori da candidati di liste civiche.

Chiaro riferimento alla bocciatura, anche in questo caso, dell’ex Sindaco Tuccillo che sarebbe il primo nome che verrà in mente al PD ma che rappresenta, purtroppo per i dem, un candidato espressione tipica di un singolo partito e non certamente appartenente ad una lista civica.

Al M5S non dispiacerebbe, così come affermato anche ieri nell’intervista dalla deputata grillina, un nome femminile derivante da un’esperienza politica legata ad una lista civica e da indiscrezioni raccolte in esclusiva da Minformo, pare che i pentastellati afragolesi abbiano fatto già il nome dell’ex Consigliera Tania Cuccurese, professionista, persona perbene, competente e dedita al civismo e mai con una tessera di partito in tasca.

Insomma, a quanto pare la Cuccurese potrebbe essere, laddove questa coalizione stenterebbe a crescere, proprio il nome che metterebbe d’accordo i tre partiti definitisi di centrosinistra.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Afragola

Afragola. Addio al prof. Botta. Il saluto degli alunni dell’Istituto Brunelleschi

Pubblicato

il

Una perdita che ha shockato la comunità e l’Istituto Brunelleschi di Afragola. La morte del professore Botta ha lasciato un vuoto nel cuore degli alunni e dei suoi colleghi.

“Amico degli alunni” lo hanno definito. Uomo che dialogava con i propri studenti e l’insegnamento della propria materia era spesso intervallato da momenti di retoriche storie personali, che gli hanno consegnato l’etichetta di “maestro di vita”.

Addio Ferdinando Botta

Continua a leggere

Afragola

Afragola. Le rubano la macchina e va a denunciarne il furto. L’estorsore la chiama mentre è in Caserma e il Carabiniere riconosce la voce. 42enne arrestato

Pubblicato

il

Una donna subisce il furto della propria utilitaria, parcheggiata in strada nel comune di Afragola. Non si perde d’animo e raggiunge la locale stazione carabinieri per presentare denuncia. Ma poco prima di firmare il verbale e andare via riceve una telefonata. Non riconosce il numero, non era salvato nella sua rubrica e così attiva il vivavoce lasciando che anche il carabiniere di fronte a lei ascoltasse la telefonata. Una mossa vincente che ha consentito ai militari della stazione di Afragola di arrestare per tentata estorsione un 42enne del rione salicelle già noto alle forze dell’ordine.
Era lui ad avere la sua auto, ha confessato alla denunciante. Per riaverla avrebbe dovuto pagare 1500 euro, consegnandoli in un luogo concordato. I carabinieri hanno facilmente riconosciuto la voce dell’interlocutore perché già Noto. In pochi minuti lo hanno raggiunto nella sua abitazione e dopo aver individuato cellulare e sim grazie ai quali aveva contattato la donna, lo hanno arrestato. In manette è stato tradotto al carcere di Poggioreale ed è ora in attesa di giudizio.
Sala Stampa – Comando Provinciale Carabinieri di Napoli
Via Mario Morgantini 4 – Napoli

Continua a leggere

Afragola

Trovato senza vita un 50enne a Reggio Emilia. La vittima era originario di Afragola

Pubblicato

il

Antonio Iazzetta un uomo di 51 anni che resiedeva a Reggio Emilia da oltre 20 anni. E’ stato trovato senza vita nel suo letto con ferite e contusioni.

I carabinieri hanno ascoltato le testimonianze di chi era in casa, oltre ovviamente al vicino che l’ha trovato morto. Sono stati effettuati tutti i rilievi alla ricerca di possibili impronte e tracce lasciate dall’assassino. Gli investigatori hanno ascoltato anche la figlia e la ex moglie. Ma anche altri conoscenti. Non si esclude che la cattura dell’assassino possa essere questione di ore

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante