Resta sintonizzato

Arzano

Arzano. Documenti sulla sicurezza dei lavoratori falsificati: nei guai un imprenditore

Pubblicato

il

Un imprenditore ed il suo tecnico sono stati denunciati dalla polizia per aver falsificato i documenti sulla sicurezza dei lavoratori.

Rientrano nei controlli per la sicurezza nei cantieri edili le attività investigative che hanno portato gli agenti della polizia locale di Arzano, diretta dal Colonnello Biagio Chiariello, a “smascherare” un imprenditore edile ed un tecnico che avevano falsificato le certificazioni mediche sulla sicurezza degli operai con l’obiettivo di vedersi annullare le sanzioni comminate.

Il cantiere edile, di via Colombo, è quello dove gli agenti della polizia locale, con la collaborazione del Nucleo Sicurezza Luoghi di Lavoro dell’Asl Napoli 2 Nord, avevano nei giorni scorsi “bloccato” diversi operai che alla vista degli operatori avevano intentato un “fuggi fuggi” ma grazie alla chiusura degli ingressi ed uscite si sono dovuti fermare.

Convocati i lavoratori in caserma, alcuni irregolari e segnalati alle competenti sedi, il loro datore di lavoro ha esibito documenti tra cui quelli attestanti le visite mediche obbligatorie e la formazione sulla sicurezza.

Qualcosa però non era chiaro e così gi agenti ganno deciso di indagare sui documenti: sono saltate infatti all’occhio anomalie di timbri e data, quest’ultima risalente ad un periodo antecedente al controllo per evitare le sanzioni .

Convocato il medico che “avrebbe” rilasciato la documentazione, questi non ha esitato a disconoscere l’autenticità della stessa risultata falsa.

Scattato il sequestro della documentazione i responsabili sono stati denunciati con rapporto trasmesso alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli Nord, mentre le sanzioni contestate per le violazioni sulle norme nella sicurezza dei luoghi di lavoro ammontano a 80mila euro.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Arzano

[VIDEO] Arzano. Arrestato Pasquale Cristiano dai Carabinieri

Pubblicato

il

La Tenenza di Arzano e il Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna hanno arrestato e condotto in carcere CRISTIANO Pasquale, ritenuto elemento di vertice del gruppo criminale “167”, operante in Arzano, costola del clan “Amato-Pagano”. Lo stesso, mentre era sottoposto agli arresti domiciliari, veniva autorizzato lo scorso 6 giugno a partecipare alla comunione del figlio, rendendosi protagonista di un “carosello” in Ferrari nelle vie del paese, nonostante gli fosse stata rigettata la richiesta finalizzata alla partecipazione ai festeggiamenti.
Il CRISTIANO, infatti, a bordo di una fuoriserie di ultimissima generazione, una Ferrari decappotabile, noleggiata per la circostanza, si era aggirato per il centro di Arzano, accompagnato da altri veicoli di grossa cilindrata e persone a piedi, tra i quali anche altri pregiudicati, tutti identificati dai carabinieri, creando disagio per la circolazione, con modi e tempistiche non compatibili con il percorso imposto dall’obbligo di immediato rientro presso la sua abitazione.
Il provvedimento è stato adottato dalla Corte di Appello di Napoli su richiesta della Procura Generale, sulla base di un’informativa dei Carabinieri di Arzano che hanno documentato e evidenziato la condotta del CRISTIANO, ritenuta una vera e propria provocatoria “prova di forza”, finalizzata all’affermazione della sua presenza sul territorio.
Sono stati posti a fondamento dell’ordinanza ulteriori passate violazioni di CRISTIANO Pasquale alla misura alla quale era sottoposto poiché, in più di un’occasione, aveva manifestato insofferenza ai controlli di routine delle Forze di polizi

Continua a leggere

Arzano

Arzano. Dopo la sfilata in Ferrari, boss finisce in manette

Pubblicato

il

La Tenenza di Arzano e il Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna hanno arrestato e condotto in carcere Cristiano Pasquale, ritenuto elemento di vertice del gruppo criminale “167”, operante in Arzano, costola del clan “Amato-Pagano”.

Lo stesso, mentre era sottoposto agli arresti domiciliari, era stato autorizzato lo scorso 6 giugno a partecipare alla comunione del figlio, rendendosi protagonista di un “carosello” in Ferrari nelle vie del paese, nonostante gli fosse stata rigettata la richiesta finalizzata alla partecipazione ai festeggiamenti.

Cristiano, infatti, a bordo di una fuoriserie di ultimissima generazione, una Ferrari decappotabile, noleggiata per la circostanza, si è aggirato per il centro di Arzano, accompagnato da altri veicoli di grossa cilindrata e persone a piedi, tra i quali anche altri pregiudicati, tutti identificati dai carabinieri, creando disagio per la circolazione, con modi e tempistiche non compatibili con il percorso imposto dall’obbligo di immediato rientro presso la sua abitazione.

Il provvedimento è stato adottato dalla Corte di Appello di Napoli su richiesta della Procura Generale, sulla base di un’informativa dei Carabinieri di Arzano che hanno documentato ed evidenziato la condotta del Cristiano, ritenuta una vera e propria provocatoria “prova di forza”, finalizzata all’affermazione della sua presenza sul territorio.

Sono stati posti a fondamento dell’ordinanza ulteriori passate violazioni di Cristiano Pasquale alla misura alla quale era sottoposto poiché, in più di un’occasione, aveva manifestato insofferenza ai controlli di routine delle Forze di polizia.

Continua a leggere

Arzano

Arzano. Boss in Ferrari per la comunione del figlio: aveva un permesso dai domiciliari

Pubblicato

il

Pasquale Cristiano, ritenuto dagli inquirenti il capobastone del clan 167, ottenuto dai giudici il permesso di lasciare i domiciliari per partecipare alla Prima Comunione del figlio, si è recato in chiesa in una fiammante Ferrari decapottabile.

Come riporta “Il Mattino”, dietro di lui, una Lamborghini, guidata dal capozona di Frattamaggiore, che apriva un corteo di Suv e auto di grossa cilindrata.

I carabinieri della compagnia di Casoria e quelli della locale tenenza hanno inviato un dettagliato rapporto sia alla Direzione Distrettuale Antimafia che alla Procura di Napoli Nord, competente per territorio, per le valutazioni e gli eventuali provvedimenti del caso.

A denunciare l’accaduto sono stati il senatore Sandro Ruotolo e il presidente del Pd di Napoli, Paolo Mancuso.

Bisogna di nuovo accendere i riflettori su Arzano perchè nonostante gli sforzi dello stato per ripristinare la legalità, la camorra lancia segnali pericolosi alla cittadinanza: ‘noi ci siamo’. L’ultimo inquietante episodio sarebbe accaduto domenica scorsa” si legge in una nota congiunta.

Alla festa di Comunione i pregiudicati si sono infatti presentati in Ferrari e Lamborghini. Un messaggio chiaro e diretto.

Nonostante sia indagato dalla magistratura come boss degli Amato-Pagano ad Arzano, citato tra l’altro nell’ultima ordinanza di custodia cautelare che ha portato in carcere 31 persone a Melito e da un anno agli arresti domiciliari, ha potuto usufruire di un permesso per partecipare alla celebrazione in chiesa in occasione della comunione del figlio.

L’uomo, alla guida di una Ferrari in corteo con una Lamborghini, guidata dal presunto capozona di Frattamaggiore e accompagnato da altre auto di grossa cilindrata avrebbe scorazzato rumorosamente per oltre mezz’ora per le strade della cittadina. Per agevolare il passaggio del corteo, i guardaspalle avrebbero bloccato gli incroci e fermato il normale traffico veicolare” hanno scritto Ruotolo e Mancuso.

La magistratura, le forze dell’ordine, la prefettura ad Arzano stanno conducendo una battaglia durissima contro la camorra e la malapolitica. La pressione investigativa ha portato ad importanti risultati ma purtroppo c’è da constatare come il radicamento e la riproducibilità criminale fanno di Arzano un caso nazionale. Ricordiamo che il Comune si è sciolto per infiltrazioni della camorra per ben tre volte negli ultimi dieci anni” hanno concluso.

[Foto: Il Mattino]

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante