Resta sintonizzato

Cronaca

Denise Pipitone. I dettagli delle indagini: il percorso fatto e l’auto che l’ha portata via

Pubblicato

il

Continuano le indagini sulla scomparsa di Denise Pipitone, ripartite nelle scorse settimane dopo la nuova inchiesta aperta dalla procura di Marsala.

Gli inquirenti nella ricerca della bambina scomparsa da Mazara Del Vallo l’1 settembre sono ripartiti proprio da dove si erano fermati, ovvero dalla cerchia familiare della piccola che aveva portato a processo la sorellastra di Denise, Jessica Pulizzi, assolta in via definitiva dall’accusa di sequestro di persona.

Nella nuova inchiesta sarebbero due le persone al momento indagate, si tratta di Anna Corona, ex moglie di Pietro Pulizzi, il padre biologico di Denise e Gabriele Delle Chiave, nipote di Battista Della Chiave, il testimone sordomuto, oggi deceduto, che aveva rivelato di aver visto la piccola in un capannone di Mazara del Vallo in braccio al familiare intento a fare una telefonata.

La notizia, anticipata dal programma tv “Quarto Grado“, non ha però trovato conferma da parte della procura di Messina.

La mamma della piccola, Piera Maggio, si è espressa poco fa sulla sua pagina Facebook in merito alla nuova inchiesta: “Abbiamo sempre cercato la verità sul rapimento di Denise, anche adoperandoci per fare in modo che questa emergesse. Raccontare parzialmente fatti già verificati, facendo allusioni che non hanno portato a nulla, di certo servono solo a creare illazioni e diffamazione. Sappiate che durante il processo di primo grado, l’unica pista alternativa evidenziata dai legali dell’imputata è stata solo e soltanto la pista Rom, non altri. Questo per far comprendere a tutti, che nonostante alcuni dissidi, non esistevano i presupposti per accusare altri appartenenti alla cerchia ristretta dei familiari di Denise, poiché hanno collaborato, le loro posizioni furono vagliate, chiarite ed escluse dall’inchiesta”.

Continuano le ricerche, dunque, nel passato. Della Chiave ha raccontato che il giorno del rapimento avrebbe visto la bambina in un magazzino di via Rieti, dove è stata poi rintracciata un’auto, mentre veniva portata via con una barca. Un altro testimone, che si è fatto vivo dopo 17 anni con una lettera anonima ha raccontato di aver visto Denise in macchina con tre persone il giorno della scomparsa.

Secondo la sua ricostruzione, la bambina piangeva e chiedeva aiuto chiamando la mamma. Ed è proprio su un’auto ritrovata parzialmente bruciata in via Rieti che sono in corso le verifiche degli inquirenti che stanno tentando di ricostruire il percorso che quel giorno avrebbe fatto la piccola Denise.

Cronaca

Ruba 2 auto ma nella fuga travolge e uccide un ciclista: arrestato

Pubblicato

il

Tragedia avvenuta questa mattina nel Trevigiano, dove un uomo ha rubato due auto ed è scappato, ma nella fuga ha travolto e ucciso un ciclista. Al momento, sono in corso le indagini da parte dei carabinieri della Compagnia locale, che hanno accertato l’evidente stato di alterazione in cui versava l’uomo.

In particolare, i furti sono avvenuti ai danni di due donne, ma in due paesi diversi, il primo a Fonte e poi ad Asolo. Invece, l’incidente mortale si è verificato a San Zenone degli Ezzelini, a seguito del quale l’uomo è stato bloccato e arrestato.

Continua a leggere

Cronaca

Tragedia in strada, conducente ubriaco provoca pauroso incidente: morto un ventenne

Pubblicato

il

Tragico incidente avvenuto questa notte a Roma, nel quale un ventenne di Fiumicino ha perso la vita. Secondo una prima ricostruzione, l’incidente sarebbe avvenuto sul Grande Raccordo anulare, e avrebbe coinvolto quattro auto. Tuttavia, il responsabile è stato identificato in un 43enne risultato positivo all’alcool test.

Pertanto, l’uomo è stato arrestato per omicidio stradale, mentre le altre tre persone coinvolte sono finite in ospedale per le ferite riportate. Sul posto, sono intervenuti gli agenti della Polizia Stradale e i Vigili del Fuoco.

Continua a leggere

Cronaca

Choc a Napoli, uomo ferito al volto con un coltello: i particolari

Pubblicato

il

Attimi di panico nella serata di ieri a Napoli, dove un 41enne del posto già noto alle forze dell’ordine, è stato ferito al volto con un coltello da uno sconosciuto. Ferito anche il cane che portava al guinzaglio. Tuttavia, resta da chiarire la dinamica dell’accaduto.

Sul posto, sono intervenuti i carabinieri del Nucleo Radiomobile di Napoli, che stanno ora effettuando i rilievi del caso per ricostruire la vicenda. Intanto, la vittima si trova all’ospedale Vecchio Pellegrini, dove è attualmente fuori pericolo di vita.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante