Resta sintonizzato

Cronaca

Papà ucciso per un parcheggio: è già fuori uno degli aggressori

Pubblicato

il

Si è sempre dichiarato estraneo ai fatti che lo legavano all’omicidio di Maurizio Cerrato, il 61enne ammazzato lo scorso 19 aprile a Torre Annunziata per avere difeso la figlia.

Quest’ultima aveva parcheggiato la propria auto su un posto nella pubblica strada occupato con una sedia e, proprio per questo, è stata aggredita.

Per Antonio Venditto, uno delle quattro persone raggiunte da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere è però già arrivata la scarcerazione da parte del gip a seguito di richiesta avanzata d’ufficio dalla stessa Procura «per sopravvenuta carenza dei gravi indizi di colpevolezza».

Venditto si era sempre dichiarato estraneo ai fatti e questo nonostante la figlia della vittima l’abbia riconosciuto. Sia in foto sia al momento dell’incidente probatorio.

A sua difesa, l’uomo, ha fornito anche un alibi. «Le indagini sono diventate oltremodo difficili. Sia dalle dichiarazioni cangianti dello stesso Venditto, parzialmente smentite dai successivi accertamenti, sia dall’atteggiamento omertoso degli altri testimoni oculari dell’omicidio. Alcuni di questi sono giunti persino ad alterare le fonti di prova, cancellando i filmati del sistema di videosorveglianza del garage» ha spiegato il procuratore della Repubblica di Torre Annunziata, Nunzio Fragliasso.

Le indagini, nonostante non abbiano accertato che sia esclusa la presenza di Venditto sul luogo dell’omicidio, hanno consentito di acclarare la sua estraneità all’omicidio. A confermarlo è lo stesso Fragliasso.

In particolare, grazie ad una consulenza tecnico-informatica, la Procura ha acquisito dei filmati di videosorveglianza relativi ai momenti che hanno immediatamente preceduto l’omicidio, sottoposte alla figlia di Cerrato, che in questo caso non ha riconosciuto Venditto tra le persone presenti sul luogo del delitto.

Inoltre, le persone che hanno assistito all’omicidio, interrogate perché indagate per favoreggiamento personale, hanno escluso la presenza dell’uomo sul posto al momento dell’aggressione mortale, riferendo, come ha evidenziato il procuratore, «la presenza in luogo di quest’ultimo di un’altra persona». Le indagini puntano ora ad accertare proprio il ruolo avuto da quest’ultimo soggetto nel tragico fatto di sangue.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Napoli. Denunciati 2 uomini per furto in un treno diretto a Napoli Centrale

Pubblicato

il

1 arrestato, 4 indagati, 2.159 persone identificate, di cui 171 stranieri, e 1 rintracciata in posizione irregolare sul territorio nazionale.

Questi i risultati dell’attività del Compartimento Polfer Campania nel primo week end di partenze caratterizzato da un grande afflusso di viaggiatori in occasione delle ferie estive.

In particolare, sabato, a seguito di un’indagine complessa i poliziotti della Squadra di Polizia Giudiziaria hanno rintracciato ed arrestato un cittadino senegalese di 45 anni, già destinatario di un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Vallo della Lucania per la pena di due anni e sei mesi di reclusione in quanto riconosciuto colpevole dei reati di ricettazione e commercio di prodotti falsi.  Lo straniero è stato rintracciato e bloccato, dopo un tentativo di fuga, sul lungomare di Marina di Camerota (SA) e condotto presso il carcere di Vallo della Lucania.

Nella stessa giornata, il personale Polfer in servizio a bordo di un treno diretto a Napoli ha fermato due persone responsabili del furto di un tablet ai danni di un addetto al servizio cuccette. I due, un siciliano 19 enne e un egiziano 37 enne, sono stati denunciati per furto aggravato in concorso.

Continua a leggere

Baia Domizia

Campania. Tragedia sfiorata per una giovane coppia che stava per annegare nei pressi di Baia Felice

Pubblicato

il

La giovane coppia si è trovata in difficoltà per le correnti che hanno reso difficili le operazioni di soccorso anche per i bagnini. Infatti, due bagnini a bordo di una moto d’acqua hanno salvato la coppia ed un altro bagnino aveva difficoltà nel ritornare a riva.

Un carabiniere in servizio presso la sezione scorte del Reparto Servizi Magistratura di Napoli a bordo di un pattino ha salvato altri due bagnini aiutandoli a ritornare a riva.

Continua a leggere

Campania

Campania. Bruciano auto e furgoni. La probabile pista di incendio doloso

Pubblicato

il

Le forze dell’ordine sono intervenute questa notte nei pressi di Ariano Irpino dove hanno ricevuto una segnalazione di un incendio in un terreno. L’incendio ha disctutto due furgoni e un pick up.

Nella stessa notte i Carabinieri sono andati in soccorso per un altro incendio, scoppiato in un garage nei pressi di Flumeri.

Le forze dell’ordine stanno indagando per una probabile pista che porta ad un incendio doloso

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante