Resta sintonizzato

Cronaca

Duro colpo al clan dei Casalesi: arrestato Walter Schiavone, il figlio di “Sandokan”

Pubblicato

il

I carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta, hanno dato esecuzione questa mattina, ad un’ordinanza di misure cautelari nei confronti di cinque soggetti, tra i quali Walter Schiavone, figlio del capo storico del clan dei Casalesi, Francesco Schiavone detto “Sandokan”, per i reati di associazione di tipo camorristico, detenzione e porto in luogo pubblico di armi da sparo e da guerra, intestazione fittizia di quote societarie, concorrenza illecita ed estorsione, aggravati dalla finalità mafiosa.

Le misure in questione, costituiscono lo sbocco di un’attività d’indagine, che consentiva di acquisire gravi elementi indiziari sull’operatività di un gruppo criminale, facente capo al predetto Walter Schiavone, dedito alla gestione e al controllo della distribuzione di prodotti caseari nei territori della provincia di Caserta. Pertanto, l’uomo, si avvaleva di fidati collaboratori, quali Antonio Bianco, Armando Diana, Nicola Baldascino e Davide Natale, affiliati al clan casalese.

In particolare, gli indagati, obbligavano vari titolari di caseifici della penisola sorrentina, a rifornire in via esclusiva di prodotti le società dello Schiavone per la successiva distribuzione, impedendo dunque alle predette aziende di avere rapporti con altri distributori e garantendosi, una posizione di illecito predominio, nella distribuzione dei prodotti caseari nel comprensorio aversano. Gli imprenditori sottoposti alle vessazioni del gruppo Schiavone, venivano altresì costretti con condotte estorsive a non riscuotere crediti per decine di migliaia di euro, derivanti dalle pregresse forniture, nonché a vendere i propri prodotti a prezzo ribassato.

Infine, la commercializzazione, avveniva in maniera occulta, eludendo il sistema di tassazione fiscale imposto, cioè senza che i marchi “I Freschissimi” e “Bianco latte” comparissero nella documentazione contabile consegnata ai rivenditori al dettaglio. Le entrate delle suddette attività illecite, venivano rendicontate dagli indagati con cadenza settimanale direttamente a Walter Schiavone, nonostante questi fosse sottoposto alla misura degli arresti domiciliari per altro procedimento.

Nel corso dell’esecuzione della misura, la p.g. operante, ha provveduto inoltre a:

– effettuare il sequestro preventivo d’urgenza della società “Latticini e Formaggi”  di Antonio Bianco, impresa tramite la quale l’indagato continuava, ad oggi, a porre in essere l’illecità attività di immissione in commercio di prodotti lattiero-caseari con le modalità in precedenza illustrate;

– sequestrare sostanze stupefacenti (1.474 kg di hashish, grammi 72 di cocaina, marijuana 54 grammi), rinvenuta nel corso della perquisizione domiciliare presso l’abitazione di Diana Armando, occultata in un’intercapedine del vano camino, evidenza di una chiara attività di spaccio.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Napoli. Sorpreso uomo con pistola e cartucce in casa. Arrestato

Pubblicato

il

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Pianura hanno effettuato un controllo in via Evangelista Torricelli presso l’abitazione di un uomo dove hanno rinvenuto, nascosta nella federa di un cuscino in camera da letto, una pistola Beretta con matricola abrasa, una busta con 58 cartucce di vario calibro e un paio di guanti.
Rosario Iorio, 37enne napoletano con precedenti di polizia, è stato arrestato per detenzione di munizionamento e di arma comune da sparo

Continua a leggere

Cronaca

Napoli. Reati di resistenza e lesioni a pubblici ufficiali.

Pubblicato

il

Polizia di Stato
interveniva presso un appartamento di Corso Umberto, in quanto era in corso lo svolgimento di una
festa abusiva con musica ad alto volume, con la presenza di circa 100 persone, in palese violazione
delle disposizioni anti covid.
Giunti sul posto gli operanti venivano minacciati ed aggrediti dagli indagati, che procedevano anche
ad istigare le altre numerose persone presenti in quel momento nell’abitazione, di cui circa 40
successivamente identificate, a reagire nei confronti dei militari e a darsi alla fuga.
Si creava, a questo punto, una situazione di grave pericolo per l’incolumità dei verbalizzanti
intervenuti, che, mentre tentavano di identificare i presenti, venivano letteralmente travolti, aggrediti
e spinti per le scale del condominio dagli indagati e da numerosi altri soggetti che si davano alla fuga,
tanto da riportare anche lesioni personali.
L’attività investigativa, tempestivamente svolta, ha permesso, dunque, di giungere all’identificazione
degli indagati quali autori di condotte di evidente gravità ed allarme sociale, realizzate in totale
spregio delle normative anti covid, contribuendo consapevolmente a determinare una situazione di
notevole pericolo per gli agenti, e dalla quale per mero caso fortuito non sono scaturite conseguenze

Continua a leggere

Cronaca

Napoli. Controlli e sequestri di veicoli nel Rione Lotto Zero

Pubblicato

il

Stamattina i Nibbio dell’ Ufficio Prevenzione Generale e gli agenti dell’Ufficio Veicoli Abbandonati della Polizia Municipale hanno effettuato un servizio in viale delle Metamorfosi, via Angelucci, traversa Serino, via Mastellone e via Volpicelli dove hanno sequestrato 21 autovetture, 8 motoveicoli e 4 carcasse di moto parcheggiati in strada privi di copertura assicurativa.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante