Resta sintonizzato

Cronaca

Furto di materiale ferroso e rame a Giugliano: tre arresti

Pubblicato

il

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato di Giugliano-Villaricca hanno effettuato un controllo all’interno di uno stabilimento in disuso in località Masseria del Pozzo a Giugliano in Campania dove hanno sorpreso alcune persone intente ad asportare materiale ferroso e rame nonché componenti metallici dell’impianto  che, alla loro vista, si sono date alla fuga.

I poliziotti hanno raggiunto e bloccato nel piazzale due donne che stavano caricando il materiale appena asportato su alcune autovetture, mentre un uomo  è riuscito a fuggire per poi essere rintracciato presso la sua abitazione,  nelle cui immediate vicinanze è stato rinvenuto altro materiale simile a quello asportato dall’azienda nonché un borsone contenente attrezzi atti allo scasso.

Inoltre, gli operatori hanno accertato che era stato divelto un cancello secondario per accedere alla struttura ed hanno rinvenuto, all’interno dei capannoni, una smerigliatrice, un gruppo elettrogeno di continuità e diversi arnesi atti allo scasso.

Massimo Adzovic, 38enne di Giugliano in Campania già sottoposto alla misura della sorveglianza speciale, Romana Halilovic e D.S., giuglianesi di 43 e 33 anni con precedenti di polizia, sono stati arrestati per furto aggravato e danneggiamento; infine, sono state sequestrate quattro auto.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Benevento, choc in carcere: detenuto trovato impiccato

Pubblicato

il

Tragedia avvenuta nel pomeriggio di ieri nel carcere di Benevento, dove un 30enne detenuto di origini romene, si è impiccato. A dare la notizia, è stato il garante campano dei detenuti, Samuele Ciambrello. Ecco le sue parole: “È il quarto della Campania quest’anno, dopo i suicidi avvenuti nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, Avellino, Poggioreale, più il 16enne agli arresti domiciliari che si suicidò in una comunità di accoglienza. Complessivamente, in Italia, siamo arrivati a 29 suicidi tra i detenuti, alcuni presenti nelle articolazioni psichiatriche delle carceri. Stefan, era arrivato a maggio 2019 nel carcere di Benevento, accusato di furto, ricettazione e oltraggio”.

Poi aggiunge: “In un recente convegno nazionale, che ho promosso sulla salute mentale nei luoghi privati della libertà personale, ho sostenuto che l’efficacia di risposta ai bisogni di assistenza in carcere è davvero scarsa, a macchia di leopardo negli istituti dove, compreso Benevento, mancano psichiatri, progetti di inclusione sociale e un habitat fatto di spazi e relazioni. Quello che si richiede a tutti noi e alla politica in particolare, è la capacità di operare un salto culturale che riporti al centro i diritti dei sofferenti psichici dentro e fuori ogni mura. La salute mentale, è insidiata dalla costrizione fisica e dalla dipendenza totale per qualsiasi necessità della vita quotidiana. I luoghi chiusi, comprimono i diritti individuali in maniera incontrovertibile”.

Continua a leggere

Cronaca

Incidente stradale a Giugliano: un morto e due feriti gravi

Pubblicato

il

Paura a Giugliano, in via Arco Sant’Antonio, dove pochi minuti fa, si è verificato un pericoloso incidente che ha coinvolto una Lancia Delta di colore nero e una moto. Stando alle prime informazioni, il giovane centauro è morto sul colpo e l’altro ragazzo, a bordo della Yamaha, è gravemente ferito. In gravi condizioni, anche la persona a bordo dell’auto.

Continua a leggere

Cronaca

Follia post-parto: dà alla luce una bambina ma poi tenta di ucciderla

Pubblicato

il

Dramma sfiorato nel leccese, dove una 34enne pugliese, è stata arrestata dai carabinieri per tentato omicidio. In particolare, la donna, che aveva partorito in maniera clandestina nella sua abitazione, lo scorso 23 luglio, aveva dapprima tentato di uccidere la neonata, per poi abbandonarla nel giardino di casa, non riuscendo comunque a toglierle la vita. Al momento, la 34enne, è agli arresti domiciliari in una comunità riabilitativa assistenziale.

Tuttavia, stando alle prime informazioni, sarebbe stato il marito ad avvertire i sanitari, ma al loro arrivo, hanno trovato la piccola con alcuni tagli che la madre le aveva inferto. Poi, la stessa, aveva riferito agli agenti di non sapere di essere incinta e il marito, aveva confermato questa versione. Pertanto, la bimba, è stata subito condotta presso l’ospedale Vito Fazzi di Lecce, dove è attualmente ricoverata in buone condizioni: infatti, dopo la nascita, era stata trovata in un forte stato di ipotermia.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante