Resta sintonizzato

Nazionale

Giuseppe Conte: “Non posso impegnarmi solo col cuore quando la testa suggerisce che è sbagliato”

Pubblicato

il

L’ex Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, si è espresso nel pomeriggio di oggi, lunedì 28 giugno, nel corso di una conferenza stampa a Roma, al Tempio di Adriano, in merito alla questione del Movimento Cinque Stelle.

Dopo giorni di polemiche è finalmente emersa anche la versione di Conte: “Il 4 febbraio uscii da Palazzo Chigi e rilasciai alcune dichiarazioni pubbliche. In quell’occasione lanciai un appello perchè tutte le forze politiche che sostenevano il governo uscente sostenessero il governo Draghi. In quell’occasione mi venne spontaneo rilasciare una dichiarazione rivolta agli amici M5s: io ci sono e ci sarò. Fu una naturale manifestazione di affetto e riconoscenza per la reciproca fiducia e lealtà“.

Pochi giorni dopo Beppe Grillo mi chiese di diventare leader politico del M5s. Poi mi invitò a partecipare a un incontro il 28 febbraio per discutere del mio ingresso nel movimento. In quell’occasione rifiutai ritenendo che un mio ingresso a freddo non ratificato dalla base del M5s fosse privo di una legittimazione solida. Rifiutai di entrare subito nel Movimento che da alcuni mesi sta attraversando parecchie difficoltà. Si avverte la forte mancanza di una leadership solida, molti nodi si trascinano da anni e durante il confronto all’Hotel Forum fui molto schietto. Già in questa prima occasione ho anticipato una serie di innovazioni necessarie” ha affermato l’ex Presidente.

Ci siamo lasciati con il mio impegno ad elaborare un progetto di riforma del Movimento ed ho iniziato a lavorare per una sfida complessa e stimolante. In questi mesi ho letto e studiato tanto, ho fatto tantissimi incontri, ho dato l’indirizzo di posta elettronica e questa casella si è riempita di proposte la cui nota comune è stata quella di mantenere le radici ma di rinnovare allo stesso tempo il Movimento” ha spiegato Conte, in merito al primo incontro ufficiale con Beppe Grillo.

Spiegando poi “Nell’approssimarsi dell’appuntamento per il rilancio del Movimento sono emerse con Beppe Grillo alcune difficoltà. Innanzitutto io credo che non abbia senso imbiancare una casa che necessita di una profonda ristrutturazione. La mia franchezza non nasconde arroganza piuttosto esprime l’affetto che io ho per il Movimento che mi spinge a parlar chiaro. Io non riesco a impegnarmi in un progetto in cui non credo: non posso impegnarmi solo col cuore se poi la mia testa mi suggerisce che è sbagliato“.

“Questo è il momento in cui l’intera comunità Cinque Stelle deve assumersi la responsabilità delle proprie scelte. Il mio l’ho fatto ho elaborato anche uno statuto che preservi la piena facoltà politica del leader di turno, chiunque esso sia. Ho previsto una carta dei principi e dei valori che andrà condivisa. Ho avuto uno scambio di mail molto fitte con Grillo. Molte richieste le ho accolte altre non posso accoglierle. Devo ringraziare Vito Crimi. Consegnerò questi documenti domani mattina a Beppe Grillo e Vito Crimi. Sono pronto e credo che il Movimento debba ripartire piu forte di prima” ha spegato l’ex Presidente del Consiglio, illustrando quanto sia fondamentale fare delle modifiche affinchè il Movimento possa ripartire e facendo presente che nella mattinata di domani tutti i documenti saranno pubblici.

Affermando poi “A Beppe dico che non ne faccio una questione personeale e non ho mai chiesto le sue pubbliche scuse. Per fortuna ho il senso dell’ironia e so rispondere a tono. Lui sa bene il grande rispetti che provo per lui ma non possono esserci ambuiguità: spetta a lui decidere se lasciar crescere la sua creatura in autonomia o essere un padre padrone. Per lui ci sarà sempre il ruolo di garante. Una forza politica che ambisce a guidare il paese non può affidarsi ad una leadership dimezzata, occorre una leadership forte“.

In ogni caso il prestanome non potrei mai essere io. Il Movimento ha bisogno di una salda base di legittimazione democratica, ha bisogno di forza e coerenza per coltivare un dialogo chiaro con il territorio. I poteri del leader saranno anche minori di quelli previsti dall’attuale statuto. Considero questo le necessarie premesse per gestire un’organizzaione complessa. Non basata una telefonata a distanza con frammenti di informazioni: bisogna assicurare che da questa organizzazione complessa scaturisca una linea politica coerenta. E’ chiaro che queste dinamiche devono essere funzionali per i cittadini” ha detto Conte, facendo anche riferimento alla telefonata tra lui e Grillo di cui si è tanto parlato.

“All’intera comuinità Cinque Stelle chiedo di partecipare alla valutazione sincera di questa proposta. Da parte mia non mia accontenterò di una risicata maggioranza perchè per partire forte bisogna essere convinti e avere entusiasmo. A queste consdizioni ci metterò tutta l’anima. Mi auguro che gli organi competenti attivino quanto prima ciò che ho detto. Chi mi conosce sa che io non ho doppie agende, non ho nel cassetto pronto alcun piano B” ha continuato l’ex Premier, rispondendo alle domande di alcuni giornalisti presenti.

E a chi gli ha chiesto del possibile piano B e di come dovessero continuare le cose in caso di rottura con il Movimento ha risposto “Come ho sempre detto dall’inizio, il destino personale di Giuseppe Conte non deve preoccupare nessuno, solo Giuseppe Conte“.

In merito al rapporto con l’attuale Governo Draghi ha poi spiegato “Da subito ho cercato di favorire il Governo Draghi: il piano presentato è una grande opportunità per tutti. Non dobbiamo essere egoisti. Dobbiamo lavorare anche per le generazioni future”.

Gli è stata poi posta una domanda su Di Maio e sul riferimento precedente che lui ha fatto ad un plausibile prestanome “Io non ho detto che i leader che si sono fin qui succeduti sono stati prestanome. Di Maio nel 2018 ha portato il Movimento a un grande successo. Fin qui il Movimento ha avuto solo un garante e un leader politico, ora bisogna organizzarsi meglio, anche sul territorio. Credo e sono convinto che Beppe Grillo rimanga in questo progetto e faccia parte di esso“.

In merito agli obiettivi già presentati e al suo appoggio a Napoli e in Calabria ai rispettivi candidati ha poi spiegato: “Penso al patto per Napoli dove con Letta e Speranza abbiamo delineato la figura di Manfredi. E’ un progetto forte in sè che andrà avanti. Così come mi sono impegnato in Calabria individuando la candidata Maria Antonietta Ventura. Andrò nei territori anche da semplice cittadino. Cercando di far comprendere a questi ultimi l’importanza dei singoli progetti per loro stessi“.

Concludendo “Non mi basta la fiducia, confido nell’entusiasmo di Grillo in questo progetto. La comunità del Movimento Cinque Stelle ha voglia di partire forte e dobbiamo mettere un punto fermo. Il Movimento Cinque Stelle, come ho già detto, è nello schieramento si dsinistra. Ma il compito della politica seria è proporre qualcosa di più credibile e solido rispetto alla destra. Con il PD si continuerà a collaborare“.

Dopo giorni di polemiche e di tensioni intestine all’interno del Movimento, l’ex premier ha così ricostruito gli eventi degli ultimi mesi e annunciato la sua posizione.

Campania

Traffico di cocaina grande colpo della GDF

Pubblicato

il

Alle prime luci dell’alba si è dato inizio a un’operazione condotta dai militari del Comando provinciale della Guardia di finanza di Catanzaro e del servizio centrale investigazione criminalità organizzata della Guardia di finanza di Roma, coordinati e diretti dalla Dda di Reggio Calabria per l’esecuzione, in diverse regioni d’Italia come Calabria, Piemonte, Puglia, Lombardia, Campania, Sicilia e Valle d’Aosta57 misure cautelari nei confronti di esponenti di un’organizzazione criminale dedita a una navigazione di cocaina dal Nord-Europa alla Spagna. Sono in corso sequestri di oltre 3,7 milioni di euro. Tra gli arresti, condotti tra Reggio, Napoli e Giugliano in Campania, ci sono esponenti di cosche della ‘ndrangheta del Reggino.

Continua a leggere

Nazionale

Lutto per Paola Toeschi moglie di Dodi Battaglia

Pubblicato

il

Paola Toeschi attuale moglie di Dodi Battaglia e ex chitarrista dei Pooh viene a mancare per un cancro al cervello e a dare la notizia è stato proprio il marito con un post su i social “È con straziante dolore che vi comunico che questa mattina mia moglie Paola ci ha lasciati dopo una lunga malattia. Dodi Battaglia

La donna combatteva la malattia da ormai 10 anni che viene raccontata anche nel libro “Più forte del male” Paola lascia così suo marito Dodi Battaglia e sua figlia di 15 anni Sofia

Continua a leggere

Attualità

Scuola. Pronti i test salivari per gli studenti di elementari e medie

Pubblicato

il

Teresa Palamara, responsabile del dipartimento di malattie infettive dell’Istituto superiore di sanità e ordinaria di Microbiologia alla Sapienza di Roma, annuncia i test salivari per gli studenti e i professori a scuola.

L’iniziativa servirà a monitorare i contagi Covid nelle scuole e si pensa di ripeterli ogni 15 giorni su un campione di classi sentinella: «L’obiettivo è gravare il meno possibile sulle famiglie e allo stesso tempo garantire un monitoraggio efficace, uniforme su tutto il territorio nazionale, per controllare la circolazione del virus», ha spiegato Palamara in un’intervista al Corriere della Sera.

Aggiungendo poi «Il piano è in fase di limatura per arrivare a una definizione condivisa, speriamo di poterlo attivare gradualmente fin dall’avvio dell’attività didattica e di renderlo pienamente operativo in autunno-inverno, quando i virus respiratori, come il Sars-CoV-2, raggiungono la massima diffusione».

E questo perché «i genitori non possono sostenere l’incombenza di stare in fila per i tamponi. Stiamo lavorando insieme alle Regioni perché la raccolta della saliva possa avvenire a casa, con semplici dispositivi per il campionamento, e le provette vengano raccolte in centri sul territorio da dove verranno inviate ai laboratori di riferimento. È stato scelto il metodo di campionamento salivare proprio perché il prelievo naso-faringeo, oltre che più invasivo, sarebbe stato più complesso. Sono stati scelti test della migliore qualità per ridurre al massimo il rischio di risposte di falsi positivi o falsi negativi. Vogliamo assicurare alla scuola la continuità didattica in presenza anche per gli alunni che, per età, tra 5 e 12 anni, non hanno accesso a vaccini pediatrici, non ancora disponibili».

Continuando «In caso di positività le Asl attiveranno i protocolli prestabiliti. Le linee guida che sono state utilizzate nell’anno scolastico precedente sono attualmente in fase di revisione. Secondo noi bisogna adottare protocolli agili per evitare chiusure inutili e controproducenti per la vita di bambini e famiglie. Il piano di monitoraggio non è uno strumento per limitare l’accesso a scuola ma per controllare la circolazione del virus e permettere agli studenti di frequentare con tranquillità, fermo restando che sarà necessario mantenere comportamenti individuali responsabili. Quindi indossare la mascherina chirurgica laddove non è possibile».

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante