Resta sintonizzato

Meteo

Meteo. Fine del gran caldo: le previsioni per giovedì 15 luglio

Pubblicato

il

Dopo il caldo intenso, le condizioni meteo sull’Italia sono decisamente cambiate per l’arrivo dell’aria fresca che accompagna la perturbazione tuttora in atto sull’Italia che sta procedendo verso le regioni meridionali: l’ultima breve impennata del caldo africano terminerà entro giovedì 15 anche al Centro-Sud.

Nel frattempo al Nord, almeno fino a sabato 17, proseguirà l’instabilità atmosferica, con il rischio di temporali a tratti anche intensi.

Al Centro-Sud invece l’instabilità, con improvvisi rovesci e temporali, si farà sentire soprattutto verso la fine della settimana. L’arrivo delle piogge sulle nostre regioni centro-meridionali interromperà la lunga fase di siccità che sta colpendo il territorio.

In Campania, giovedì 15 luglio, come indica Meteo.it, al mattino un po’ di nubi sparse. Temperature minime in calo. Nel pomeriggio tempo soleggiato con pochi ed innocui annuvolamenti. Temperature massime in ulteriore calo con massime per lo piu’ tra 27 e 31 gradi. Venti moderati. Mari mossi.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Paura nel casertano, il maltempo provoca frane e allagamenti

Pubblicato

il

Il maltempo mette in ginocchio il casertano, in particolare a Santa Maria Capua Vetere, dove nella giornata di ieri, una vera e propria bomba d’acqua, ha causato diversi disagi. Infatti, si è verificata una frana all’altezza dello svincolo autostradale in direzione Roma: il bivio per l’uscita, si è rapidamente allagato paralizzando la circolazione stradale. Inoltre, molte attività, non hanno potuto aprire al pubblico a causa di allagamenti di strade e marciapiedi in tutta la città.

Continua a leggere

Meteo

Meteo. Le previsioni per la giornata di oggi

Pubblicato

il

Una perturbazione si allontana dall’Italia. Tempo spiccatamente instabile al Nord e sulle regioni centrali tirreniche e in Umbria e quindi sulle Marche: su queste regioni si avranno rovesci temporaleschi alternati a schiarite e a carattere irregolare. Più stabile altrove con cielo poco o parzialmente nuvoloso salvo per la possibilità di precipitazioni sulla Campania. Venti variabili.

NORD

Atmosfera spiccatamente instabile. La giornata sarà caratterizzata da una mattinata piovosa e temporalesca su Lombardia, Nordest e Liguria di levante, migliora ovunque nel pomeriggio. Mar Ligure mosso, quasi calmo l’Adriatico.

Temperature. Valori massimi attesi tra i 24 di Genova e i 27 di Bologna e Milano

CENTRO e SARDEGNA

Tempo a tratti instabile sulle nostre regioni. La giornata sarà contraddistinta da una mattinata instabile e con temporali in Toscana e Lazio e Umbria, tante nuvole altrove. Nel pomeriggio temporali ancora in Umbria e sulle Marche, ultimi sul Lazio meridionale, migliora altrove. Venti deboli dai quadranti meridionali.

Temperature: Valori massimi compresi tra i 22 di l’Aquila e i 30 di Cagliari

SUD e SICILIA

L’alta pressione protegge le nostre regioni. La giornata trascorrerà con un cielo irregolarmente nuvoloso su gran parte delle regioni con precipitazioni sparse al mattino, temporalesche in Campania, anche nel pomeriggio. Venti deboli dai quadranti meridionali. Mari generalmente calmi.

Temperature: Valori massimi attesi tra i 27 di Potenza e i 32-33 di Bari e Catanzaro

Continua a leggere

Attualità

Campania, scatta l’allerta meteo: la situazione

Pubblicato

il

Scatta l’allerta meteo in Campania, almeno questo è quanto emanato dalla Protezione Civile, che ha posto il livello di criticità idrogeologica per temporali di colore giallo, valevole dalle 10 alle 22 di domani. Pertanto, sono da tenere d’occhio diverse zone, tra cui l’Area Vesuviana e la Penisola Sorrentino-Amalfitana, dove si prospettano precipitazioni repentine e anche molto intense. Tuttavia, tali fenomeni temporaleschi, sono difficilmente prevedibili in termini spaziali e temporali, poiché caratterizzati da una grande rapidità di evoluzione. A questo quadro, sono associati possibili fenomeni d’impatto al suolo, come:

  • Caduta massi ed occasionali fenomeni franosi, anche in assenza di precipitazioni;
  • Ruscellamenti superficiali con possibili fenomeni di trasporto di materiale;
  • Inondazioni delle aree limitrofe a corsi d’acqua anche per effetto di criticità locali;
  • Allagamenti di locali interrati e di quelli a pian terreno;
  • Scorrimento superficiale delle acque nelle sedi stradali e possibili fenomeni di rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque meteoriche, con tracimazione e coinvolgimento delle aree urbane depresse;
  • Caduta di rami o alberi.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante