Resta sintonizzato

Cronaca

[Video] Si nascondono dietro il titolare morto per evitare il fisco: operazione della Guardia di Finanza ad Ischia

Pubblicato

il

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli, ha dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo per circa un milione di euro, emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari di Napoli, nei confronti di una società operante nel settore alberghiero e della ristorazione di Ischia (NA).

Le indagini sono state condotte dalle Fiamme Gialle della Tenenza di Ischia che hanno accertato come negli anni la società abbia sistematicamente omesso di versare le ritenute d’imposta sulle
retribuzioni dei dipendenti. Di qui il danno quasi milionario.

Grazie agli approfondimenti effettuati è stato possibile individuare anche i gestori di fatto della società, i quali hanno continuato ad operare anche dopo il decesso del titolare legale dell’azienda ed è
per questo motivo che il provvedimento di sequestro è stato esteso proprio nei confronti dei gestori di fatto della società.

Le indagini si sono sviluppate, mediante acquisizioni documentali, audizioni di persone informate sui fatti ed analisi della documentazione contabile e hanno consentito di dimostrare che le decisioni sulla conduzione dell’azienda, e quindi anche quelle di omettere il versamento delle imposte, erano state assunte dai gestori di fatto della società che si schermavano dietro la figura del titolare legale, anziano poi deceduto.

Il sistema, pertanto, oltre al danno erariale, di fatto rischiava di rendere vana l’azione di contrasto, sia sotto il versante penale sia sotto quello fiscale.

Cronaca

MELITO. Candidato M5S diffama a mezzo Facebook Nunzio Marrone. Denunciato in Procura per diffamazione.

Pubblicato

il

MELITO DI NAPOLI – Si fa sempre più incandescente la campagna elettorale nella città del melo al punto tale che volano serie azioni diffamatorie, forse anche dolose, nei confronti dei candidati a Sindaco o intere coalizioni, per non parlare dei tentativi di voti di scambio perpetrati da alcuni candidati che si spacciano per operatori comunali in ambito di elargizioni di favori istituzionali, come sbrigare pratiche per il reddito di cittadinanza fino all’otturazione delle buche con asfalto e tanto di camion spacciato per mezzo comunale.

Ovviamente queste due pratiche sono state subito denunciate dai due candidati a Sindaco Nunzio Marrone e Dominique Pellecchia e dove gli inquirenti stanno facendo luce sulla matrice e sulla veridicità delle volontà di mettere in atto alcune azioni politiche degne di un’altra era. Ma veniamo ai fatti attuali.

In questi giorni non è passato inosservato un commento fatto a mezzo Facebook di un candidato al Consiglio comunale per il Movimento 5 Stelle ai danni del candidato a Sindaco Nunzio Marrone che non solo era lesivo della sua onorabilità in quanto accusato di voto di scambio aggravato dal metodo politico mafioso ma che alla lettura del post, la voce ha cominciato anche a diffondersi rapidamente sul territorio.

Il commento in risposta ad un’altra utente Facebook recitava: Tag all’utente – …hai la verità in tasca? Allora indaga su tutta la camorra che si agita nelle palazzine per comprare i voti per Marrone”

Indubbiamente un gesto vile per portare vantaggio elettorale alla sua coalizione in maniera illecita e diffamatoria e un’affermazione priva di prove come lo dimostrano alcuni audio whatsapp di scuse intercorsi tra il candidato pentastellato e il leader del centrodestra con conseguente rimozione del commento.

Un commento lasciato li e poi rimosso dopo svariate ore atto solo a denigrare e diffamare l’operato politico di una fazione avversaria del quale, a tal riguardo, non si sono sentite o lette prese di distanze o condanne da parte della sua candidata a Sindaco Dominique Pellecchia a cui sicuramente gioverà questo tipo di comportamento da parte dei suoi.

Una dimostrazione delle conseguenze di questo pensiero instillato sui social dal candidato pentastellato è anche un articolo apparso su una testata giornalistica locale – più conosciuta per le querele di diffamazione che riceve il suo direttore che per le inchieste che crede di condurre – che lascia intendere che la legalità sia insita solo nelle file di Dominique Pellecchia e di Luciano Mottola che non hanno perso tempo a denunciare il voto di scambio politico mafioso sul territorio.

Così, nonostante le scuse private – che non bastano ndr – fatte in privato al candidato Sindaco Nunzio Marrone, lo stesso si è visto costretto a recarsi dai Carabinieri per denunciare il fatto e dimostrare alla città intera la sua estraneità ai fatti a lui accusati e la sua totale innocenza. E speriamo che quanto prima giustizia venga fatta.

Continua a leggere

Cronaca

Un drammatico ritrovamento: rinvenuto il cadavere di Giacomo Sartori, aveva 29 anni

Pubblicato

il

I carabinieri del Comando Provinciale di Milano, hanno ritrovato il corpo senza vita di Giacomo Sartori, 29enne del Bellunese, che era scomparso a Milano dallo scorso 18 settembre. Il suo cadavere, è stato rinvenuto a Casorate Primo, in provincia di Pavia, vicino al luogo dove si trovava anche la sua auto. Pertanto, gli investigatori, dopo aver ritrovato la vettura regolarmente chiusa, hanno ipotizzato che il ragazzo, si trovasse poco distante dal posto. Al momento, sono in corso gli accertamenti del medico legale, per determinare le cause di morte, anche se non si può escludere alcuna ipotesi.


  



 

Continua a leggere

Cronaca

Abusava sessualmente delle sue allieve minorenni: nei guai maestro di equitazione casertano

Pubblicato

il

Il Pubblico Ministero del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, ha richiesto una pena di undici anni, nei confronti di un 50enne casertano maestro di equitazione. L’accusa, è quella di abusi sessuali nei confronti delle allieve, in molti casi minori di 14 anni. In particolare, l’inchiesta, è nata grazie alle denunce delle ragazzine, che hanno rivelato i fatti ai giudici. Secondo la Procura, il 50enne, avrebbe utilizzato la propria autorità, per costringere le allieve a subire abusi sessuali. Inoltre, ad incastrarlo, sono state soprattutto le chat erotiche su Whatsapp, nelle quali il maestro, richiedeva foto nude delle vittime.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante